BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DIRETTA / Napoli-Inter (risultato finale 2-1): cronaca e tabellino. Partenopei in testa al campionato (Serie A 2015, oggi 30 novembre 2015)

Diretta Napoli-Inter, risultato finale 2-1: cronaca e tabellino. Doppietta di Higuain e partenopei primi in Serie A, inutile il gol di Ljajic per i nerazzurri sfortunatissimi nel recupero

Foto Infophoto Foto Infophoto

Il big match della 14^ giornata di Serie A 2015-2016, che poteva dare indicazioni importanti in chiave scudetto, va al Napoli che tra le mura amiche di un San Paolo gremito (60 mila spettatori) batte l'Inter 2 a 1 e sale da solo in testa alla classifica. Pronti, via, e la formazione di Maurizio Sarri fa male a quella di Roberto Mancini con Higuain che all'inizio del secondo minuto di gioco trova subito la via del gol trafiggendo Handanovic (imbattuto da quasi 400 minuti) e porta così in vantaggio i padroni di casa, mandando letteralmente in visibilio i tifosi partenopei. La reazione dell'Inter è comunque fulminea, l'undici di Mancini costringe Reina a un'uscita avventata e per sua fortuna c'è Albiol a coprire. Continui capovolgimenti di fronte in campo, ma senza che le due squadre creino palle gol vere e proprie. L'occasione più ghiotta per i nerazzurri arriva al 29', quando Guarin da buona posizione prova il tiro, la falla finisce appena sopra la traversa. Poco più tardi Inter di nuovo in avanti con Ljajic che serve Perisic, l'ex-Wolfsburg indirizza il pallone a lato. Qualche minuto prima dell'intervallo, però, arriva il colpo di scena: Nagatomo, già ammonito, stende Allan che lo aveva lasciato sul posto, Orsato non ci pensa due volte ed estrae il secondo giallo, Inter in 10 e Napoli in superiorità numerica. Mancini e il suo staff protestano per la decisione, ritenuta eccessiva, ma ora dovrà giocare il resto della partita in inferiorità numerica. Nella ripresa Mancini si copre rimuovendo Icardi per far posto a Telles, ma nonostante l'uomo in meno sono i nerazzurri a fare la partita, con i padroni di casa che comunque hanno la partita sotto controllo. Nei minuti successivi il Napoli torna in avanti prima con un colpo di testa di Hamsik e poi un destro di Allan, finché al 62' non arriva il gol del raddoppio, ancora con la firma di Higuain autore di una doppietta che supera due avversari e scavalca Handanovic. La partita sembra chiusa, ma Ljajic non ci sta e cinque minuti più tardi sigla la rete del 2-1 che riapre di fatto il match. L'Inter ci crede e attacca, il Napoli in contropiede prova a chiuderla ma Murillo in scivolata è strepitoso a negare la tripletta a Higuain. Inter di nuovo al tiro con Brozovic che non trova la porta. Finale al cardiopalma, prima monologo di Higuain che dribbla la difesa dell'Inter e calcia a rete, trovando l'opposizione di Handanovic che si immola per tenere i nerazzurri in partita, poi nel recupero assalto disperato degli ospiti che nell'ultimo minuto colpiscono addirittura due pali con Jovetic, appena entrato, e Miranda. Inter sfortunatissima ma che nonostante la sconfitta ha dimostrato stasera di avere tutti i requisiti per lottare per lo scudetto fino alla fine. Napoli primo in classifica da solo a 31 punti, e ancora una volta la squadra di Sarri dimostra di essere infallibile con le grandi.

È finito al San Paolo il big match tra Napoli e Inter, alla fine la spuntano i padroni di casa che vincono per 2 a 1. Finale al cardiopalma con i nerazzurri che chiudono in crescendo, all'87' Biabiany serve un cross delizioso per Ljajic che viene anticipato dall'uscita di Riena, all'89 slamom di Higuain che si beve la difesa dell'Inter e arriva al tiro, e solamente una strepitosa deviazione di Handanovic gli nega la gioia della tripletta. Ma il meglio deve ancora finire, nel recupero l'Inter dà più del 100% e nell'ultimo minuto di recupero colpisce addirittura due pali con Jovetic e Miranda. Il pubblico del San Paolo è incredulo, ma il Napoli riesce a difendere con le unghie e con i denti i tre punti, grazie ai quali partenopei salgono da soli in vetta alla classifica a 31 punti. Ma l'Inter ha dimostrato stasera di essere una signora squadra e di potersi giocare lo scudetto fino alla fine.  

