BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Risultati Serie A / Classifica aggiornata e marcatori. Finali e prossimo turno: assist, comanda Insigne (12^ giornata, 8 novembre 2015)

Risultati Serie A, diretta gol livescore e classifica aggiornata: si gioca la dodicesima giornata di campionato, spicca il derby Roma-Lazio. Il posticipo serale è Sampdoria-Fiorentina

Foto Infophoto Foto Infophoto

Dopo la dodicesima giornata del campionato di Serie A 2015-2016, andiamo a scoprire la classifica degli assist: quali sono i migliori giocatori in termini di passaggi che mandino in porta un compagno, non necessariamente vincenti ma comunque decisivi per creare una conclusione verso lo specchio. Al primo posto, secondo le statistiche del sito ufficiale della Lega, continua a esserci Lorenzo Insigne: il fantasista del Napoli è già a quota 11 e quest’anno sta giocando una super stagione, non solo gli assist ma - ricordiamo - anche 6 gol in campionato per lui. In seconda posizione, a sorpresa, Olivier Ntcham: il giovane del Genoa, acquistato in estate, non gioca troppo spesso ma a dire il vero quando Gian Piero Gasperini lo impiega risulta molto incisivo (ricordiamo in particolare la grande azione che è fruttata il 3-2 di Tachtisidis contro il Chievo). Sono 9 gli assist di Ntcham, uno in più del terzetto che occupa il terzo posto: Radja Nainggolan (Roma), Roberto Pereyra (Juventus) e Riccardo Saponara (Empoli). Fiorentina e Inter, le prime in classifica in Serie A, compaiono nella graduatoria degli assist con Josip Ilicic (5) e Stevan Jovetic (4).

La Serie A ha completato la sua dodicesima giornata. Adesso ci sarà la sosta per le partite delle Nazionali che vivranno i playoff per gli Europei (Italia già qualificata, disputerà due amichevoli), dunque il campionato tornerà con la sua tredicesima giornata sabato 22 e domenica 23 novembre. Il big-match sarà Juventus-Milan, alle ore 20.45 di sabato: quasi uno spareggio che ci dirà chi potrà continuare a pensare in grande. Sarà però la Roma ad aprire il turno, alle ore 18.00 in casa di un Bologna rigenerato da Roberto Donadoni. Domenica pomeriggio la Fiorentina ospita l'Empoli per il derby toscano mentre il Napoli andrà a Verona per un quasi testa-coda; il posticipo serale vedrà protagonista infine l'Inter, in casa contro la matricola Frosinone. Queste le altre partite: Udinese-Sampdoria (ore 12.30), Atalanta-Torino, Carpi-Chievo, Genoa-Sassuolo, Lazio-Palermo. 

Sarà una bella lotta da qui alla fine del campionato per vincere la classifica dei marcatori della Serie A e raccogliere l'eredità lasciata in dote da Luca Toni e Mauro Icardi. Il primo è fermo ai box per infortunio da diverso tempo, mentre il secondo arranca ad appena 3 marcature in questa stagione. Stupisce leggere il nome di Eder in cima alla classifica a 9 reti, ma non per la qualità di un giocatore mai scontato e sempre decisivo più che altro per le sue qualità non proprio da bomber. A pari merito con lui c'è chi questa classifica vorrebbe/potrebbe ucciderla già alla fine del girone di ritorno. Gonzalo Higuain è in una forma stratosferica e può ancora crescere con un Napoli che sembra destinato a lottare fino alla fine per lo Scudetto. Dietro di loro a sette gol c'è la sorpresa Nikola Kalinic della Fiorentina. Il calciatore croato classe 1988 è arrivato a Firenze un po' a sorpresa quest'estate dal Dnipro per 5.5 milioni di euro e si propone come uno dei potenziali crack della stagione, con le sue sette reti al momento sta guidando in testa alla classifica la sua viola. A sei gol seguono tre giocatori che vivono un bel momento di forma come Bacca del Milan, Gervinho della Roma e Insigne. A cinque reti la sorpresa invece raddoppiano questo perchè Paulo Dybala ha giocato anche poco in relazione ai gol fatti, Miralem Pjanic invece li aveva fatti in tutta la stagione scorsa e Mohamed Salah che ha iniziato la stagione alla grande.

Fiorentina in vantaggio a Marassi grazie ad un calcio di rigore realizzato da Josip Ilicic. Il trequartista sloveno sale a quota 4 in classifica marcatori, con il suo gol la squadra viola torna in testa alla classifica assieme all'Inter. Ma c'è ancora un tempo da giocare… Fischio finale a Marassi, terminato il posticipo della 12^giornata di Serie A. La Fiorentina si conferma in testa alla classifica a braccetto con l'Inter: 0-2 alla Sampdoria che per la prima volta in questo campionato perde in casa. Nel secondo tempo è stato Nikola Kalinic a chiudere il conto: settimo gol in Serie A per il croato. Ora la pausa per la nazionali: il campionato tornerà nel week-end tra sabato 21 e domenica 22 novembre, con la giornata numero 13.

