BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Italia-Romania (2-2): i voti della partita (amichevole internazionale)

(INFOPHOTO) (INFOPHOTO)

Italia

Una grande parata su Torje nei primi minuti e poco altro da segnalare, visto che lascia spazio al collega Sirigu nella ripresa.

Meno positivo e trascinante del solito, oltre ad essere protagonista del gol incassato nel primo tempo risulta tra i peggiori dell'Italia.

Non ha nelle sue corde la serpentina con cross incorportato. Può arrivarci, ma il ruolo di terzino non sembra propriamente l'ideale per lui, in questo momento della carriera.

Prova qualche verticalizzazione, da elemento fondamentale per il gioco di Conte, senza trovare in Pellè particolare collaborazione.

Recupera a fatica nel corso della ripresa, dopo l'erroraccio iniziale sul gol di Stancu.

Il solito peperino tutta corsa e cross taglienti. Sempre tra i top per rendimento, nella Roma e in azzurro.

Trasforma il calcio di rigore dell'1-1 parziale e prova qualche conclusione dalla distanza, ma non convince totalmente, nonostante sia pienamente sufficiente come giudizio.

Anche lui poco presente in appoggio alle punte e negli inserimenti, ovvero nei suoi punti di forza.

Conferma il trend positivo in azzurro, con Florenzi è punto di riferimento importante in posizione di ala vecchio stampo. Più volte vicino al gol.

Giustamente sostituito, primo vero passaggio a vuoto in Nazionale. L'entrata di Okaka scuote ulteriormente l'Italia.

Aziona tardi la sua velocità ma quando accelera è imprendibile. Grigore lo stende, così come aveva fatto Chiriches, restando impunito. Una freccia.

 

E' vero, l'intervento d'istinto su Chiriches è apprezzabile, ma il successivo tap in di Andone lo rende inutile.

Tra i subentranti è il meno "impattante" anche se disputa comunque uno spezzone di partita sufficiente.

Entra con il fuoco dell'agonismo in corpo, come se fosse una finale o un test decisivo. Un atteggiamento molto positivo, visto anche il confronto impietoso con la brutta prova di Pellè.

Nel suo ex stadio (che l'ha a lungo applaudito) riesce a trovare il primo gol in Nazionale, rovinando però la gioia per la rete con un infortunio che lo costringe ad alzare subito bandiera bianca. Guai alla caviglia, il Napoli storce il naso...

 

All.CONTE 6,5: Parte piano come la squadra, per poi entrate totalmente nel clima agonistico ed esprimere al 90° tutta la sua delusione per il pari. E' un'assicurazione, al di là dei modi spesso fastidiosi di porsi.