BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Serie B/ Pronostico di Giuseppe Pillon: il Bari ha superato le sue paure. Perugia deludente, ma tornerà in alto (esclusiva, analisi 14^ giornata)

Pubblicazione:venerdì 20 novembre 2015

Foto Infophoto Foto Infophoto

SERIE B PRONOSTICO DI GIUSEPPE PILLON (ESCLUSIVA) - Inizia oggi, con il posticipo dell'Adriatico Pescara-Avellino, la quattordicesima giornata del campionato di Serie B 2015-2016. Il Cagliari ha allungato sul Crotone e rafforza la propria candidatura alla promozione immediata, senza passare dai playoff; provano a tenere botta Crotone e Cesena ma intanto il Bari si è inserito nella corsa ai primi due posti. Bene anche Pescara e Brescia, vanno a caccia di riscatto il Novara e uno Spezia in crisi. La giornata presenta partite davvero interessanti: Bari-Livorno con Davide Nicola che torna a sfidare il suo importante passato, Perugia-Brescia e Pro Vercelli-Como che riguarda le zone calde e la lotta per la salvezza. La capolista Cagliari ospita l'Ascoli, gara sulla carta abbordabile anche se i marchigiani hanno trovato la prima vittoria con Devis Mangia in panchina. Per un'analisi e un pronostico sulla quattordicesima giornata di Serie B, IlSussidiario.net ha contattato in esclusiva Giuseppe Pillon.

Il Cagliari continua a vincere: è la vera favorita per il primo posto? In effetti il Cagliari sembra proprio ormai sulla strada giusta. La fuga potrebbe già essere quella decisiva; tutta la società, lo staff tecnico e la squadra hanno trovato l'amalgama necessario ad affrontare al meglio questo campionato; poi c'è Massimo Rastelli, un allenatore che conosce molto bene la Serie B.

L'impegno contro l'Ascoli non dovrebbe presentare problemi? Attenzione: l'Ascoli va a caccia di punti importanti per la salvezza, e spesso sono le partite più abbordabili a nascondere le insidie maggiori. Il Cagliari farà bene a non sottovalutare l'impegno.

Dietro intanto avanza il Bari: una seria candidata per la promozione? La vittoria di Cesena ha dimostrato che il Bari se la gioca. E' stato un successo importante, ma va detto che anche il Cesena sarà in lizza per la promozione fino al termine Per il Bari come sempre si tratta di gestire la pressione della piazza, ma credo che ormai questo problema sia superato.

Anche per merito di Davide Nicola? Sì, perchè è un allenatore molto valido, che tra l'altro già aveva ottenuto una promozione a Livorno e ora potrebbe ripetersi a Bari.

E sabato c'è proprio Bari-Livorno... Una bella partita, forse anche un anticipo di quanto potremo vedere ai playoff. Conosco personalmente il presidente Spinelli: vuole sempre che le sue squadre occupino le prime posizioni della classifica, non si accontenta e ha grande ambizione.

Abbiamo parlato prima del Cesena: a Vicenza arriva l'occasione giusta per rifarsi?  Sì, mi aspetto una bella partita che peraltro seguirò allo stadio. Il Vicenza di Pasquale Marino è una squadra costruita su misura per la Serie B, è una candidata ai playoff e dunque per il Cesena questo impegno non sarà affatto semplice.

Tra le squadre in ripresa c'è il Brescia: potrà puntare alla Serie A? Il Brescia sta innanzitutto provando a ricostruire; senza troppi proclami è ripartita da giovani molto interessanti e da un allenatore capace come Roberto Boscaglia. Certo non mi stupirei di vederlo già ai playoff.  

Anche la Virtus Entella risale la china: cosa potrà fare? Intanto sta sfruttando bene il periodo recuperando posizioni in classifica; non penso però che abbia altre aspirazioni se non quella di raggiungere al più presto i 50 punti e la salvezza, un risultato che sarebbe comunque di prestigio per questa società.

Qual è invece, secondo lei, la vera delusione del campionato? Ne indico due: il Lanciano ci ha abituato a ottime cose negli scorsi anni ma oggi è in difficoltà. Ha un buon livello tecnico e potrà rialzarsi, ma per ora non sta rendendo come previsto. E poi il Perugia: era partito con grandi ambizioni ma sta facendo molta fatica.

Crede che possa rientrare nella corsa ai playoff? Sì, ne sono convinto. Anche perchè può contare su un attaccante come Matteo Ardemagni, un giocatore che in Serie B sa fare la differenza.

(Franco Vittadini)



© Riproduzione Riservata.