BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Genoa-Carpi (1-2): Fantacalcio, i voti della partita (Serie A 2015-2016, 14^ giornata)

Pagelle Genoa-Carpi 1-2, i voti della partita per il Fantacalcio: i migliori e i peggiori della partita giocata allo stadio Luigi Ferraris per la 14^ giornata della Serie A 2015-2016

Foto Infophoto Foto Infophoto

Il Carpi supera il Genoa 2-1 in rimonta grazie ai gol di Zaccardo e Borriello: quest'ultimo è il migliore in campo. Tra gli ospiti male Matos. Nel Grifone bene Laxalt e Izzo. Giusto il rosso a Pavoletti. Per il resto non si lascia sfuggire di mano una gara molto accesa.

Nella 14^giornata di Serie A il Genoa ospita al Ferraris un Carpi in crisi nera. Gli uomini di Castori non vincono infatti dal 3 ottobre (2-1 al Torino): da allora sono arrivate cinque sconfitte e un pareggio. Morale opposto per i padroni di casa, reduci da una convincente vittoria interna contro il Sassuolo. Per centrare il secondo successo consecutivo Gasperini schiera il classico 3-4-3 orfano dello squalificato Perotti: Perin tra i pali quindi difesa con Izzo, Burdisso e Ansaldi; Figuerias e Laxalt sono i due esterni con Tino Costa e Rincon a fare legna in mezzo; davanti Lazovic e Gakpé supportano Pavoletti. In panchina si rivede Pandev, pronto ormai al rientro. Il Carpi risponde con un accorto 4-4-1-1: Belec riprende la custodia della porta; pacchetto arretrato formato dall'ex Milan Zaccardo, Romagnoli, Gagliolo e Lollo; Letizia, Martinho, Cofie e Pasciuti a centrocampo; Matos agisce alle spalle di Mbakogu. Pronti, via. Alla prima azione del match il Genoa si ritrova subito in dieci uomini: su un traversone dalla sinistra Pavoletti (4) sferra un' incomprensibile gomitata a Gagliolo nel cuore dell'area avversaria. Gavillucci, su suggerimento dell'assistente d'area, estrae il cartellino rosso per l'attaccante del Grifone. La difesa del Carpi è però la peggiore del campionato: la dimostrazione arriva al 7' quando i locali si portano in vantaggio. Figueiras (6,5) raccoglie un rimpallo in seguito ad un'iniziativa di Laxalt e fulmina Belec con un diagonale perfetto: esplode il pubblico di fede genoana che si gode una rete inaspettata dopo il rosso a Pavoletti. Al 13' grandi proteste del Genoa per un fallo di Matos (5,5) su Izzo (6,5) in seguito ad un contrasto aereo: per Gavillucci è fallo ma l'arbitro estrae il giallo e non il rosso. Intorno alla mezz'ora il Carpi cresce e si rende pericoloso con Martinho (6,5) il quale, dopo un dai e vai con Letizia, mette al centro un traversone invitante che si perde nel vuoto. Al 34' occasione per il Genoa con Izzo: dagli sviluppi di un calcio di punizione dalla destra Tino Costa (6) pesca la testa del liberissimo difensore che da posizione favorevolissima non riesce a trovare il bersaglio grosso. Poco dopo Lazovic (6) attiva il radar e da corner regala a Tino Costa un assist preciso: il centrocampista calcia al volo ma fallisce il 2-0. Nel finale doppia chance enorme per il Carpi prima con Martinho che, da distanza ravvicinata, calcia su Perin (6,5), poi con Zaccardo (5,5): il difensore ha il facile pallone del pareggio ma dal dischetto l'ex Milan calcia incredibilmente sul fondo. Al 45' ci prova invece Gakpé (6) al termine di un'azione personale: l'attaccante sfugge via a mezza difesa ospite ma con il sinistro trova la pronta respinta di Belec. Primo che termina con il primo cambio per il Genoa: Gasperini richiama Figueiras per inserire De Maio.

Gara frizzante fin da subito. Il primo tempo scorre piacevole tra un ribaltamento di fronte e l'altro. Il Grifone, complice l'uomo in meno, ci mette tutto il cuore possibile. Fin qui gli uomini di Gasperini hanno ben sopperito all'espulsione di Pavoletti. Segna il gol del vantaggio e corre per due. Provvidenziali un paio di recuperi in extremis. Gomitata scellerata che costringe l'arbitro all'inevitabile espulsione.

Troppo timida la squadra di Castori: con l'uomo in più è necessario osare maggiormente. Uno dei più reattivi. Sfiora il gol nel finale di tempo: sfortunato. La difesa fa acqua da tutte le parti. Lui è uno dei punti deboli della squadra. Buona la collaborazione con l'assistente d'area in occasione del rosso a Pavoletti. (Federico Giuliani)