BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DIRETTA/ Cagliari-Ascoli (risultato finale 3-0) info streaming e tv, cronaca: doppietta di Joao Pedro! (Serie B 14^giornata, oggi 23 novembre 2015)

Diretta Cagliari-Ascoli: info streaming video e tv, risultato live e cronaca della partita di Serie B in programma lunedì 23 novembre 2015, secondo posticipo della 14^giornata

(INFOPHOTO) (INFOPHOTO)

Cala il sipario al Sant'Elia, il Cagliari batte l'Ascoli 3 a 0 e si porta a 32 punti in classifica, primo a +4 su Bari e Crotone e a +8 su Cesena e Pescara. Nonostante un buon secondo tempo, l'undici di Mangia non riesce a riaprire il match, e a chiuderlo ci pensa invece la formazione di Rastelli che realizza il terzo gol con il migliore in campo, Joao Pedro, autore di una doppietta, che entra in area e fredda Svedkauskas per il definitivo 3-0. Non succederà nient'altro fino al triplice fischio dell'arbitro Minelli che manda tutti negli spogliatoi, vittoria meritatissima per il Cagliari che ha dominato dall'inizio alla fine e ha dimostrato di essere nettamente superiore all'Ascoli.  

Al trentacinquesimo minuto del secondo tempo, il risultato dell'incontro tra Cagliari e Ascoli rimane sul 2 a 0 in favore dei padroni di casa. Match leggermente più equilibrato, ma c'è da dire che gli ospiti stanno tentando il tutto per tutto per rientrare in partita, mentre i padroni di casa si limitano ad amministrare il vantaggio e a dosare le energie in vista del finale. Al 75' occasione per l'Ascoli con un tiro rasoterra di Bellomo parato da un ottimo Storari. Da segnalare un infortunio per Fossati che viene portato via dal campo in barella, ma dopo la paura e il dolore iniziale riesce a tornare in campo.  

Quando siamo giunti al ventesimo minuto del secondo tempo, il punteggio di Cagliari-Ascoli è 2-0 in favore dell'undici di Rastelli. Cagliari in assoluto controllo della gara, Ascoli che fatica a costruire gioco e sembra quasi voler limitare i danni piuttosto che cercare di riaprire il match per poi subire altri gol in contropiede. Fatto sta che, dopo l'arretramento del baricentro da parte dell'undici di Mangia, i padroni di casa non sono più riusciti a rendersi pericolosi. Tuttavia al 64' l'Ascoli ha la palla per accorciare le distanze, ma Giorgi, a porta vuota, si divora il gol del 2 a 1. Rastelli inserisce forze fresche in campo, sostituendo Giannetti con Farias.  

Al quinto minuto del secondo tempo, il Cagliari è sempre avanti 2 a 0 sull'Ascoli. Sul finire della prima frazione di gioco viene ingiustamente annullato un gol al Cagliari: l'arbitro ferma Giannetti in fuorigioco, in realtà era in posizione regolare. Gli ospiti provano a reagire con Bellomo che dal limite dell'area fa partire un tiro che termina poco lontano dall'incrocio dei pali. I padroni di casa danno l'impressione di avere il pieno controllo della gara e ogni volta che attaccano mettono alle corde gli avversari. Sensazione che si avverte anche a inizio ripresa, con i giocatori del Cagliari che pressano come se fossero ancora 0-0. Al 48' Giannetti sfiora il 3-0 con un destro a tiro che esce di pochissimo.  

Cagliari-Ascoli 2-0 al 35' del primo tempo. Col passare dei minuti le due squadre rompono gli indugi e arrivano finalmente a calciare in porta. Al 23' un rimpallo tradisce Carpani e regala la sfera a Melchiorri che viene anticipato dall'uscita di Svedkauskas. Un minuto dopo, in contropiede, è l'Ascoli a sfiorare il gol con Cacia che supera Krajnc e tira, ma il pallone termina fuori. Al 26' i padroni di casa colpiscono una traversa con Melchiorri, autore di una progressione straordinaria. Al 28' la formazione di Rastelli sblocca il match con il gol di Giannetti e la complicità di Svedkauskas che non riesce a trattenere il pallone. Non contento della papera, al 30' Svedkauskas travolge Joao Pedro dentro l'area, l'arbitro non ci pensa due volte ad assegnare il calcio di rigore, trasformato dallo stesso Joao Pedro che fa 2 a 0. Partita in discesa per i padroni di casa, mentre si fa maledettamente complicata per gli ospiti.  

