BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Diretta/ Partizan-Augsburg (risultato finale 1-3): Bobadilla all'ultimo, passano i tedeschi! (Europa League 2015, oggi 10 dicembre)

Diretta Partizan Belgrado-Augsburg, risultato finale 1-3: clamoroso in Serbia, i tedeschi ribaltano il risultato dell'andata con un gol a un minuto dal termine e si qualificano ai sedicesimi

Foto Infophoto Foto Infophoto

Risultato finale in Serbia: Partizan Belgrado-Augsburg 1-3. Clamoroso a Belgrado: l’Augsburg trova il gol decisivo all’89’ minuto di gioco e si qualifica per i sedicesimi di Europa League, estromettendo il Partizan in virtù della miglior differenza reti nel girone. Le due sfide si sono concluse sul risultato di 1-3 e dunque la differenza la fanno i gol totali; anzi, la fa la sesta rete nel girone di Raul Bobadilla. L’attaccante paraguayano si fa trovare prontissimo in area di rigore quando un pallone messo dentro dalla destra diventa utile per Caiuby che prende il tempo alla difesa e fa torre di testa: Bobadilla c’è e schiaccia in porta. Suicidio del Partizan Belgrado, che dopo 11 minuti si era portato in vantaggio: decisiva l’espulsione, a nove minuti dal 90’, di Andrija Zivkovic ingenuo nel toccare di mano un pallone vagante e prendersi il secondo giallo. L’Augsburg dunque centra il miracolo: vince a Belgrado in rimonta dopo aver rischiato seriamente di subire il gol del 2-2 e si prende una qualificazione che per quanto si è visto stasera è comunque meritata. Nel girone L l’Athletic Bilbao si qualifica come primo, secondo è invece l’Augsburg. 

Grande occasione per il Partizan Belgrado per chiudere nuovamente i conti: al 73’ minuto di gioco spettacolare conclusione da fuori di Ninkovic, Hitz era battuto ma la palla ha trovato la traversa. Il Partizan ha capito che l’Augsburg può essere pericoloso e si è portato in avanti alla ricerca del gol del pareggio che metterebbe nuovamente due reti di distanza tra i tedeschi e il sorpasso nella classifica del girone; da segnalare un cambio nella formazione serba, con Petrovic che ha preso il posto di Subic al 64’ minuto. Per l’Augsburg invece era entrato Caluby per Ja-Cheol al 60’, ricordiamo che i tedeschi avevano già effettuato un cambio, forzato, mandando in campo Jeon-Ho che poco dopo ha trovato il gol del pareggio. 

Inizia benissimo il secondo tempo l’Augsburg: al 51’ minuto di gioco i tedeschi si portano in vantaggio grazie al gol realizzato da Paul Verhaegh. Bel gol da parte del terzino destro olandese: intuizione di Baier che riceve palla in punta, al limite dell’area, e verticalizza con un pallone morbido che Verhaegh aggancia dopo il taglio profondo dalla destra si presenta tutto solo davanti a Zivkovic e lo batte. A questo punto all’Augsburg serve un altro gol per pareggiare il risultato della partita di andata ma qualificarsi ai sedicesimi per la migliore differenza reti complessiva nel girone L; il Partizan Belgrado scricchiola. 

All’intervallo, Partizan Belgrado-Augsburg 1-1. Decidono per il momento i gol realizzati da Abubakar Oumaru, assoluto protagonista di questa fase a gironi di Europa League con i suoi 5 gol, e Hong Jeon-Ho al secondo minuto di recupero. Merito soprattutto dell’allenatore Markus Weinzierl, che al 40’ minuto ha mandato in campo il coreano al posto di Callsen-Bracker, vittima di un fallo terminale da parte di Ninkovic che ha ricevuto solo il cartellino giallo. Proprio Jeon-Ho nel finale di frazione ha pareggiato colpendo di testa, sul primo palo, un cross arrivato da punizione diretta di Trochowski, battuta dalla sinistra con traiettoria a rientrare. Il portiere Zivkovic è parso poco sicuro sul suo palo, ma va detto che la distanza era ravvicinata. Ora alll’Augsburg servono altri due gol per prendersi la qualificazione ai sedicesimi di finale di Europa League. 

