BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Video / Lazio-Palermo (1-1): highlights e gol della partita. Parla Ballardini (Serie A 2015-2016, 13^ giornata)

Video Lazio-Palermo (1-1): highlights e gol della partita di Serie A 2015-2016, valida per la 13^ giornata. Le immagini salienti del match dell'Olimpico (domenica 22 novembre 2015)

Infophoto - immagine di repertorioInfophoto - immagine di repertorio

Esordio con un pareggio per il neo-allenatore del Palermo, Ballardini. Allo stadio Olimpico di Roma, finisce con il risultato di uno a uno, in perfetta parità, e il neo-rosanero si è detto soddisfatto nella conferenza stampa post-gara: «Abbiamo fatto una buona partita, forse meritavamo qualcosa in più, ma quando giochi contro le grandi squadre quando meriti qualcosa in più pareggi. Noi siamo stati bravi ma dovevamo esserlo ancora di più. Mi aspettavo una buona partita, è un gruppo valido, serio e con qualità; il Palermo oggi meritava anche se non c’è rammarico perché quando vieni a Roma contro la Lazio, nonostante le molte occasioni, ti dispiace, però ci teniamo la bella partita che abbiamo fatto».

La Lazio termina la sfida contro il Palermo con il risultato di uno a uno, ottenendo un solo punto fra le mura domestiche dello stadio Olimpico. A fine gara, amareggiato il tecnico dei biancocelesti, Pioli, che ha parlato così con i giornalisti nella classifica conferenza post-match: «Penso sia troppo facile dire che quando le cose che non vanno, che i giocatori non seguono le direttive dell’allenatore, ma non è così. I risultati negativi ci stanno togliendo quella serenità e quella fiducia che serve per giocare un calcio migliore. Questa non è un alibi ma una scusante, perché siamo così per demeriti nostri. Se finisse oggi il campionato non saremmo soddisfatti e solo con il lavoro e con qualche risultato positivo rivedremo la Lazio dei tempi migliori. Abbiamo iniziato bene, creando qualche occasione, poi il nervosismo, la lucidità e l’avversario… abbiamo fatto fatica e abbiamo rischiato».

Indicazioni contrastanti, così come – in generale – è nebulosa la situazione in casa Lazio, al termine del match contro il Palermo, pareggiato 1-1 da biancocelesti e rosanero. Leggendo il match attraverso i numeri, colpisce il 60 a 40% di possesso palla a favore dei padroni di casa, incapaci però di sfruttare questa superiorità ed anzi colpevoli nel subire tantissimi contropiede, sprecati dal Palermo. Non a caso il numero delle parate (7 di Marchetti, 2 di Sorrentino) è parecchio sbilanciato, così come lo sono i tiri nello specchio (8 per gli ospiti, solo 3 per i laziali), dato che aumenta i rimpianti di Ballardini. Statistica interessante: Lazio e Palermo sono le due squadre al top in Serie A per cross e in particolare i biancocelesti, a quota 121 dopo questa 13a giornata, sono primi per distacco. Avendo gente come Djordjevic, Matri e Klose in avanti, i quesiti per Pioli (relativi ovviamente al fatto che ci sia poco "sfruttamento" del fondamentale) sono decisamente incombenti. Passando ai singoli, grande protagonista anche nei numeri Chochev, primo per tiri in porta (3) e occasioni create (2); per lui stasera tanti pensieri e tanto rammarico, immaginiamo. Nonostante la pessima prova, riassunta dai palloni persi (8), Lulic si è salvato con il rigore conquistato e nonostante l'ottima prestazione, fatta di pressing e movimenti corretti, Brugman è il più falloso (5 interventi irregolari), dato che testimonia però la tenacia e la solidità della partita dell'uruguagio.

Spazio alle dichiarazioni dei protagonisti dalla mix zone dell'Olimpico. Stefano Pioli resta piuttosto rabbuiato in volto: "Non sono contento, abbiamo interrotto la striscia negativa ma è logico che ci aspettavamo una vittoria – ha detto il tecnico della Lazio a 'Premium'Siamo andati sotto alla prima loro occasione, questo sicuramente ha influito dal punto di vista psicologico. Ci aspettavano e ripartivano in velocità, hanno giocato bene e ci hanno messo in difficoltà. Problemi di spogliatoio? Questo lo dite o pensate voi ad ogni momento difficile, ma non è così". 

Davide Ballardini sottolinea invece solo i lati positivi della prova dei suoi: "Abbiamo disputato una partita di livello, potevamo vincerla e abbiamo creato tante occasioni; questo non mi lascia rammaricato, anzi sono contento di come l'abbiamo interpretata. Ho trovato uno spogliatoio unito, fatto di ragazzi seri che hanno voglia di lavorare e fare bene".