BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Diretta/ Irlanda-Bosnia (risultato finale 2-0): cronaca e tabellino. Irlandesi qualificati! (playoff Euro 2016, oggi 16 novembre 2015)

Diretta Irlanda-Bosnia, info streaming video e tv: risultato live e cronaca della partita di ritorno dei playoff che vale per un posto nella fase finale agli Europei 2016 (ore 20:45)

Foto Infophoto Foto Infophoto

L'Irlanda conquista l'accesso alla fase finale di Euro 2016: la nazionale del ct Martin O'Neill batte la Bosnia 2-0 nel ritorno dello spareggio che assegnava uno dei posti ancora in palio. Nella prima frazione di gioco l'Irlanda aggredisce subito gli avversari schiacciandoli nella loro metà campo, e saranno proprio i padroni di casa ad avere la prima palla gol con Brady che serve Walters ma Begovic esce e fa suo il pallone. Ogni tanto avanza anche la Bosnia ma senza produrre occasioni da gol, a sbloccare il match ci pensa l'arbitro Kuipers che assegna un calcio di rigore all'Irlanda per un fallo di mano di Zukanovic (in realtà involontario) dentro l'area. Dagli undici metri Walters non sbaglia e fa 1 a 0. Reazione immediata degli ospiti con Dzeko che prova il destro ma trova solamente l'esterno della rete. Poco prima dell'intervallo l'Irlanda sfiora il raddoppio con un rinvio disastroso di Begovic, ma Hoolahan non riesce ad approfittarne. Nella ripresa la Bosnia sembra giocare molto meglio, anche perché l'Irlanda, forte del vantaggio, le concede l'iniziativa e il possesso palla, in questa maniera l'undici di Bazdarevic produce diverse azioni senza però trovare il gol del pari, andandoci vicino con Visca che serve indietro per Lulic, ma il giocatore della Lazio colpisce male il pallone. L'Irlanda tiene duro e in contropiede, a venti minuti dalla conclusione dei tempi regolamentari, raddoppia con Walters (doppietta personale per lui, autentico eroe di giornata) che sugli sviluppi di un calcio di punizione viene lasciato solo dagli avversari e firma la rete del 2 a 0 che di fatto consegna la qualificazione alla nazionale di O'Neill. La Bosnia accusa il colpo e solamente nel finale reagisce colpendo una traversa con Ibisevic che avrebbe potuto accorciare le distanze e far stare sulle spine i tifosi irlandesi, che così al triplice fischio dell'arbitro hanno potuto dar via alla festa. Bosnia eliminata, Euro 2016 dovrà fare a meno di giocatori come Pjanic, Dzeko, Lulic e Ibisevic che avrebbero innalzato il tasso tecnico della competizione. Ma l'Irlanda ha pienamente meritato di qualificarsi e nell'estate 2016 sarà in Francia a giocarsi l'europeo.

Triplice fischio dell'arbitro, l'Irlanda conquista l'accesso alla fase finale di Euro 2016 battendo la Bosnia 2 a 0. A tre minuti dal novantesimo la Bosnia rischia di accorciare le distanze sugli sviluppi di un calcio d'angolo, il pallone resta nel mucchio e dopo qualche tentennamento Randolph blocca la sfera. Al 92' traversa clamorosa di Ibisevic che grazia letteralmente i padroni di casa, sospiro di sollievo per i tifosi irlandesi che possono così iniziare il conto alla rovescia, che termina dopo i tre minuti di recupero, quando può cominciare la festa all'Aviva Stadium. Peccato per l'eliminazione della Bosnia, Euro 2016 perde alcuni dei potenziali protagonisti come Pjanic, Dzeko, Lulic e Zukanovic, che giocano nel campionato italiano, ma l'Irlanda ha meritato di essere tra le 24 nazionali che parteciperanno alla fase finale.  

