BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Inter-Frosinone (4-0): Fantacalcio, i voti della partita (Serie A 2015-2016, 13^ giornata)

(INFOPHOTO) (INFOPHOTO)

Frosinone

Qualche bella parata, una in particolare su Jovetic. Nel primo tempo avrebbe forse potuto indirizzare meglio la respinta sul tiro di Ljajic da cui è scaturito il gol di Biabiany dell'1-0.

Qualche discesa sulla fascia soprattutto ad inizio match: poi soffre la spinta di Telles e Ljajic.

Come sempre tanto ardore, ma i movimenti offensivi degli avanti nerazzurri lo mandano spesso in confusione.

Soffre come il compagno di reparto le incursione degli uomini d'attacco dell'Inter. Nel secondo tempo salva sulla linea il destro incrociato di Biabiany.

Incappa nella serata che sancisce la resurrezione di Biabiany: non può che soccombere dinanzi agli sprint del francese.

Qualche guizzo nella prima frazione di gara. Poco altro. (dall'83' CARLINI: s.v.)

Prova a gestire con calma la sfera ma ci riesce soltanto per 20 minuti nel primo tempo. Alla distanza perde di lucidità.

Come Sammarco riesce ad imporsi soltanto in avvio di gara: poi la fisicità della mediana nerazzurra ha la meglio. (dal 77' GUCHER: s.v.)

Il migliore del Frosinone: ha l'argento vivo addosso. Sfiora il gol con una splendida conclusione al volo deviata da Handanovic, costringe Mancini alla sostituzione di un Nagatomo in difficoltà e allo spostamento di Murillo nel ruolo di terzino. 

Partita certamente non positiva per l'attaccante ciociaro. Prova a fare a sportellate con i centrali nerazzurri, ma tocca davvero pochi palloni. (dal 76 LONGO: s.v.)

Attivissimo soprattutto nel primo tempo: rischia di segnare in almeno due occasioni, sulla prima Handanovic esce di testa in tuffo fuori area anticipandolo; sulla seconda colpisce al volo a botta sicura ma Murillo si immola ed evita il gol.

Sufficienza pienamente meritata nonostante un passivo pesante per l'allenatore dei ciociari. I suoi affrontano l'Inter a viso aperto, scegliendo di uscire dal campo a testa alta nonostante la superiorità tecnica nerazzurra.

 

(Dario D'Angelo)

© Riproduzione Riservata.