BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Risultati Liga/ Partite, marcatori e classifica aggiornata (16^ giornata, 19-20 dicembre 2015)

Risultati Liga. Le partite, i marcatori e la classifica aggiornata dopo la 16^ giornata del massimo campionato spagnolo. Fermo il Barcellona, dilaga il Real Madrid (19-20 dicembre 2015)

Infophoto - immagine di repertorioInfophoto - immagine di repertorio

Andiamo a dare uno sguardo alla Liga, facendo il punto sui risultati delle partite, i marcatori e la classifica. La sedicesima giornata si è rivelata molto interessante, anche se privata del contributo del Barcellona, impegnato nel Mondiale per club vinto in finale contro il River Plate, con un 3-0 siglato da Messi e Suarez (doppietta). I catalani recupereranno la loro gara con lo Sporting Gijon a febbraio e nonostante la gara in meno possono festeggiare la testa della classifica, per effetto della sorprendente caduta dell'altra capolista, l'Atletico Madrid, a Malaga. La gara è stata decisa da una rete di Charles ad appena quattro minuti dal termine, quando i colchoneros erano in dieci a causa dell'espulsione di Gabi, per doppia ammonizione. Una gara molto tirata che ha confermato la solidità di un Malaga che pur soffrendo la mancanza di attaccanti di livello, riesce comunque a giocarsi la gara contro chiunque. I padroni di casa con questa vittoria raggiungono il tredicesimo posto in classifica, con tre punti di vantaggio sulla terzultima piazza, detenuta da Rayo Vallecano e Granada.

Proprio il Rayo è stato a sua volta protagonista in negativo della goleada di Madrid, una gara terminata 10-2 per il Real, agevolato anche dall'arbitraggio molto discutibile di Ignacio Iglesias Villanueva, il quale ha regalato il rigore del 3-2 e espulso Tito e Raúl Baena quando le squadre erano ancora in parità. Nei blancos assoluto protagonista Gareth Bale, autore di quattro reti, mentre tre e due a testa sono state messe a segno da Benzema e Cristiano Ronaldo, con Danilo a chiudere il tabellino. Per il Rayo hanno invece segnato Amaya e Yozabed, dando la parziale illusione di poter fare una buona figura al Bernabeu, poi dissolta con l'avanzare dei minuti. Ora il Real è terzo, a due punti da Barcellona e Atletico Madrid, anche se rimangono i tanti dubbi sollevati in queste settimane. Al quarto posto troviamo invece il Celta Vigo, salito a 31 punti per effetto della vittoria esterna a Granada, un 2-0 sancito dalle reti di Orellana e Iago Aspas nel primo tempo. Dopo un discreto inizio il Granada ha avvertito il doppio colpo infertogli dagli ospiti e nel secondo tempo la gara è filata stancamente verso il suo logico epilogo.

Vittorioso anche il Villarreal, anche in questo caso per 2-0, all'Estadio Anoeta contro la Real Sociedad, grazie alla doppietta di Suarez. I baschi, come ogni volta che giocano in casa, hanno spinto molto senza però mai concludere in maniera pericolosa, a differenza di un Villarreal veloce e molto ben organizzato. Alla fine il risultato è stato il logico corollario di quanto visto sul campo, permettendo al sottomarino giallo di mantenere il quinto posto in classifica, mentre la Real Sociedad deve cominciare a guardarsi alle spalle, considerato che il suo vantaggio sulle terzultime è di appena due punti. Vittoria anche per il Deportivo La Coruna, una delle sorprese di questo inizio di Liga, ai danni dell'Eibar, anche in questo caso per 2-0. Le reti sono state siglate da Lucas Pérez, alla fine della prima frazione di gioco, su rigore, e da Arribas, a metà del secondo tempo. La seconda rete è arrivata quando la squadra di casa si trovava in inferiorità numerica a causa dell'espulsione di Luisinho, per doppia ammonizione. Nonostante la sconfitta, l'Ebar rimane comunque al decimo posto con 21 punti, una quota che permette ai baschi di guardare ancora con tranquillità al futuro.

Sale invece al settimo posto l'Athletic Bilbao, grazie alla vittoria, nuovamente per 2-0, contro il Levante. Le reti di San Josè e Williams, nel secondo tempo, hanno permesso ai baschi di sorpassare il Siviglia, fermato a sua volta sullo 0-0 nel derby con il Betis. Una gara molto tirata, priva però di grandissime giocate, in cui ha prevalso l'agonismo, come dimostrano i dodici cartellini gialli estratti dall'arbitro Carlos Clos Gomez nel tentativo di frenare l'irruenza dei contendenti. Un pareggio prezioso soprattutto per il Betis, che rimane fuori dalla zona calda della classifica coi 20 punti collezionati sino a questo momento. Molto deludente anche il Valencia, fermato sul pari interno dal Getafe, un 2-2 siglato da Paco Alcacer e Santi Mina per i locali e da Sarabia e Lafita per gli ospiti. La squadra ora affidata a Gary Neville, dopo le dimissioni di Nuno Espirito Santo, ha spinto molto, ma ha dovuto fare i conti con un Getafe ostico e pronto a far scattare appena possibile il contropiede. Alla fine il pareggio ha premiato la coraggiosa condotta di gara degli ospiti, che per effetto del punto ottenuto possono allontanarsi almeno in parte dalla zona più calda. Infine l'1-0 con cui l'Espanyol ha regolato il Las Palmas, grazie alla rete messa segno da Caceido a metà del secondo tempo sfruttando un cross di Javi López. Una vittoria molto preziosa per i padroni di casa, che salgono a 20 punti, lasciando i rivali al penultimo posto, ad otto lunghezze.

Il protagonista in positivo della giornata è stato Gareth Bale, autore di una quaterna che lo ha riportato in auge dopo un periodo non proprio felice, nel corso del quale è stato anche contestato dai tifosi del Real Madrid. Il protagonista in negativo può essere invece considerato Gabi, il capitano dell'Atletico Madrid espulso nella gara poi persa dai colchoneros a Malaga.