BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Lazio-Juventus (0-2): Fantacalcio, i voti della partita (Serie A 2015-2016, 15^giornata)

(INFOPHOTO)(INFOPHOTO)

Lazio

Non ha colpe sul primo gol, poi ha un'altra amnesia delle sue quando non trattiene il tiro non irresistibile di Morata. 

Si propone spesso sulle fasce ma viene quasi sempre chiuso in fallo laterale dagli avversari. 

Provoca l'autogol con il quale la Juve passa in vantaggio, interviene male e tardi sul pallone rimediando un giallo ed è sempre in affanno quando rincorre Dybala, più veloce di lui nonostante il pallone ai piedi.

Se nell'autogol di Gentiletti si può parlare di sfortuna, non si può dire lo stesso di Mauricio che perde malamente il pallone che Dybala trasformerà nel 2 a 0 bianconero. E tanto per cambiare si fa ammonire (diffidato, salterà la gara per la Sampdoria, ma difficilmente la sua assenza sarà rimpianta). 

Prova a lottare sui palloni, ma solo in qualche caso riesce ad avere la meglio nei contrasti con gli avversari.

Altra partita dal rendimento decisamente inferiore alle aspettative, una conclusione che termina però lontana dalla porta.

Prova a impostare il gioco e a guidare la manovra, ma con scarsi risultati. I suoi occhi lucidi a fine gara rendono alla perfezione il bruttissimo momento che sta attraversando la Lazio.

Quarantacinque minuti in cui non è né carne né pesce, poi nell'intervallo alza bandiera bianca a causa delle tante botte prese nel primo tempo.

Pioli lo fa entrare nella ripresa nel tentativo di cambiare l'inerzia del match, ma anche il brasiliano risente del periodo negativo e a parte qualche accelerazione non combina granché

Anche oggi il ragazzo ha dimostrato di avere la stoffa per diventare qualcuno, un giorno. Ma con la Lazio di questo periodo è davvero difficile creare qualcosa di buono.

Nel finale Pioli non lascia nulla di intentato e lo schiera sebbene in campo ci siano già tre centravanti, ma non trova il modo 

Ogni tanto avanza sulle fasce cercando di far salire la squadra, che però gli dà poco retta.

Assieme a Felipe Anderson entra all'inizio della ripresa per cercare di darea una svolta alla gara, senza riuscirci. Un tiro in porta per lui, debole e centrale.

È ancora troppo lento quando corre palla al piede, evidentemente non è ancora al meglio. Nel finale potrebbe sbloccarsi, ma sulla sua strada trova l'opposizione di Chiellini.

Ormai sembra aver perso il controllo della squadra, i giocatori non lo seguono più come invece accadeva fino a qualche mese fa.