E’ finita al San Paolo: Napoli-Udinese 1-0. I partenopei riprendono subito la marcia dopo aver pareggiato a Marassi e sono terzi in classifica con 25 punti; l’Udinese adesso rischia grosso, resta ferma a 12 punti e la sua situazione peggiora. A decidere è il gol di Gonzalo Higuain, il nono in campionato: ripreso Eder in vetta alla classifica marcatori, in attesa della partita che la Sampdoria gioca alle ore 20:45 contro la Fiorentina. Intanto, possiamo dire che per la prima volta in stagione il Napoli non segna almeno due gol in casa; poco importa, il Napoli continua a volare e si mantiene a due punti dal primo posto dell’Inter e uno dalla Roma, sempre in quota sorpasso. Dopo la sosta i partenopei ci proveranno di nuovo.

Al San Paolo, Napoli-Udinese 0-0 dopo il primo tempo. Il Napoli spinge e mette in scacco la difesa dell'Udinese, ma per il momento non passa; l'occasione più ghiotta capita sul piede di Callejon che viene lanciato in profondità ma, entrato in area di rigore, viene fermato da Karnezis bravo nell'intervento, sul prosieguo dell'azione Hamsik si gira liberando il sinistro che però termina largo con il portiere greco che sembrava essere in ritardo. Vedremo cosa succederà nella ripresa. Al 53' minuto di gioco il Napoli si porta in vantaggio contro l'Udinese: gol, come sempre, di Gonzalo Higuain che arriva al decimo sigillo in questo campionato di Serie A. I partenopei faticavano a sbloccare ed ecco allora l'invenzione del Pipita: servito da Jorginho, entra in area di rigore dalla sinistra e trova un angolo impossibile per angolare la conclusione mancina, che beffa Karnezis e si infila in porta sul palo lungo dopo averlo toccato. Napoli dunque in vantaggio e in questo momento a due punti dall'Inter capolista. 

Terminate le partite del pomeriggio. Per la prima volta in campionato la Juventus vince due partite di fila: i campioni in carica rimontano l'Empoli e si portano a casa i tre punti. Pareggio invece tra Frosinone e Genoa, i liguri hanno riacciuffato il punteggio nonostante l'inferiorità numerica patita nel primo tempo. Successo salva panchina per Beppe Iachini: il suo Palermo supera il Chievo per 1-0 grazie al guizzo di Gilardino ed appaia in classifica proprio i gialloblù. Il derby di Roma è andato ai giallorossi che si confermano secondi ad un punto dall'Inter, in attesa di Fiorentina e Napoli. Infine il Sassuolo ha vinto l'altro derby di giornata, quello della provincia di Modena, grazie alla rete di Nicola Sansone nel primo tempo. Alle ore 18:00 la dodicesima giornata proseguirà con Napoli-Udinese, alle 20:45 invece il posticipo Sampdoria-Fiorentina. 

Si sbloccano due partite in Serie A: Roma-Lazio 1-0 con il secondo gol in campionato di Edin Dzeko, che dopo più di tre mesi ritrova il gol nel torneo mettendo a segno un calcio di rigore e sbloccando subito il derby della capitale, ora per la Lazio sarà dura rimontare visto che i giallorossi possono sfruttare la straordinaria qualità nelle ripartenze. Perde invece la Juventus a Empoli: al 19' minuto Massimo Maccarone finalizza una bella azione dei toscani battendo Buffon alla sua sinistra, continuano a soffrire i bianconeri che ora devono recuperare la situazione. Cambiano altri risultati in Serie A: al 32' minuto di gioco arriva il pareggio della Juventus con Mario Mandzukic, e sette minuti più tardi anche il ribaltone firmato Patrice Evra, al suo primo gol in campionato. Ribalta tutto anche il Frosinone che trova due reti con due difensori: meraviglioso il gol di Leonardo Blanchard, poi segna Modibo Diakité un minuto dopo che il Genoa è rimasto in dieci uomini (espulso De Maio). A Reggio Emilia passa il Sassuolo: il gol porta la firma di Nicola Sansone.  Altro gol nel derby di Roma e sono ancora i giallorossi ad andare a segno. Sesta rete in questo campionato per Gervinho che sfrutta l'imbucata di Nainggolan per battere Marchetti e portare i suoi avanti di due gol.