Quando mancano dieci minuti al termine dei tempi regolamentari, il punteggio della sfida tra Irlanda e Bosnia è cambiato per la seconda volta: ora i padroni di casa conducono per 2 a 0 e sono ormai a un passo dalla qualificazione alla fase finale di Euro 2016. Quando gli ospiti sembravano sul punto di pareggiare, è arrivato il raddoppio dell'Irlanda: Walters si guadagna prima la punizione e poi, una volta battuta e completamente dimenticato dalla difesa bosniaca, gonfia la rete per la seconda volta. Esplode la gioia dei tifosi all'Aviva Stadium, ammutolita la Bosnia che in contropiede rischia pure il KO con Spahic che perde palla, Long si invola verso la porta ma si fa raggiungere e non arriva al tiro.  

Al ventesimo minuto del secondo tempo il punteggio di Irlanda e Bosnia è sempre di 1 a 0 in favore della nazionale allenata da Martin O'Neill. Nella ripresa gli ospiti sembrano più pimpanti rispetto ai padroni di casa che si limitano a controllare il vantaggio, al 54' la nazionale di Bazdarevic sfiora il pari con Visca che serve all'indietro Lulic, il giocatore della Lazio colpisce malissimo il pallone e l'azione sfuma. Il ct O'Neill corre ai ripari ed effettua due cambi per ridare un po' di freschezza atletica alla squadra. Al 59' punizione per la Bosnia, batte Medunjnanin, Pjanic tira col destro ma viene ribattuto dalla barriera irlandese.  

È ripresa, dopo l'intervallo, all'Aviva Stadium di Dublino la sfida tra Irlanda e Bosnia: al quinto minuto del secondo tempo il punteggio rimane sull'1 a 0 in favore dei padroni di casa. Sul finire della prima frazione di gioco la nazionale di Bazdarevic guadagna metri e si affaccia spesso dalle parti di Randolph, senza però trovare il tiro in porta. A inizio secondo tempo nelle fila della Bosnia entra Besic al posto di uno spento Cocalic, gli ospiti si riportano subito in avanti alla ricerca del pari, producendo però solo una conclusione debole di Medunjanin, più guardinghi gli irlandesi.  

Quando siamo giunti al trentacinquesimo minuto del primo tempo, il punteggio dello spareggio tra Irlanda e Bosnia è di 1 a 0 in favore della nazionale di casa. La partita si sblocca al 23', quando Zukanovic commette un fallo di mano all'interno dell'area di rigore bosniaca, l'arbitro non ci pensa due volte e indica il dischetto: dagli undici metri si presenta Walters che non sbaglia e spiazza Begovic, portando in vantaggio l'Irlanda. Bosnia che deve stare attenta con Spahic e Lulic ammoniti e piuttosto nervosi, ma reagisce subito con Dzeko che carica il destro e colpisce l'esterno della rete. Al 34' Bosnia di nuovo al tiro con Medunjanin che però alza troppo il pallone, sopra la traversa. Al 35' Irlanda vicino al raddoppio con un rinvio disastroso di Begovic che calcia addosso a Hoolahan, l'estremo difensore della Bosnia riesce a rimediare in qualche modo.  

Al ventesimo minuto del primo tempo, il risultato di Irlanda-Bosnia rimane fermo sullo 0 a 0. Partita accesa e combattuta con entrambe le formazioni che giocano per vincere. All'8' la nazionale di Bazdarevic rischia con un retropassaggio per Begovic che deve affrettarsi al rinvio. Al 9' prima palla gol dell'Irlanda con Brady che serve Walters, anticipato da Begovic che devia in corner. Bosnia che cresce col passare dei minuti ma è sempre l'Irlanda ad attaccare al 15' con Brady che cerca la testa di Murphy ma trova solo un calcio d'angolo.  

È iniziata all'Aviva Stadium di Dublino il ritorno dello spareggio tra Irlanda e Bosnia, al quinto minuto del primo tempo il punteggio è di 0 a 0. Inizio da aggressivo da parte dei padroni di casa che mettono subito pressione agli avversari, per gli ospiti la prima accelerazione è di Vranjes che viene però chiuso da Brady in fallo laterale. Durante il minuto di silenzio per le vittime degli attentati di Parigi, alcuni tifosi bosniaci hanno disturbato la commemorazione con fischi e insulti, coperti dagli applausi del pubblico irlandese. 