Mancano solamente dieci minuti (più recupero) al termine della super sfida tra Napoli e Inter, al momento sta avendo la meglio la formazione di Maurizio Sarri che vince per 2 a 1. Con la doppietta di Higuain la partita sembrava ormai chiusa, ma ci ha pensato Ljajic a riaprirla segnando la rete del 2-1, rendendo così ancora più emozionante l'ultima parte di gara. I padroni di casa cercano di tenere palla e di dettare i ritmi di gioco, affondando il colpo appena possibile. Ghoulam innesca Higuain che vuole la tripletta, ma solo un ottimo intervento di Murillo in scivolata impedisce all'attaccante argentino di realizzare l'hat trick. Al 78' Inter ancora in attacco con Brozovic che entra in area e calcia, spedendo però il pallone a lato. All'81 azione steupenda di Ljajic che fa tutto da solo ma sul più bello si perde, graziando così il Napoli. Sarà un finale tutto da vivere, non è ancora detta l'ultima parola.  

Al ventesimo minuto del secondo tempo, cambia ancora il punteggio al San Paolo: ora il Napoli è avanti 2 a 1 sull'Inter. Con l'uomo in più, l'undici di Sarri ha il pieno controllo della partita, sebbene i nerazzurri provino ad attaccare senza però scoprirsi più di tanto, giocando con l'uomo in meno. Dopo un inizio di secondo tempo piuttosto tranquillo, il Napoli preme sull'acceleratore e torna dalle parti di Handanovic prima con un colpo di testa di Hamsik e poi con un destro di Allan. Ma al 62' ecco il raddoppio partenopeo, anche la rete del 2 a 0 è firmata dal genio di Gonzalo Higuain che in mezzo a due avversari (Miranda e Murillo, tra i migliori dell'Inter) trova il modo di gonfiare la rete e di mandare nuovamente in delirio il San Paolo. Momento straordinario del Napoli che adesso gioca sul velluto, ma l'Inter non molla e accorcia le distanze al 67' con Ljajic, 2 a 1 e partita riaperta.  

È ripreso al San Paolo il big match tra Napoli e Inter, al quinto del secondo tempo il punteggio rimane sull'1 a 0 per i padroni di casa. Al 37' il Napoli si distende in contropiede con Insigne che mette un bel pallone in mezzo per Higuain, ma il numero 9 non ci arriva. Al 40' Inter di nuovo in avanti con Ljajic che prova a fare tutto da solo, poi serve Perisic che si era accentrato ma non trova la porta con la palla che finisce a lato. Al 44' arriva l'episodio che potrebbe segnare la gara: Nagatomo stende Allan che lo aveva superato e viene espulso per somma di cartellini, l'Inter rimane così in 10 con tutto il secondo tempo ancora da disputare. A inizio ripresa Mancini è costretto a coprirsi e dunque sostituisce Icardi con Telles per tornare ad avere quattro difensori in campo, l'Inter ricomincia bene con Ljajic che avanza palla al piede e serve Brozovic, Perisic rovina l'azione facendosi trovare in fuorigioco. I nerazzurri alzano comunque il baricentro e mettono pressione ai partenopei.  

Al trentacinquesimo minuto del primo tempo, il punteggio di Napoli-Inter rimane di 1 a 0 in favore della formazione allenata da Maurizio Sarri. Partita equilibrata, anche se i padroni di casa attaccano con più facilita rispetto agli ospiti che invece hanno qualche problema in più a uscire dalla propria metà campo. Tuttavia al 29', al termine di una bella azione, l'Inter sfiora il pari con Guarin che calcia in porta, la palla esce poco sopra la traversa con il pubblico del San Paolo che tira un sospiro di sollievo. I nerazzurri non possono mai stare tranquilli in difesa quando hai a che fare con giocatori del calibro di Higuain, Insigne e Hamsik, e la retroguardia dell'Inter infatti stasera sta compiendo gli straordinari per neutralizzare le offensive degli avversari.  

Quando siamo giunti al ventesimo minuto del primo tempo, il punteggio del big match tra Napoli e Inter rimane sull'1 a 0 per la squadra di casa. Dopo aver preso gol ad appena 120 secondi dal fischio d'inizio di Orsato, l'Inter tenta subito di reagire con Reina che esce male e lascia la porta sguarnita, per sua fortuna c'è Albiol a fare buona guardia. In contropiede Napoli ancora minaccioso con Callejon che calcia al volo ma non trova la porta. I nerazzurri provano a impostare il gioco creando qualche bella azione che non riescono però a finalizzare, Perisic calcia infatti altissimo. Al 18' lo stesso Perisic prova a servire un cross per uno tra Ljajic e Icardi, ma il lancio è troppo lungo e Reina blocca senza problemi.  