All’11’ minuto di gioco si sblocca la partita: Partizan Belgrado in vantaggio grazie al gol realizzato da Abubakar Oumaru. Per l’attaccante camerunense si tratta del quinto gol nella fase a gironi di Europa League; bella azione del Partizan con Ninkovic che lancia nello spazio Oumaru, bravo a scattare sul filo del fuorigioco e battere Hitz con una conclusione angolata. A questo punto il Partizan è quasi certo della qualificazione ai sedicesimi: all’Augsburg servono infatti tre gol per ribaltare la sfida diretta dell’andata (sarebbe davanti per la differenza reti complessiva nel gruppo) e superare la formazione serba nella classifica del girone L. Vedremo se i tedeschi saranno in grado di reagire nel corso della partita, ma questo gol subito non promette certo bene. 

E’ iniziata Partizan Belgrado-Augsburg; i tedeschi devono vincere ma a partire meglio sono i serbi che al 4’ minuto beneficiano di un calcio d’angolo, allontanato dalla difesa dell’Augsburg. La prima occasione per gli ospiti arriva al 5’: punizione per un fallo di Ninkovic su Ja-Cheol, sugli sviluppi della battuta Raul Bobadilla cerca la porta ma non inquadra lo specchio e il Partizan può respirare. Ricordiamo che all’Augsburg servono almeno tre gol per prendersi la qualificazione ai sedicesimi di Europa League, senza subirne. 

È una delle partite più interessanti nella serata di Europa League. I serbi hanno tre punti in più e hanno vinto 3-1 in Germania la partita di andata; impresa disperata per l’Augsburg che però con un 3-0 esterno si qualificherebbe ai sedicesimi. Andiamo allora a vedere le formazioni ufficiali della partita, calcio d’inizio alle ore 21:05. 1 Z. Zivkovic; 2 Bandalovski, 13 Cirkovic, 44 Fabricio, 19 Subic; 17 A. Zivkovic, 10 Babovic, 8 Brasanac, 21 Jevtovic, 11 Ninkovic; 15 Oumaru. Allenatore: Ljubinko Drulovic 35 Hitz; 2 Verhaegh, 16 Janker, 18 Callsen-Bracker, 3 Stafylidis; 19 Koo Ja-Cheol, 10 Baier, 15 Trochowski, 22 Ji Dong-Won; 25 Bobadilla. Allenatore: Markus Weinzierl 

Dando uno sguardo alla tattica di Partizan Belgrado-Augsburg, spicca il fatto che Il gioco dell'Augsburg ricalca per grandi linee quello che caratterizza la Bundesliga, con massicce iniezioni di agonismo e forza fisica, unite a velocità e discreta tecnica di base. Una miscela che ha permesso al team bavarese di fare fronte a squadre più dotate dal punto di vista squisitamente tecnico, sia in Bundesliga che in Europa League. La gara avrà un tema tattico obbligato, coi tedeschi costretti ad alzare subito il ritmo nel tentativo di sbloccare la gara. Il Partizan potrebbe però approfittarne per attivare il suo contropiede, già risultato letale nella gara di andata disputata in Germania. Se i tedeschi troveranno subito una rete, le loro possibilità aumenteranno sensibilmente, mentre potrebbero sparire del tutto nel caso contrario. 

Sarà diretta dal nostro arbitro Paolo Tagliavento e, in programma questa sera alle ore 21:05, è valida per la sesta e ultima giornata del girone L di Europa League 2015-2016, andando così a chiudere la fase a gironi. Le due squadre sono rispettivamente seconda e terza nella classifica del girone, alle spalle dell'Athletic Bilbao. Serbi e tedeschi sono attualmente divisi da tre punti e una vittoria della squadra ospite potrebbe non bastare, considerato che all'andata è finita 3-1 per il Partizan, risultato che costringe gli ospiti a vincere largamente.