Sta per cominciare: all’Aviva Stadium di Dublino la partita diretta dall’arbitro olandese Bjorn Kuipers assegna un posto nella fase finale degli Europei 2016. All’andata è finita 1-1, ora staremo a vedere quello che succederà; andiamo innanzitutto a dare uno sguardo alle formazioni ufficiali che le due nazionali mettono in campo. Il calcio d’inizio è previsto per le ore 20:45 italiane. 23 Randolph; 2 Coleman, 5 Keogh, 12 Clark, 19 R. Brady; 21 Hendrick, 6 Whelan, 8 McCarthy, 20 Hoolahan; 13 Murphy, 14 Walters. A disposizione: 1 Forde, 16 S. Henderson, 3 Wilson, 4 O’Shea, 15 Christie, 17 Ward, 7 McGeady, 11 McClean, 18 Gibson, 22 Arter, 9 S. Long, 10 Rob. Keane. Allenatore: Martin O’Neill 1 Begovic; 6 Vranjes, 5 Kolasinac, 4 E. Spahic, 17 Zukanovic; 8 Medunjanin, 2 Cocalic; 19 Visca, 10 Pjanic, 16 Lulic; 11 Dzeko. A disposizione: 22 Buric, 12 Sehic, 3 Bicakcic, 15 Sunjic, 7 Besic, 14 Susic, 20 I. Hajrovic, 21 Hadzic, 23 Salihovic, 9 Ibisevic, 13 Ar. Hodzic, 18 Djuric. Allenatore: Mehmed Bazdarevic 

Si presenta molto interessante la chiave tattica di Irlanda-Bosnia. Le due nazionali hanno dimostrato nel corso delle qualificazioni di poter giocare con moduli intercambiabili; per entrambe 4-2-3-1 o 4-4-2. L’impostazione “base” dell’Irlanda prevede un 4-4-2 nel quale la prima punta (solitamente Shane Long) gioca con il supporto di un trequartista (Walters o Robbie Keane), ma nelle ultime uscite si è anche visto un modulo con una linea che agisce alle spalle del centravanti e la cerniera mediana formata da due giocatori, anche se spesso è un atteggiamento che Martin O’Neill sdogana a partita in corso. La Bosnia si era qualificata al Mondiale di un anno fa giocando con Dzeko (o Ibisevic) prima punta, Misimovic a supporto e Pjanic in mezzo al campo a giocare come playmaker basso insieme a Besic. Venerdì sera invece si è visto il 4-4-2 classico, con Visca e Lulic più prudenti nella loro spinta sugli esterni e due attaccanti vecchio stampo, appunto Dzeko e Ibisevic, a fare densità dentro l’area di rigore. 

Sarà diretta dall’arbitro olandese Bjorn Kuipers. Direttore di gara ormai esperto, per lui questa sarà la centesima presenza in campo internazionale; quest’anno ha arbitrato due volte formazioni italiane in Champions League, la Juventus a Monchengladbach e la Roma in casa contro il Barcellona. A livello di nazionali, conta sei partite arbitrate nelle qualificazioni agli Europei 2016; non ha incrociato in questo percorso Irlanda o Bosnia, ma i precedenti con i Verdi sono due e fanno registrare un pareggio e una sconfitta (1-3 contro la Croazia agli Europei 2012). Dolce il ricordo di Irlanda-Estonia 1-1; arbitrata da Kuipers, regalò insieme alla gara giocata in Estonia la qualificazione alla fase finale degli Europei 2012. 

Si gioca all’Aviva Stadium di Dublino; un complesso inaugurato nel 2010, dunque uno degli stadi più nuovi in Europa, e che conta circa 51700 posti a sedere. E’ l’impianto ufficiale della nazionale irlandese; non solo di calcio, ma anche di rugby (per le cui partite è sempre pieno). Nel 2011 ha ospitato Porto-Sporting Braga 1-0, il derby portoghese che era la finale di Europa League; l’inaugurazione è stata affidata all’amichevole Irlanda-Argentina, vinta 1-0 dalla Seleccion grazie a un gol di Angel Di Maria. Nel corso delle qualificazioni agli Europei 2016 l’Irlanda ha giocato qui cinque partite rimanendo imbattuta: 7-0 a Gibilterra, 1-1 contro Polonia e Scozia, 1-0 alla Georgia e storico 1-0 alla Germania, con il gol di Shane Long che ha dato ai verdi la sicurezza di giocare almeno i playoff. 

