BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Video/ Roma-Genoa (2-0): highlights e gol della partita. Parla Gasperini (Serie A 2015-2016, 17^ giornata)

Video Roma-Genoa, risultato finale 2-0: gli highlights e i gol della partita dello stadio Olimpico, 17^ giornata del campionato di Serie A 2015-2016. Segnano Florenzi e il giovane Sadiq Umar

Foto InfophotoFoto Infophoto

Il Genoa cade all’Olimpico di Roma perdendo per due reti a zero contro i padroni di casa giallorossi. Un pizzico di amarezza nelle parole del tecnico dei rossoblu, Gasperini, presentatosi così nella conferenza stampa post-match: «Potevamo sfruttarla meglio ma non ci siamo riusciti; abbiamo fatto bene al primo tempo, abbiamo avuto delle limpide opportunità per andare in gol, e la squadra ha avuto un buon atteggiamento. In svantaggio, il secondo tempo è stato più difficile, ma quando la Roma è rimasta in 10 avevo la speranza che avremmo potuto sfruttare meglio la superiorità numerica, ma nel finale ci sono mancate le energie per poter riequilibrare la partita».

Torna alla vittoria la Roma, che ritrova anche il sogno Scudetto a portata di mano ad appena quattro punti di distanza ,considerando il ko interno dell'Inter contro i cugini della Lazio. Ha parlato a fine gara il tecnico francese Rudi Garcia: "E' una vittoria importante perchè volevamo tornare a fare tre punti. Mi è piaciuto che il nostro pubblico verso il minuto 35 ha iniziato a cantare e spingere la squadra e i giocatori. Come ha detto Florenzi forse non è per caso che abbiamo segnato. Non mi aspettavo il gesto della squadra, sono stato giocatore prima di essere allenatore, i calciatori pensano prima a loro che ai tecnici ed è una cosa normale non una critica. Hanno dimostrato tutti di avere dei pensieri più collettivi. E' una bella cosa che mi da ancora più forza. Il calcio è la mia passione e sono contentissimo di poterlo fare qui. Non lavoro per me, ma per i miei tifosi, i miei giocatori, lo staff e la dirigenza. Negli ultimi giorni lo staff mi ha dato tanti momenti di supporto e affetto. Ogni club dove ho lavorato ho sempre fatto come se fosse il mio ultimo club. Do tutto e lavoro con il mio cuore". 

Con il 2-0 dell'Olimpico che chiude il 2015 giallorosso, la Roma arriva a 10 vittorie consecutive nelle sfide casalinghe contro il Genoa; una partita particolare per Florenzi, che segna ancora una volta (la terza di fila) contro gli uomini di Gasperini. Particolari i parziali di fine match, da analizzare. Partiamo dal possesso palla, in realtà abbastanza equilibrato, del 54 a 46% in favore di De Rossi & co. I tiri in porta invece ribaltano la lettura: addirittura 11 per il Genoa (di cui solo 5 nello specchio), solo 5 per la Roma (di cui però 4 in porta e 2 in gol). Una produzione offensiva scarna, ma che ha portato al massimo risultato, contro una serie di errori di imprecisione e un primo tempo gettato al vento, che hanno portato Gasperini ad un passo dalla crisi di nervi... Pochissimi i falli, appena 18 in totale, con un tasso di cartellini per questo molto alto: 4 gialli e un rosso, tutti meritati; anzi, manca probabilmente una sanzione più severa per Nainggolan e Pjanic. Da matita rossa infine il dato sulle palle perse: 88! Cosa ancora più incredibile, 44 pari, equamente divise tra giallorossi e rossoblu. Da bocciatura senza appello. Tra i singoli, indicativo il fatto che sia Gakpè il migliore per tiri in porta e occasioni create (2); lui, il meno pericoloso dei possibili attaccanti genoani, dovrebbe ricoprire un ruolo più esterno, al servizio di un bomber. Se poi Pavoletti decide di farsi cacciare e squalificare per diversi turni, in effetti è difficile anche prendersela con Gasp. Dall'altra parte, a proposito di palle perse, è Gervinho il "top", a quota 9. Decidere chi sia stato peggio tra lui e Dzeko, all'Olimpico, è impresa ardua.

Queste le principali dichiarazioni che arrivano dagli spogliatoi dell'Olimpico. Rudi Garcia scaccia le ombre e respira con meno affanno: "Finalmente vediamo la luce in fondo al tunnel, abbiamo vinto anche giocando in dieci e la reazione a questa difficoltà è la cosa migliore del pomeriggio – ha detto a 'Premium' – La squadra c’è, ha dimostrato unità e compattezza. Dopo la sosta recupereremo giocatori importanti come Totti e Strootman, ci saranno meno partite e saremo più freschi. L’abbraccio della squadra nei miei confronti? Volevamo vincere e si è visto in campo. Il rosso a Dzeko? Chi ha giocato al calcio capisce lo stato d’animo del centravanti, ho detto questo anche all’arbitro, bisogna anche conoscere la situazione psicologica dei giocatori...".

Gian Piero Gasperini invece, a 'Rai Sport', analizza così il quarto KO: "L'aspetto negativo è non aver sfruttato la superiorità numerica. Speravamo di raddrizzare la partita ma non ci siamo riusciti. Siamo in evidente difficoltà di organico e giocatori. Paghiamo anche qualche sciagurato risultato casalingo. Ora c'è la pausa e dobbiamo arrivare alle prossime partite con lo spirito giusto". (Luca Brivio)