BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Diretta / Como-Ascoli (risultato finale 0-4) info streaming video e tv: brutta batosta per i padroni di casa (Serie B, oggi 3 ottobre 2015)

Diretta Como-Ascoli info streaming video e tv, orario della partita di Serie B valida per la sesta giornata allo stadio Piola di Novara (oggi sabato 3 ottobre 2015, ore 15.00)

Tifosi del Como (Infophoto) Tifosi del Como (Infophoto)

E' finito quattro a zero il match tra Como e Ascoli con la netta vittoria della formazione di Petrone che ha davvero sottomesso Scuffet e soci grazie ad una valanga di gol. Per il Como una brutta giornata e i tifosi non hanno preso bene questa sconfitta. Attenzione alla situazione di Sabatini in panchina. L'Ascoli invece torna a casa con tre punti e soprattutto con una bella vittoria che darà sicuramente entusiasmo alla formazione di Petrone.

Come già detto in precedenza partita decisamente finita. Non è arrivata la reazione del Como bensì è stato l'Ascoli a segnare nuovamente. Quarto gol dei romagnoli che chiudono la partita, per il Como notte fonda. Il gol è arrivato al 59esimo minuto grazie a Jakto che supera sbaffo e batte il portiere Scuffet per la quarta volta. E i tifosi del Como non prendono bene la dura lezione dell'Ascoli.

Assolutamente senza partita il match tra Como e Ascoli. Arriva infatti il terzo gol al minuto 53' con il gol del bomber del club marchigiano Daniele Cacia che mette a segno su assist di Pirrone che batte Scuffet. Ascoli ormai in pieno potere del match e Como ormai senza speranza. Purtroppo la partita per il Como sembra essere finita e servirà senza dubbio una scossa da parte della formazione di Sabatini.

È terminato pochi istanti fa il primo tempo della sfida del Piola di Novara, fra il Como e l’Ascoli, con le due squadre che sono andate negli spogliatoi sul risultato di 0 a 2 in favore dei bianconeri. Al 32esimo prova a rispondere il Como al micidiale 1-2 ascolano: tiro da 20 metri di Ebagua, ma la palla non trova la porta. Al 33esimo ci prova Grassi, ma anche in questo caso la palla finisce a lato. Al 35esimo tentativo di sfondamento del Como, con la palla che rimane pericolosamente nell’area dell’Ascoli prima che questa venga spazzata via. Al 41esimo ammonizione per Giorgi dopo fallo su Bessa. Nessun’altra azione pericolosa da segnare in questo primo tempo del match.

Prima mezz’ora di gioco allo stadio Piola di Novara, con la sfida fra i padroni di casa del Como e gli ospiti dell’Ascoli attualmente sul risultato di 0 a 2 per gli ascolani. Al 16esimo minuto tentativo di Ebagua, con un sinistro da pochi metri che Lanni è bravissimo a respingere con i piedi. Passano due minuti e risponde l’Ascoli: al 18esimo di gioco bel tiro di Jankto con palla che finisce vicinissima al palo, con Scuffet battuto. Al 23esimo grande parata di Scuffet che devia un tiro insidioso di Grassi. E’ il preludio al gol dei bianconeri che arriva al 25esimo, ed è firmato Giorgi: assist di Antonini dalla sinistra con il difensore che colpisce di testa e insacca. Passano due minuti e l’Ascoli trova addirittura il raddoppio con Perez.

È passato circa un quarto d’ora di gioco del primo tempo della sfida fra il Como e l’Ascoli con le due formazioni attualmente sul risultato di 0 a 0, perfetta parità. La prima azione del match porta la firma del Como: al terzo minuto, tiro di Gerardi con palla che finisce a lato della porta anche se di poco. All’ottavo minuto di gioco si fa vedere anche l’Ascoli: gran bel tiro di Grassi dal limite dell’area con la palla che finisce di poco fuori. Al decimo è di nuovo il Como a farsi vedere: bel tiro di Gerardi dopo essere scattato in posizione regolare, con palla che termina fuori non di molto.

Alle ore 15.00 di oggi pomeriggio, in diretta dallo stadio Piola di Novara, si giocherà la sfida fra il Como e gli ospiti dell’Ascoli, gara valevole per il sesto turno del campionato di Serie B 2015-2016. Attendendo il fischio iniziale del direttore del match, andiamo a vedere insieme le formazioni ufficiali della partita. (3-5-2): Scuffet, Borghese, Cassetti, Garcia Tena; Madonna, Brillante, Bessa, Sbaffo, Marconi; Gerardi, Ebagua. A disposizione: Crispino, Ambrosini, Ntow, Scaapuzzi, Jakimovski, Casasola, Minotti, Bentivenga, Casoli. Allenatore: Sabatini. (4-3-1-2): Lanni; Almici, Canini, Milanovic, Antonini; Giorgi, Pirrone, Jankto; Grassi; Cacia, Perez. A disposizione: Svedkaukas, Nava, Cinaglia, Addae, Carpani, De Grazia, Frediani, Berrettoni, Caturano. Allenatore: Petrone.

I padroni di casa giocano con un offensivo 3-5-2, bravi a muoversi in diagonale con diversi calciatori abili a saltare l'uomo in rapidità. L'Ascoli gioca con un attento 3-5-2 che vede nei suoi esterni due giocatori di grande affidabilità. Il Como è intenso nel gioco in mezzo al campo dove ci sono giocatori talentuosi come Bessa, Brillante e Sbaffo. Dietro c'è poi l'esperienza di Cassetti che dovrà essere bravo a muoversi in diagonale anche quando andrà ad attaccare gli spazi. La squadra ospite è brava ad allargare il gioco con Antonini e Almici bravi a puntare la profondità ma anche molto utili a tornare in fase difensiva visto che entrambi nascono difensori esterni da linea a quattro. Davanti l'esperienza di Cacia può essere determinante anche perchè è un ragazzo bravo a sacrificarsi per la squadra. Inoltre dietro ci sono centrocampisti come Giorgi bravi a infilarsi.