Il Partizan Belgrado è la maggiore società calcistica serba, insieme ai cugini della Stella Rossa. Nella sua storia ha vinto undici campionati yugoslavi e sette della Serbia, tra cui l'ultimo, oltre a svariate coppe di Yugoslavia e Serbia. Allenato da Ljubinko Drulovic, il club capitolino dispone di una rosa composta soprattutto da giovani promesse, tra le quali vanno ricordati in particolare il difensore Ivan Šaponjic e il centrocampista Andrija Živkovic, campioni del mondo Under 20 nell'ultima kermesse iridata di categoria.

E' presente anche una vecchia conoscenza del calcio italiano, quell'Alen Stevanovic già visto con le maglie di Inter, Torino, Palermo, Bari e Spezia. Altro giocatore da tenere d'cchio è Nikola Ninkovic, talentuoso interno di centrocampo capace di impostare e di andare a concludere con grande proprietà. Il Partizan è costretto naturalmente a fare i conti con la particolare situazione del calcio serbo, che a causa della mancanza di grandi risorse vede ogni anno i suoi migliori talenti partire verso l'estero. 

Proprio per questo il settore giovanile ha una grande importanza, venendo chiamato praticamente ogni stagione a sfornare nuovi prodotti per integrare la rosa. Nonostante questo limite, il Partizan è riuscito a farsi valere in questa edizione di Europa League e ora potrebbe staccare il biglietto per i sedicesimi di finale.

L'Augsburg è un club molto antico, essendo nato nel 1908, mai capace però di segnalarsi per particolari imprese nell'ambito del calcio tedesco. Soltanto nel 2011 è riuscito finalmente a salire in Bundesliga, consolidando rapidamente le sue posizioni, sino al quinto posto ottenuto nel corso dell'ultima stagione, miglior risultato della sua storia. La rosa allenata da Markus Weinzierl vede la presenza di giocatori già noti alle cronache di calcio internazionale, a partire da quel Piotr Trochowski a lungo nazionale tedesco, da Raul Bobadilla, massiccio attaccante paraguaiano in precedenza segnalatosi con le maglie di Grasshoppers e Young Boys, e da Halil Altintop, esterno turco di grande esperienza.

Tra i punti di forza del team vanno poi ricordati il nazionale estone Ragnar Klavan e lo sloveno Tim Matavz, una delle grandi promesse del calcio europeo di qualche anno fa, in vistoso declino negli ultimi tempi. Attaccante dotato di fisico e tecnica, dopo aver fatto vedere ottime cose con le maglie di Groningen e PSV sta ora cercando di riguadagnare le posizioni perse.

Il pronostico è molto aperto, proprio in considerazione della assoluta necessità dell'Augsburg di vincere. Eurobet quota la vittoria del Partizan a 3,50, contro il 3,45 del pareggio e il 2,05 che premierebbe una affermazione dei tedeschi. Anche le fasi più interessanti della gara che avrà come teatro lo stadio Partizan potranno essere visionate su Diretta Goal, la trasmissione che Sky dedica all'Europa League.

Non sarà possibile assistere alla diretta tv di Partizan Belgrado-Augsburg; tuttavia sul canale Sky SuperCalcio della pay tv satellitare avrete a disposizione la trasmissione Diretta Gol Europa League, che manda in onda gli highlights e i gol in tempo reale da tutti i campi collegati. Un programma che potrete seguire anche in diretta streaming video, attivando senza costi aggiuntivi l'applicazione Sky Go su PC, tablet e smartphone in assenza di un televisore. Ricordiamo anche la possibilità di essere aggiornati sulla partita attraverso il sito ufficiale dell'Europa League, attraverso il sito ufficiale www.uefa.com all'apposita sezione dedicata all'Europa League.

© Riproduzione Riservata.