Dall'arbitro olandese Bjorn Kuipers, si gioca alle ore 20:45 di oggi ed è valida per il ritorno dei playoff di qualificazione alla fase finale di Euro 2016. Teatro della sfida, ovviamente, l'Aviva Stadium di Dublino; si riparte dalla parità, 1-1, con cui è finita venerdì sera a Zenica. L'Irlanda si è trovata nel girone nella quale militavano anche Germania e Polonia, che non hanno avuto alcuna difficoltà a superare il turno: le cinque vittorie della formazione irlandese sono servite a ben poco nel girone.

Stesso discorso per la Bosnia, che ha dovuto invece fare i conti con Belgio e Galles, formazioni che hanno avuto uno stile di gioco superiore e che hanno occupato la prima e seconda posizione nel girone B, lasciando la Bosnia terza con quattro punti di distacco dal Galles. Nel primo scontro, le due squadre si sono annullate a vicenda: il vantaggio degli ospiti, ovvero dell'Irlanda, andata in rete grazie a Brady, è servito a ben poco, visto che negli ultimi dieci minuti della partita, la Bosnia ha dimostrato carattere ed è andata a segno grazie al centrocampista della Roma Dzeko.

L'Irlanda parte però con una marcia in più: quella rete segnata in trasferta, quando mancavano otto minuti, rappresenta un bel mattone per i prossimi ospiti, ovvero i giocatori della Bosnia, che dovranno adottare uno schema differente rispetto alla partita d'andata. 

L pronostico è a favore dell'Irlanda, che si è dimostrata maggiormente compatta nello schema d'attacco ed è riuscita a prevalere: l'1 è quotato, dalla maggior parte dei bookmakers come William Hille Snai, a poco meno di 2, mentre il pareggio e quotato 3,20. Vittoria della Bosnia quasi impossibile secondo i siti di scommesse, che attribuiscono ben 4,25 di quota alla vittoria degli ospiti. Consigliato il No Goal, quotato 1,56: secondo molti esperti del settore, la grinta degli ospiti servirà a ben poco, visto che gli irlandesi giocheranno con cautela e faranno un blocco difensivo praticamente impossibile da superare. 

Nella formazione dell'Irlanda sicuramente ci saranno Brady e Murphy: il primo dei due è stato l'autore della rete del vantaggio irlandese che, anche se durato pochissimo, ha permesso alla sua nazionale di poter affrontare, con maggior serietà, la gara di ritorno. Ad affiancare i due attaccanti verranno schierati Whelan, Hendrik, McCarthy e McClean: un quartetto, o quintetto de Brady giocherà in posizione arretrata, che potrebbe far paura alla Bosnia. Tattica attendista molto quotata sul fronte irlandese, che sicuramente non si sbilancerà in attacco, ma attenderà gli errori degli avversari per infliggere la potenziale rete del ko.

La Bosnia potrà invece fare affidamento su Edin Dzeko, l'autore di un pareggio tanto sperato: modulo classico quello bosniaco, ovvero un 4-4-2 con Dzeko che cercherà di impensierire la difesa avversaria. Ibisevic sarà invece il compagno d'attacco del giocatore della Roma: entrambi potranno contare sul pressing offensivo di Pjanic, Lulic, Zukanovic e Medunjanin. Anche in questo caso si parla di quattro centrocampisti in grado di cambiare la sorte della gara: la tattica della Bosnia sarà quella dell'attacco continuo con fasi di studio e copertura difensiva continuativa. Agli ospiti basterà una sola rete per passare il turno, ma l'Irlanda potrebbe effettuare il colpo grosso e passare in vantaggio per poi chiudersi.

La diretta tv di Irlanda-Bosnia sarà trasmessa dalla pay tv del satellite, in particolare sul canale Sky Sport 3; tutti gli abbonati avranno anche la possibilità di attivare su Pc, tablet e smartphone (senza costi aggiuntivi) l'applicazione Sky Go per avvalersi della diretta streaming video della partita. Sul sito ufficiale della UEFA (www.uefa.com) nella sezione dedicata alle qualificazioni agli Europei 2016 troverete tutte le informazioni utili sulla sfida di Dublino.