BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Italia-Romania (2-2): i voti della partita (amichevole internazionale)

Le pagelle di Italia-Romania 2-2: i voti dell'amichevole internazionale disputata martedì 17 novembre 2015 allo stadio Renato Dall'Ara di Bologna, in preparazione ai prossimi Europei

(INFOPHOTO)(INFOPHOTO)

L'Italia si fa raggiungere a 2 minuti dalla fine dalla Romania nell'ultima amichevole dell'anno, che termina sul 2-2 al Dall'Ara di Bologna: dopo il vantaggio iniziale di Stancu, reazione azzurra concretizzata dal rigore di Marchisio e dal primo gol in Nazionale dello sfortunato Gabbiadini – che poi uscirà infortunato – prima della beffarda conclusione ravvicinata di Andone nel finale. Si riparte, nel 2016, dal doppio test con Germania e Spanga, con vista Europeo.

Parte da 5 secco, raggiunge il 7 nel suo momento migliore schiacciando indietro la Romania e poi chiude con la sufficienza piena ma che non può bastare: come ha detto Conte nel post match, queste partite bisogna vincerle. Punto.

Sorprende gli azzurri in avvio per poi rifugiarsi in una resistenza spesso passiva e fallosa. Non meritava certo di pareggiare, ma la zampata finale è comunque indice di carattere.

Con l'espulsione (e rigore per l'Italia) a fine primo tempo, visto il fallo evidente di Chiriches su Eder, sarebbe stata tutta un'altra partita. Indovina poi le decisioni più importanti della ripresa ma nuovamente, sul gol rumeno e stavolta per colpa del guardalinee, cade in un fuorigioco non sanzionato, a dire il vero abbastanza complicato. Serata difficile.

Al termine di un primo tempo strano e condizionato anche dal clima mesto e triste che avvolge anche il calcio in queste ore, l'Italia è sotto per 0-1 contro la Romania allo stadio Dall'Ara di Bologna. Pronti via ed è subito gol di Stancu (voto 6): errore grossolano di Darmian (voto 5,5) e Barzagli (voto 5), che si scontrano lasciando il pallone nella disponibilità della punta rumena, in area di rigore. Destro imparabile per Buffon (voto 6) e ospiti in vantaggio.

Le conclusioni di Torje (voto 6) e la solidità a centrocampo – dove Pantilii e Hoban (voto 6 di coppia) menano e non poco – permettono alla Romania di guidare il match senza problemi per la prima metà di frazione, con l'Italia confusa e completamente priva di lucidità nelle scelte d'attacco. Poi gli azzurri si svegliano e le possibilità per pareggiare arrivano copiose: diversi i falli di difensori e mediani avversari su Eder (voto 6), per questi 45 minuti sicuramente molto più positivo di Pellè (voto 5); tantissimi anche i corner, puntualmente non sfruttati però dagli uomini di Conte. Dopo lo spunto di El Shaarawy (voto 6,5), ad un passo dal gol, ecco proprio nel finale l'occasione più evidente: Chiriches (voto 5) stende Eder in piena area, un fallo che costerebbe al centrale sia il rigore per l'Italia sia l'espulsione. L'arbitro sorvola ed è il sipario sul primo tempo, che termina dunque con il vantaggio rumeno.

Rialza la testa e la sua valutazione nel finale, meritando anche il gol del pari. Restano un approccio molto negativo - seppur giustificato anche dalle continue notizie (ultime quelle provenienti da Hannover) che stanno arrivando - ed una mancanza di lucidità in avanti abbastanza atipiche. Bel duello con Sapunaru, che lui non vince sempre ma che lo porta più volte in zona pericolosa, sia per gli assist che per provare la conclusione. Il pasticcio, in coppia con Darmian, che apre la porta a Stancu non è da lui. Un paio di interventi precisi nel finale incoraggiano, fin lì era stato irriconoscibile

Non impressiona ma sfrutta bene in particolare i difetti emersi tra le fila avversarie. Dimostra grande voglia di vincere e agonismo, anche oltre... l'amichevole. Lui e Torje sono i migliori nel primo quarto d'ora, la frazione di gioco che porta anche alle occasioni migliori per la Romania. Ha il merito, finora decisivo, di fare gol, il che non è un dettaglio. Favorito dalla lentezza di Pellè, perde le misure su Eder in un paio di casi e nel recupero ci stavano rigore ed espulsione. L'arbitro lo salva. (Luca Brivio)