Al ventesimo minuto del primo tempo, il risultato di Cagliari-Ascoli è 0-0. Come nelle previsioni, è il Cagliari che prova a fare la partita, gli ospiti si difendono con ordine nonostante l'infortunio di Canini, che ha costretto Mangia a far entrare il giovane Del Fabro. Al 7' attacca l'undici di Rastelli con un'incursione sulla fascia destra di Joao Pedro che mette in mezzo per Giannetti, anticipato dall'intervento proprio di Del Fabro. Al 13' altra bella giocata di Joao Pedro che serve Melchiorri, arriva però l'intervento provvidenziale di Almici che gli ruba il pallone. Al 16' nuova azione dei padroni di padroni con Giannetti che serve all'indietro per Joao Pedro, la difesa dell'Ascoli ci mette una pezza.  

È iniziato al Sant'Elia il posticipo della quattordicesima giornata di Serie B tra Cagliari e Ascoli, al quinto minuto del primo tempo il punteggio è di 0 a 0. Ospiti in avanti già al primo minuto di gioco con Cacia che entra in area ma non riesce a controllare bene il pallone, che termina tra le braccia di Storari. Al 3' cross di Di Gennaro per Melchiorri, anticipato dall'uscita di Svedkauaskas. L'Ascoli deve fare a meno di Canini che al 4' si fa male da solo e deve lasciare il posto a Del Fabro.  

Tutto è pronto per il fischio d'inizio di Cagliari-Ascoli, la partita diretta dall'arbitro Minelli che sarà l'ultimo posticipo della quattordicesima giornata di Serie B. Una sfida fra due squadre con importanti trascorsi anche nel massimo campionato ma presente molto diverso: il Cagliari scende in campo per lanciare la fuga, l'Ascoli per risollevarsi da un momento difficili. Dunque eccovi le formazioni ufficiali delle due squadre, scelte dagli allenatori Massimo Rastelli e Devis Mangia. CAGLIARI (4-3-1-2): Storari; Krajnc, Murru, Ceppitelli, Pisacane; Fossati, Di Gennaro, Dessena; Joao Pedro; Melchiorri, Giannetti. A disposizione: Cragno, Barreca, Salamon, Balzano, Tello, Munari, Cerri, Farias, Sau. Allenatore: Massimo Rastelli. ASCOLI (4-4-1-1): Svedkauskas, Almici, Mengoni, Canini, Antonini; Frediani, Carpani, Giorgi, Jankto; Bellomo; Cacia. A disposizione: D’Egidio, Del Fabro, Cinaglia, Pecorini, Grassi, Berrettoni, Petagna, Caturano, Perez. Allenatore: Devis Mangia. 

Cagilari-Ascoli attraverso la chiave tattica. Il 4-3-1-2 di Massimo Rastelli è stato finora una certezza per il Cagliari, che sta dimostrando, oltre a una solidità invidiabile a livello tattico, anche di possedere le alternative giuste per un campionato lungo e ricco di insidie come quello di Serie B. Elementi come Tello e Melchiorri stanno facendo la differenza a centrocampo in attacco, permettendo a Rastelli di far rifiatare elementi importanti come Farias e di sopperire alle eventuali squalifiche e infortuni che non mancano mai in un campionato di quarantadue giornate. Devis Mangia ha deciso di virare tatticamente sul 4-2-3-1, suo modulo di riferimento anche in precedenti esperienze e che sembra essere riuscito a mettere ordine in difesa per un Ascoli che nelle prime giornate di campionato aveva decisamente dato l'impressione di poter puntare alla salvezza.

Contro l'Ascoli, il Cagliari vuole rafforzare ulteriormente la propria leadership in classifica. La formazione sarda vanta già un tesoretto di 4 punti sulle seconde Bari e Crotone ed a caccia della quarta vittoria consecutiva. La formazione marchigiana, reduce dalla vittoria interna contro il Perugia, naviga comunque nei bassifondi della classifica ed è ancora presto per dire se l'arrivo in panchina Devis Mangia può aver messo fine alla crisi tecnica e di risultati. I favori del pronostico sono tutti per la squadra allenata da Rastelli: al Sant'Elia, dopo 7 gare interne, il Cagliari è ancora a punteggio pieno; lontano dal Del Duca, l'Ascoli ha vinto solamente una volta, perdendo le rimanenti 5 gare esterne disputate da inizio campionato. L'ultimo scontro diretto tra i due club è datato 27 maggio 2007: all'epoca vinse l'Ascoli 2 a 1 con i gol di Soncin e Paolucci, inutile per i sardi la rete di Mancosu. Il bilancio dei precedenti dal 2000 a oggi è di cinque vittorie per il Cagliari, un solo successo per l'Ascoli e tre pareggi. 

Si affrontano allo Stadio Sant'Elia il Cagliari di Massimo Rastelli e l'Ascoli di Devis Mangia per il quattordicesimo turno di campionato. I sardi sono primi in classifica con 29 punti (9 vittorie, 2 pareggi, 2 sconfitte) con 27 gol fatti e 10 subiti. Gli ascolani invece sono in terzultima posizione con 13 punti (4 vittorie, 1 pareggio, 8 sconfitte) con 11 gol fatti e 17 subiti. Il Cagliari segna in media 2 gol a partita con 14.3 tiri di cui 5.9 in porta, mentre l'Ascoli ne segna 0.8 a match con 12.1 tiri di cui 3.4 nello specchio. Il possesso palla è 25'12'' a 23'09'' mentre la supremazia territoriale è 9'22'' a 8'45''. I passaggi tentati sono 561.3 a 507.2 con una percentuale di completati pari a 65.1% a 60.3%. 