È iniziato al San Paolo il big match della 14^ giornata di Serie A 2015-2016 tra Napoli e Inter, con il fischio d'inizio di Orsato è finalmente terminata l'attesa per la partita che potrebbe dirci una volta per tutte quale sarà la squadra da battere in questa stagione. Quando sono trascorsi cinque minuti dall'inizio della gara, il punteggio si è già sbloccato: i padroni di casa sono avanti 1 a 0. Pronti, via, e alla prima azione il Napoli trova il gol grazie all'uomo più atteso, Gonzalo Higuain, che entra in area, si coordina e trafigge Handanovic (imbattuto da quasi 400 minuti), portando così in vantaggio la squadra partenopea e mandando letteralmente in visibilio il pubblico del San Paolo.  

Napoli-Inter sta per cominciare: finalmente prende il via la partita dello stadio San Paolo, il grande big match della quattordicesima giornata. Le formazioni ufficiali ci dicono che non ci sono sorprese nel Napoli che presenta il solito 4-3-3 con attacco decimato e Koulibaly che torna al fianco di Raul Albiol. Nell’Inter scelto ancora Nagatomo a sinistra, in mezzo c’è Medel con Guarin e Brozovic e dunque Felipe Melo va in panchina, come Jovetic al quale Mancini preferisce Ljajic che gioca nel tridente con Icardi e Perisic. NAPOLI (4-3-3): 25 Reina; 2 Hysaj, 33 Raul Albiol, 26 Koulibaly, 31 Ghoulam; 5 Allan, 8 Jorginho, 17 Hamsik; 7 Callejon, 9 Higuain, 24 L. Insigne. A disposizione: 1 Rafael C., 22 Gabriel, 3 Strinic, 4 Henrique, 11 Maggio, 16 Valdifiori, 19 David Lopez, 20 Dezi, 21 Chiriches, 77 El Kaddouri, 94 Chalobah, 96 Luperto. Allenatore: Maurizio Sarri INTER (4-3-3): 1 Handanovic; 33 D'Ambrosio, 25 Miranda, 24 Murillo, 55 Nagatomo; 13 Guarin, 17 Medel, 77 Brozovic; 22 Ljajic, 9 Icardi, 44 Perisic. A disposizione: 30 Carrizo, 5 Jesus, 6 Dodò, 8 Palacio, 10 Jovetic, 11 Biabiany, 12 Telles, 14 Montoya, 23 Ranocchia, 27 Gnoukouri, 83 Felipe Melo, 97 Manaj. Allenatore: Roberto Mancini Arbitro: Daniele Orsato 

Napoli-Inter, sfida tra le prime due della classe, chiude la quattordicesima giornata di Serie A; diamo uno sguardo alla chiave tattica del match. Entrambe le squadre giocano con il 4-3-3, ma interpretando il modulo in maniera molto diversa. Andiamo a vedere quale sarà la chiave tattica della partita. Gli azzurri sono devastanti in attacco e bravi a confrontarsi con qualsiasi tipo di difesa, dovranno però fare molta attenzione al gioco ostruzionistico di Mancini. Il tecnico di Jesolo invita sempre i suoi avversari a interpretare male la partita, con un gioco di rottura e grande fisicità in mezzo al campo. Davanti gli spunti dei fantasisti Jovetic e Perisic potrebbe fare la differenza nonostante i nuovi equilibri trovati dalla difesa di casa.

Allo Stadio San Paolo di Napoli si gioca Napoil-Inter, una sfida per lo Scudetto tra due squadre che occupano la prima e la seconda posizione in classifica e che per il momento hanno impressionato per la mole di gioco sviluppato (Napoli) e la fluidità dell'attacco laddove invece l'Inter sembra essere una corazzata difensivamente, con pochi gol concessi. Vediamo alcune statistiche prima del match; i padroni di casa tirano di più con 177 conclusioni a 133,in porta sono 83 a 66. A fronte di un totale di attacchi di 365 a 340. Il possesso palla è 29'28'' a 26'4''. I falli commessi invece sono in equilibrio, 165 a 612. 

Napoli-Inter è un grande classico della nostra Serie A e conta al San Paolo ben 78 partite disputate con 38 vittorie degli azzurri, 20 pareggi e 20 successi dei nerazzurri. La prima volta si giocò addirittura nella stagione 1926/27 e finì 3-0 per la squadra meneghina. Lo scorso marzo si giocò per l'ultima volta questa sfida allo Stadio San Paolo, fu una gara davvero avvincente terminata 2-2. Dopo un primo tempo abbastanza noioso nei primi venti minuti della ripresa la squadra allora di Rafa Benitez passò in doppio vantaggio con le reti di Hamsik e Higuain. A cavallo dei minuti 72 e 84 arrivò il pari nerazzurro con le reti di Palacio e Icardi su calcio di rigore. 

