BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Roma-Lazio (2-0): Fantacalcio, i voti della partita (Serie A 2015-2016, 12^ giornata)

Pagelle Roma-Lazio 2-0, i voti della partita per il Fantacalcio: i migliori e i peggiori della partita giocata allo stadio Olimpico, valida per la dodicesima giornata della Serie A 2015-2016

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Prova di carattere, convincente, da squadra autoritaria: la Roma vince con pieno merito il derby della capitale, regolando la Lazio con un 2-0 netto, firmato Dzeko e Gervinho. Partita di buona qualità per gli uomini di Garcia, che condannano i cugini alla quarta sconfitta nelle ultime 5 giornate, aprendo di fatto una piccola crisi che riporta a galla qualche fantasma scacciato da Pioli a inizio anno...

Risponde prontamente alla vittoria dell'Inter nell'anticipo di mezzogiorno, restando agganciata al treno-Scudetto. Trovare la prestazione di squadra in un derby, con questa tensione "ambientale", non è impresa da poco.

Non riesce mai a fare preoccupare seriamente Szczesny, Felipe Anderson a parte. Il trend negativo a livello di risultati inizia ad essere preoccupante.

Il rigore non c'è, perchè il fallo è di pochissimo fuori area, ma è più colpa degli assistenti che sua. Non condividiamo invece la gestione dei cartellini e in questo sbaglia lui; Lulic andava espulso almeno un paio di volte, sommando gialli e rossi diretti mancati...

Nel derby senza ultras dell'Olimpico, che si è acceso solo ad intermittenza ma in maniera significativa, la Roma conduce 1-0 sulla Lazio all'intervallo, grazie al penalty trasformato da Dzeko in avvio.

Frenesia e poco gioco nei primi 20 minuti di di match, con l'assolo di Dzeko (voto 6,5), falciato all'ingresso in area da Gentiletti (voto 5) al 9°: fallo ineccepibile, sanzionato da Tagliavento con un rigore che – valutando la posizione del contatto al replay – pare però dubbio, visto che "l'incrocio" di piedi avviene qualche centimetro prima della linea. E' lo stesso bosniaco a trasformare centralmente, sbloccando il punteggio. La Lazio risponde di carattere ma con poca lucidità a livello di azioni d'insieme: bravo Candreva (voto 6) a farsi trovare sulla destra ma anche Szczesny (voto 6) ad anticiparlo in uscita, un paio di volte. Poi meraviglioso Felipe Anderson (voto 6), nell'unico guizzo del suo primo tempo: dribbling e destro sulla traversa per il brasiliano, che griffa l'occasione più netta per i biancocelesti. Nainggolan (voto 6,5) pareggia il conto dei legni nel finale, con un diagonale forte e preciso, che rimbalza sul palo. Contesa aperta, si aspettano eventuali mosse di Pioli in avvio di ripresa.

Segna con Dzeko, subito, per poi sfiorare anche il bis in almeno un paio di occasioni nitide/clamorose. Buon primo tempo, con pochi rischi in difesa. Sbaglia solo una cosa, anche se è abbastanza significativa, ovvero un tocco in porta (vuota) per portare i suoi sul 2-0. Per il resto è il riferimento naturale del gioco di squadra.  Lo si vede poco, anche perchè spicca vicino a lui Nainggolan, autore di una prova maiuscola. Sufficienza stiracchiata.

Un gradino sotto agli avversari, che meritano di chiudere in vantaggio al 45°. Ma se Anderson avesse trasformato in gol quella grande giocata... Sempre presente a livello di continuità di giocata, costringe Digne a restare basso e controllarlo, con diverse difficoltà. Andiamo a memoria: su tutti (o quasi) gli ultimi gol in incassati dalla Lazio – quando era in campo – è stato responsabile in prima persona. (Luca Brivio)