BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Carpi-Verona (0-0): Fantacalcio, i voti della partita (Serie A 2015-2016, 11^ giornata)

Pubblicazione:domenica 1 novembre 2015 - Ultimo aggiornamento:domenica 1 novembre 2015, 18.09

Foto Infophoto Foto Infophoto

Carpi

BENUSSI 6: Quasi mai impegnato, sbaglia un uscita ad inizio partita ma poi cresce, parando con sicurezza il tiro di Gomez e uscendo con autorità sui tanti cross tentati dagli avversari.

ZACCARDO 6,5: Il capitano biancorosso viene schierato da Sannino nella sua posizione d'origine, largo a destra, dove non commette alcun errore ed aiuta con la sua esperienza i suoi compagni di reparto. Finalmente lo abbiamo rivisto nell'area avversaria a cercare il gol dopo molte partite in cui l'allenatore aveva preferito bloccarlo dietro.

SPOLLI 6: Il difensore argentino ha dovuto occuparsi di Pazzini ed è stato un duello molto fisico in cui non ha certamente demeritato. Ha guidato la retroguardia con sicurezza fino a quando un infortunio al ginocchio lo ha costretto ad uscire dal campo.

ROMAGNOLI 5,5: Il centrale emiliano ha sofferto nel primo tempo la fisicità e l'esperienza di Pazzini che lo ha costretto al cartellino giallo e a rischiare, in un intervento in scivolata, anche il rosso. Nella ripresa, grazie alla crescita della squadra biancorossa, ha potuto controllare con meno patemi.

GABRIEL SILVA 6,5: Il laterale brasiliano è stato uno dei più positivi sia nel primo tempo, durante il quale ha effettuato due buoni cross non sfruttati dai compagni, ma anche nella seconda frazione ha dimostrato l'ottima condizione fisica con una cavalcata di 30 metri bloccata da Gomez con un fallo da dietro.

MARRONE 5,5: Il geometra della manovra biancorossa non è mai riuscito a prendere in mano le redini della partita e si è fatto più apprezzare in fase di interdizione, durante la quale ha però rischiato il doppio cartellino giallo nel corso del primo tempo. Da applausi la veronica nel finale di gara con la quale è uscito a testa alta dalla difesa.

BIANCO 5,5: Il centrocampista biancorosso si è concentrato sulla fase difensiva, cercando di contenere Hallfreddson con risultati non sempre soddisfacenti. Non si è quasi mai fatto notare invece in fase di impostazione.

LAZZARI 6: Il numero dieci emiliano è la mossa a sorpresa di Sannino, lui prova a mettere la sua qualità a disposizione della squadra ma questa non è stata certamente la partita adatta alle sue caratteristiche anche se l'impegno non è certamente mancato.

DI GAUDIO 6: Buon primo tempo del veloce attaccante biancorosso che si è reso pericoloso in almeno due occasioni. Nella ripresa è visibilmente calato ed infatti non è mai riuscito a mettere in difficoltà la retroguardia gialloblù.

LASAGNA 6: Dopo una prima metà di gara alquanto deludente, il centravanti carpigiano è andato vicino al gol in due occasioni in avvio di ripresa. In entrambe è stato bravo Rafael ma forse avrebbe potuto far di più con i suoi tiri che erano potenti ma anche centrali.

MATOS 5,5: Il brasiliano nella prima frazione di gara è stato troppo largo e lo si è notato solamente quando ha "ciccato" un tiro al volo, mentre nei secondi quarantacinque minuti ha accentrato la sua posizione andando vicino al vantaggio con un tiro potente. Mister Sannino si aspettava però qualcosa di più.

 

BUBNJIC 6: Il croato sostituisce l'infortunato Spolli senza soffrire più di tanto la spinta finale degli avversari. La stanchezza di Pazzini ha sicuramente agevolato il suo compito.

WILCZEK 5,5: Il polacco è un attaccante completamente diverso da Lasagna. La velocità non è tra le sue armi ed i suoi compagni non riescono a cambiare, cercandolo sempre con lanci lunghi sui quali lui non riesce mai ad arrivare.

COFIE S.V.: Pochi minuti al posto di esausto Lazzari nei quali riesce a prendere un rimprovero dal suo allenatore per la posizione errata in campo.

 

All.SANNINO 5,5: L'allenatore, che ha subito due brutte sconfitte nei minuti di recupero in due scontri diretti, è ancora rischio esonero e la gara di oggi non allonterà di certo le voci che danno la sua panchina in bilico. La squadra, dopo un opaco primo tempo, ha provato a reagire nella seconda frazione ma la salvezza sembra sempre più lontana.


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >