BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Napoli-Verona (3-0): i voti della partita (Coppa Italia 2015-2016, ottavi)

Pagelle Napoli-Verona, i voti della partita dello stadio Bentegodi: i migliori e i peggiori della sfida di mercoledì 16 dicembre 2015, valida per gli ottavi di finale di Coppa Italia

Foto InfophotoFoto Infophoto

Il Napoli di Sarri non si fa sorprendere come la Roma e la Fiorentina nel pomeriggio di oggi ed accede ai quarti di finale di Coppa Italia dove affronterà l'Inter di Mancini, battendo per 3 a 0 un Hellas Verona sceso in campo al San Paolo con le seconde linee, a dimostrazione del fatto che la squadra di Delneri deve essere totalmente concentrata sul campionato vista l'ultima posizione in classifica occupata. I gol al 4' di El Kaddouri e al 12' Mertens hanno certamente ipotecato l'esito dell'incontro che i padroni di casa hanno controllato senza troppi patemi e concendendo agli ospiti praticamente solo un occasione nel primo tempo a Checchin che ha colpito la traversa nel finale del primo tempo. Gonzalo Higuain ha cercato in tutti i modi di segnare e, dopo aver fallito una ghiotta occasione nel corso del primo tempo, ha sfiorato la segnatura in tre occasioni nella ripresa e venendo poi sostituito da Callejon proprio pochi minuti prima che Mertens si procurasse un rigore che ha calciato Hamsik sul palo della porta di Coppola. Callejon al 75' ha definitivamente chiuso l'incontro sfrutttando un super assist dell'ottimo El Kaddouri che ha disputato un'ottima prova.

La squadra di Sarri mette già una grossa ipoteca sulla qualificazione nei primi minuti di gioco, riuscendo a segnare già due reti in soli dodici minuti sfruttando la super serata di Mertens che ha fatto letteralmente la differenza. Peccato solo per Higuain che ha cercato di segnare in tutti i modi, sfiorandolo in tante occasioni senza però riuscire a concretizzare. La formazione schierata da Delneri faceva già intendere la volontà dell'allenatore di preservare i titolari per la sfida di domenica contro il Sassuolo che è sicuramente più importante vista la classifica degli scaligeri. Il ritorno al 4-3-3 nella ripresa ha dato più equilibrio alla squadra che ha sofferto meno le sortite dello scatenato Mertens limitando il passivo a tre reti dopo averne incassate due nei primi dodici minuti di gioco. Partita tranquilissima quella del San Paolo, nella quale il direttore di gara non ha mai dovuto estrarre cartellini gialli. E' stato assistito al meglio dai guardalinee che non hanno sbagliato nemmeno un fuorigioco, anche quelli millitremici. Sacrosanto il rigore fischiato nella ripresa per un netto fallo di Fares su Mertens.

Napoli-Verona è 2-0 all'intervallo; decidono i gol di El Kaddouri e Mertens nei primi 12 minuti. L'allenatore del Napoli, Maurizio Sarri, punta sul turn-over per questo incontro di Coppa Italia pur conservando il suo classico 4-3-3 con il solito Reina (voto 6) tra i pali, protetto da una linea difensiva che da destra a sinistra è composta da Maggio (voto 6) che sostituisce Hysai, Chichires (voto 6,5) e Koulibaly (voto 6) e Strinic (voto 6) che concede un turno di riposo a Ghoulam. In mezzo al campo, l'ex allenatore dell'Empoli consegna le chiavi del gioco partenopeo a Valdifiori (voto 6) che gioca affiancato dallo spagnolo David Lopez (voto 5,5) e Allan(voto 6), uno dei titolari utilizzati questa sera. Davanti tridente col titolarissimo Higuain (voto 6,5), chiamato agli straordinari forse anche per ritrovare il gol che gioca insieme a Mertens (voto 7,5) scatenato sulla fascia sinistra e a El Kaddouri (voto 6,5). Anche mister Delneri, che ha definito questo incontro un "impiccio" vista la preoccupante classifica che vede gli scaligeri occupare ancora l'ultima posizione in classifica ma che è reduce da un ottimo pareggio conquistato domenica scorsa a San Siro, decide di concedere un turno di riposo ai titolari concedendo un occasione a tanti giovani che partiranno dal primo minuto. L'allenatore punta su un inedito 4-2-3-1 con in porta Coppola (voto 5,5) che verrà difeso dalla coppia centrale Moras (voto 5,5) e Helander (voto 5), mentre sugli esterni agiscono Bianchetti (voto 4), dirottato sulla destra per limitare Mertens, cosa che finora non gli è assolutamente riuscita e Pisano (voto 5,5). A centrocampo occasione quindi per il giovanissimo Checchin (voto 6) che gioca al fianco dell'islandese Hallfredsson (voto 5,5). Davanti alla diga di centrocampo agiscono tre mezzepunte che sono Jankovic (voto 5), Siligardi (voto 5) e l'agerino Fares (voto 5,5) che hanno il compito di innescare la prima punta di riferimento che è il polacco Wsolezk (voto 5)

Super avvio di gara degli uomini di Sarri che hanno approcciato l'incontro alla grande segnando due reti in soli dodici minuti. Dopo il problema accusato alla caviglia da Higuain che aveva spaventato un pò tutti, il Napoli ha un pò calato il ritmo rischiando anche di subire un gol dagli avversari che hanno colpito la traversa nel finale con Checchin. Sontuosa prova del belga che, quando ha avuto la palla tra i piedi, ha sempre puntato Bianchetti saltandolo regolarmente, come in occasione del raddoppio quando ha saltato mezza difesa scaligera ed ha superato Coppola con un potente sinistro che ha sorpreso Coppola. Dopo la rete ha servito una gran palla a Higuain, che ha sbagliato la ghiotta occasione, ed ha continuato a creare scompiglio sulla sua fascia. In una partita tutta all'attacco per il Napoli, lo spagnolo che è invece specializzato nella fase di non possesso del pallole, fatica a rendersi utile nella costruzione della manovra, facendosi notare in pochissime occasioni. (Marco Guido)