BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Boxe/ News, de la Hoya punge Mayweather: 'Pugilato migliore senza di te'

Boxe, news: dopo il definitivo ritiro dal pugilato di Floyd Mayweather, il collega Oscar de la Hoya ha indirizzato una lettera a 'Pretty Boy' attaccandolo con ironia

Oscar de la Hoya, 42 anni, statunitense (INFOPHOTO)Oscar de la Hoya, 42 anni, statunitense (INFOPHOTO)

Oscar de la Hoya all'attacco contro Floyd Mayweather. Non sul ring ma dalle pagine della rivista Playboy: il pugile losangelino, ritiratosi nel 2009, ha indirizzato una lettera al connazionale originario del Michigan commentando il suo ritiro. Nel settembre scorso il trentottenne Mayweather ha annunciato l'addio definitivo dalle competizioni, decisione che aveva già preso nel 2007 prima di tornare sui suoi passi due anni più tardi. Oscar de la Hoya e Floyd Mayweather si sono sfidati a Las Vegas nel celebre incontro del 5 maggio 2007, valido per il titolo di campione superwelter WBC: fu il secondo a vincere ai punti dopo 12 riprese. Le stesse con cui Mayweather ha portato a casa il suo ultimo combattimento in carriera, disputato il 12 settembre scorso contro lo sfavorito Andre Berto per la corona WBC e WBA dei pesi welter e super welter. Su questo match de la Hoya non si è risparmiato, questo il passaggio nella lettera: "Ammettiamolo: sei stato noioso. Basta dare un'occhiata alla tua più recente performance, il tuo ultimo urrà sul ring. Tutti nella boxe sapevano che Berto non aveva la minima chance. Penso che la gente abbia preferito rivedere Family Guy (la serie tv nota in Italia come i Griffin, ndr) che non sintonizzarsi su questo incontro in pay per view. Ma non mi è dispiaciuto sborsare 75 dollari, in realtà è stato un grande investimento. Quando i miei figli avranno problemi ad addormentarsi, non dovrò più leggere qualcosa. Basterà mostrare loro il tuo incontro con Berto, non andrebbero oltre il terzo round". de la Hoya ha attaccato anche il record sul ring di Mayewather, fatto di sole vittorie (49): "Una pietra miliare che ti piace dire che solo il grande Rocky Marciano ha raggiunto, ma che in realtà è stata raggiunta da altri tra cui il mio idolo Julio Cesar Chavez. Ma cosa importa? E ora ti stai ritirando. Ancora. Stavolta dici che è vero, che stai sul serio appendendo i guantoni al chiodo. Perciò ti scrivo oggi per dirti affettuosamente addio. A dire il vero, non sono scontento di vedere che ti ritiri. Né lo sono un sacco di appassionati di boxe, anzi la maggior parte. Come mai? Perché il pugilato sarà migliore senza di te".

© Riproduzione Riservata.