Il big match della giornata è quello tra il Napoli di Maurizio Sarri e l'Inter di Roberto Mancini. Ovviamente sono molti i punti di interesse che attireranno il pubblico, anche non di parte, a vedere questo match. Primo fra tutti il fatto che entrambe vorranno dimostrare di essere pronte per vincere lo Scudetto e motivate a trovare una continuità anche nei risultati. Attenzione poi alla fatto che si sfidano la migliore difesa del campionato e il capocannoniere della lista dei marcatori a dieci reti Gonzalo Higuain. 

, diretta dall'arbitro Daniele Orsato della sezione di Schio, si gioca alle ore 21 di questa sera, ed è la partita che allo stadio San Paolo chiude la quattordicesima giornata del campionato di Serie A 2015-2016. E’ soprattutto il grande big match del turno: si affrontano infatti due delle quattro squadre regine del campionato fino a qui, e quelle che sembrano essere più in forma in questa parte della stagione. Intanto sono per distacco le due migliori difese: l’Inter ha subito 7, gol, il Napoli 8.

Entrando in questa giornata erano prima (Inter, 30 punti) e seconda (Napoli, 28 punti), hanno perso una sola partita in tutta la stagione e con una serie di imbattibilità che dura da 12 partite (per il Napoli) e 7 (per l’Inter). Torniamo ai gol subiti: Pepe Reina non incassa una rete da cinque partite e 467 minuti (il gol di Kalinic), Handanovic è imbattuto da quattro partite e 384 minuti (il gol di Gilardino).

A leggerla così si potrebbe anche dire che la probabilità più alta sia quella di uno 0-0; sicuramente l’Inter ha mostrato una certa fatica a segnare se è vero che soltanto una volta (l’ultima, contro il Frosinone) ha vinto con più di un gol di scarto e solo due (c’è anche la sfida contro il Carpi di fine agosto) ne ha segnati almeno due. Vero è però che quello del Napoli è un grande attacco, forse un po’ troppo dipendente da Gonzalo Higuain e Lorenzo Insigne (hanno realizzato 17 dei 24 gol del Napoli in campionato) ma sicuramente spettacolare e che ormai si conosce a memoria. 

La fluidità di manovra del Napoli è sotto gli occhi di tutti; una squadra che gioca ad occhi chiusi grazie all’ottimo lavoro di Maurizio Sarri e dei giocatori che hanno acquisito una fiducia diversa rispetto a quella che avevano un anno fa. Così ha fatto l’Inter, una formazione totalmente diversa da quella della scorsa stagione visti i tanti acquisti estivi e che finalmente è a misura di Roberto Mancini. Tanta fisicità, fatica nel costruire gioco ma grandissima solidità: se è vero che i campionati si vincono innanzitutto con la difesa l’Inter è su una strada buonissima. 

Mancini ha sempre detto che lo scudetto non è il suo vero obiettivo, Sarri si scherma: la realtà è che entrambi gli allenatori credono eccome nel tricolore, e questa sera al San Paolo c’è in ballo il sorpasso per il Napoli o la fuga per l’Inter, oppure un pareggio che lascerà le cose come sono e che sicuramente farebbe più felici i nerazzurri, che al ritorno potranno affrontare i partenopei a San Siro. L’Inter, se si esclude un successo ai rigori nel gennaio 2011 (in Coppa Italia) non vince a Napoli dall’ottobre 1997: decisero Galante e un’autorete di Turrini. Che sia questa la volta buona?

A noi non resta ora che metterci comodi, dare la parola al campo e stare a vedere come andrà a finire questo big match del San Paolo che potrebbe dare una svolta alla stagione: la diretta di Napoli-Inter, valida per la quattordicesima giornata del campionato di Serie A 2015-2016, sta per cominciare…

La diretta tv di Napoli-Inter sarà trasmessa dai canali della pay tv del satellite su Sky Sport 1, Sky SuperCalcio e Sky Calcio 1, dove è disponibile anche il servizio in pay per view (codice d’acquisto 488544); e sui canali della pay tv del digitale terrestre, su Premium Calcio e Premium Calcio HD Gli abbonati alle piattaforme avranno poi a disposizione la visione in diretta streaming video, attivando su PC, tablet e smartphone le applicazione Sky Go e Premium Play che non comportano costi aggiuntivi. Il sito ufficiale di riferimento per gli aggiornamenti e le informazioni utili sulla partita è invece www.legaseriea.it, con i corrispettivi account sui social network alle pagine facebook.com/serieatim e (su Twitter) @SerieA_TIM.