Torino-Inter 0-1: il gol di Geoffrey Kondogbia al 31’ minuto regala la vittoria ai nerazzurri che allungano in testa alla classifica di Serie A in attesa delle altre partite. Si tratta dell’ottava vittoria in dodici partite per la formazione di Roberto Mancini, che mette in cascina altri tre punti importanti; il Torino invece perde la seconda gara in fila e allunga a sei la striscia negativa, allontanandosi ancor più dalle prime posizioni della graduatoria. Alle ore 15 iniziano cinque partite: spicca naturalmente il derby Roma-Lazio, le altre gare in programma sono Empoli-Juventus, Frosinone-Genoa, Palermo-Chievo e Sassuolo-Carpi. Al 6' minuto di gioco si sblocca la prima partita: Frosinone-Genoa 0-1. Il gol porta la firma di Leonardo Pavoletti, quarta rete in questo campionato: sbaglia la difesa del Frosinone che lascia solo in area il numero 19 del Genoa che, servito da Lazovic - autore di una bella discesa sulla fascia - trova il piattone decisivo a battere Leali. Iniziate tutte le altre partite, risultato ancora fermo sullo 0-0. 

Torino-Inter è iniziata; allo stadio Olimpico si gioca la prima partita delle otto che ci aspettano in questa domenica 8 novembre, dedicata alla dodicesima giornata del campionato di Serie A 2015-2016. Qualche novità nelle formazioni in campo, soprattutto un Torino che vuole tornare a vincere dopo cinque turni e un'Inter che cerca la conferma in testa alla classifica, in attesa delle altre partite. Staremo dunque a vedere come andrà a finire, ricordiamo che altre cinque gare si giocano alle 15 mentre il turno si concuderà con i posticipi delle ore 18 (Napoli-Udinese) e 20:45 (Sampdoria-Fiorentina). Al 31' minuto di gioco Torino-Inter 0-1. Si sblocca la partita dello stadio Olimpico grazie al primo gol in stagione di Geoffrey Kondogbia; l'azione nasce dalla fascia sinistra, c'è un cross in area di rigore con traiettoria a spiovere sul primo palo, Palacio prolunga di testa e riesce a trovare l'inserimento sul secondo palo di Kondogbia, che con una girata acrobatica da due passi batte l'incolpevole Padelli. Appena prima il Torino aveva sfiorato il gol con una conclusione da fuori di Padelli che per poco non aveva centr

Dodicesima giornata di Serie A 2015-2016: torna l’appuntamento con il massimo campionato italiano di calcio, ultimo turno prima della sosta prevista per dare spazio ai playoff di qualificazione agli Europei 2016 (e alle varie amichevoli delle nazionali non impegnate nell’appuntamento ufficiale). Ieri si sono giocati i due anticipi Verona-Bologna (0-2) e Milan-Atalanta (0-0); le partite di oggi sono dunque otto e tutte molto interessanti. Si apre con la sfida delle 12:30 che è Torino-Inter; si prosegue alle ore 15 con Empoli-Juventus, Frosinone-Genoa, Palermo-Chievo, Roma-Lazio e Sassuolo-Carpi, per chiudere con i due posticipi che saranno Napoli-Udinese alle ore 18 e Sampdoria-Fiorentina alle ore 20:45. Naturalmente spicca il derby della capitale: la Roma è intenzionata a riprendersi la testa della classifica ma deve fare i conti con una Lazio ferita dalla sconfitta interna contro il Milan, dunque a caccia di riscatto tanto quanto i giallorossi che hanno perso a San Siro. L’Inter, a proposito, prosegue la sua marcia: il Torino non vince da cinque giornate e vuole lasciarsi alle spalle il derby perso all’ultimo secondo, partita dunque delicata come quella della Juventus, che va sul campo di un Empoli in salute e vuole dare continuità alla vittoria di sabato scorso, sapendo che un altro passo falso renderebbe difficilissima la corsa al terzo posto. A Reggio Emilia cv’è un derby regionale che segna il ritorno di Fabrizio Castori sulla panchina del Carpi, a rovinargli la festa proverà il Sassuolo che vuole confermare la sua posizione europea. Palermo-Chievo vedrà invece Beppe Iachini contro il suo illustre passato e, in campo, due squadre che stanno attraversando un periodo di flessione; Frosinone-Genoa può far decollare una delle due formazioni, il Grifone fuori casa deve elevare il suo rendimento se vuole entrare nelle prime sei. Interessanti i posticipi: il Napoli vuole riprendere la marcia dopo il pareggio di Marassi e lo fa contro un’Udinese che arriva da un periodo poco brillante, la Sampdoria ritrova aria di casa e può dunque trasformarsi rispetto a lunedì scorso, ma di fronte ha la Fiorentina capolista che non ha alcuna intenzione di fermarsi. Staremo dunque a vedere come cambierà la classifica dopo questa lunga giornata.