Quella tra Cagliari e Ascoli, diretta dall'arbitro Daniele Minelli, trentatreenne della sezione di Varese è l'ultima partita in programma per la 14^giornata di Serie B: appuntamento lunedì 23 novembre 2015 allo stadio Sant'Elia, la sfida tra i rossoblù di Rastelli e i bianconeri di Mangia. Calcio d'inizio ore 20:30.

Match particolarmente importante per la formazione sarda, che ha messo in piedi già un primo tentativo di fuga in testa alla classifica. Ma anche per i marchigiani, che dopo aver sostituito Petrone con Mangia in panchina hanno ritrovato la vittoria dopo quattro sconfitte consecutive: fare i punti in Sardegna sarebbe fondamentale per l'autostima di squadra e per non attardarsi troppo dalla zona salvezza. Il Cagliari sta vivendo quello che può essere considerato come il miglior momento della stagione. Massimo vantaggio, quattro lunghezze, sulle seconde in classifica (Bari e Crotone) e soprattutto vittoria in trasferta dopo due sconfitte consecutive fuori casa.

La roboante vittoria sul campo dello Spezia, netto 0-3 con le reti di Melchiorri (doppietta) e l'autorete di Valentini, è parso un esame di maturità per i sardi, che battendo i marchigiani potrebbero allungare ulteriormente in classifica, sfruttando il fattore campo (finota sette vittorie su sette partite in casa). L'Ascoli visto contro il Perugia, vincente grazie alla rete di Cacia nel finale di partita (1-0), è sembrato però una squadra organizzata, ben messa in campo da Mangia che pian piano sta facendo assorbire le sue convinzioni tattiche alla squadra. 

Ecco le probabili formazioni che si troveranno faccia a faccia lunedì sera al Sant'Elia: il Cagliari dovrebbe scendere in campo con Storari in porta, Pisacane sull'out di destra e Capuano sull'out di sinistra in una difesa completata dalla coppia centrale Ceppitelli-Salamon. Fossati, Dessena e il colombiano Tello saranno i centrocampisti titolari, Joao Pedro il trequartista dietro la coppia d'attacco, costituita da Melchiorri e Diego Farias. L'Ascoli dovrebbe rispondere con Lanni in porta, Cinaglia terzino a destra e Antonini sulla fascia opposta, con Canini e il serbo Milanovic a comporre la coppia centrale. Il ghanese Addae, espulso contro il Perugia, sarà squalificato e sostituito da Pirrone, con Grassi centrale di centrocampo mentre Berrettoni, Bellomo ed Almici sosterranno l'azione di Cacia, confermato nel ruolo di unica punta.

La prima della classe contro la terzultima: un copione troppo evidente per non convincere i bookmaker ad affidare al Cagliari ampi favori del pronostico per la sfida di lunedì sera. Quota per la vittoria sarda fissata a 1.52 da Eurobet, mentre Betclic propone un moltiplicatore di 8.00 per il colpo esterno marchigiano. Quota per il pareggio di 4.00 offerta da Snai.

Rastelli ha enfatizzato l'importanza del colpo esterno del Cagliari a La Spezia, poiché i sardi non avevano ottenuto neanche un punto nelle precedenti due trasferte ed anche perché lo Spezia è una squadra che partiva ad inizio stagione con grande considerazione. Mangia ha manifestato grande entusiasmo dopo la prima vittoria della sua gestione contro il Perugia, mettendo in evidenza come la condizione atletica dei bianconeri stia crescendo e come i suoi ragazzi abbiano saputo mettere in campo una determinazione, nella fase più calda del match, che sarà indispensabile per centrare la salvezza a fine stagione.

Il posticipo di Serie B tra Cagliari ed Ascoli sarà trasmesso in diretta tv da Sky sui canali Sport 1 HD (numero 201), Super Calcio HD (206) e Calcio 1 HD (251): prepartita dalle ore 20:00 e dalle 20:30 la telecronaca, a seguire postpartita fino alle 23:00. I clienti Sky abbonati al pacchetto Sport o al pacchetto Calcio potranno seguire il match anche in diretta streaming video, tramite l'applicazione SkyGo disponibile per pc, tablet e smartphone; per i non abbonati ai pacchetti il codice d'acquisto pay-per-view è 488281. Diretta radio sulle frequenze di Rai Radio 1 (FM 89,3), all'interno del programma Zona Cesarini che andrà in onda dalle ore 21:05 e fino alle 23:00.