Sarà lo stadio Giuseppe Sinigaglia il teatro della sfida tra Como e Ascoli, ossia tra una neopromossa e una ripescata dalla Lega Pro. La formazione lombarda, allenata da Carlo Sabatini, è reduce dalla vittoria esterna in casa del Novara (0-2), tirandosi fuori dalle sabbie mobili della zona retrocessione; quella marchigiana, sotto la guida tecnica di Mario Petrone, ha costretto il Brescia al pareggio (0-0) e rimane tuttora in zona play-out, assieme all'Avellino. Quello tra Como e Ascoli è uno scontro diretto abbastanza inusuale, almeno negli ultimi anni; gli unici precedenti risalgono infatti alla stagione 2003-2004, quando entrambe erano iscritte al campionato di Serie B. All'andata (14 settembre 2003 al Del Luca di Ascoli) vittoria dei padroni di casa per 1-0, al ritorno (15 febbraio 2004 al Sinigaglia) il Como si vendica battendo la compagine marchigiana con il risultato di 2-1. Una vittoria a testa per entrambe, dunque, e nessuno scontro finito in parità.

E Ascoli si gioca alle ore 15.00 e sarà diretta dall'arbitro Antonio Rapuano di Rimini. Scontro tra matricole terribili nel match che allo stadio Piola di Novara (stante la perdurante indisponibilità del Sinigaglia) vedrà opposti i lariani 'padroni di casa' all'Ascoli. Due squadre neopromosse dalla Lega Pro: il Como dopo l'insperato successo nei play off, l'Ascoli grazie al ripescaggio ai danni del Teramo, coinvolto nello scandalo del calcioscommesse. Finora, cinque punti per i lombardi e quattro per i marchigiani.

Dopo i pareggi contro Perugia e Trapani, il Como ha centrato la prima vittoria della stagione andando a vincere sul campo del Novara. Tre punti d'oro ottenuti grazie all'autogol di Faraoni e al gol di Ebagua, con entrambe le marcature arrivate negli ultimi dieci minuti di gioco.

L'Ascoli è invece reduce da un pareggio senza reti in casa contro il Brescia che ha spezzato una serie di due sconfitte consecutive. Per entrambe le formazioni l'obiettivo stagionale è la salvezza, ma dovendo dare un giudizio, il Como di Carlo Sabatini, dopo due ko nelle prime due giornate, sembra essersi adattato meglio alla categoria superiore anche sul piano del gioco, rispetto a un Ascoli che deve ancora prendere le giuste misure, e soprattutto che sembra faticare ad esprimersi in maniera efficace in fase offensiva. 

Sia Sabatini che Petrone si affidano ad un 3-5-2, tatticamente una scelta comprensibile per due neopromosse che mirano soprattutto a mantenere un certo equilibrio di fronte a squadre attrezzate per la rincorsa alla Serie A. Nello scontro diretto però questa impostazione potrebbe far scaturire una partita piuttosto bloccata, in cui la paura di perdere potrebbe avere la meglio sulla voglia di vincere. In questo senso come detto il Como si è mostrato maggiormente intraprendente nelle ultime partite, riuscendo a raccogliere punti vitali in trasferta sia a Perugia, sia nell'ultimo blitz a Novara. L'attacco dell'Ascoli ha un po' le polveri bagnate, e Petrone attende i gol di un bomber estremamente esperto per la categoria come Cacia per riuscire ad ottenere punti che in chiave salvezza potrebbero rivelarsi decisivi.

Carlo Sabatini ha espresso grande soddisfazione per il carattere messo in mostra dai suoi nelle ultime tre partite. I due ko iniziali potevano intimidire la squadra che invece si è adattata con calma alla nuova realtà della Serie B, riuscendo così a veder crescere esponenzialmente anche la qualità delle proprie prestazioni. Petrone ha comunque analizzato positivamente l'ultimo pareggio contro il Brescia, sottolineando come l'Ascoli abbia comunque avuto le occasioni giuste per vincere la partita, senza riuscire però a sfruttarle anche a causa di un pizzico di inesperienza. Le quote dei bookmaker vedono il Como, anche alla luce dell'ultima tendenza di risultati, favorito con Snai che piazza a 2.25 la vittoria interna dei lariani. Betfair offre a una quota di 3.25 il pareggio, mentre William Hill propone ad una quota di 3.60 l'affermazione esterna dei marchigiani.

La partita di Serie B Como-Ascoli sarà trasmessa in diretta tv da Sky sul canale Calcio 9 HD, il numero 259 del Box: telecronaca dalle ore 15:00. I clienti Sky abbonati al pacchetto Calcio potranno seguire il match anche in diretta streaming video tramite l'applicazione SkyGo, disponibile per pc tablet e smartphone; per i non abbonati al pacchetto il codice d'acquisto pay-per-view è 486278. Sui canali Sky Sport 1 HD (numero 201) e Sky Super Calcio HD (206) andrà in onda il programma Diretta Gol Serie B, con aggiornamenti in tempo reale da tutti i campi.

Diretta radio sulle frequenze di Rai Radio 1 (FM 89,3), all'interno del programma Tutto il calcio minuto per minuto - Serie B che andrà in onda dalle ore 14:50 e fino alle ore 17:00. Aggiornamenti sul risultato di Como-Ascoli inoltre saranno disponibili sul sito ufficiale www.legab.it.

© Riproduzione Riservata.