BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

PROBABILI FORMAZIONI / Inter-Genoa: quote e ultime notizie. Ljajic dalla panchina? (Serie A 2015-2016, 15^ giornata)

Probabili formazioni Inter-Genoa: le quote e le ultime novità sulla partita che si gioca questa sera a San Siro, valida per la quindicesima giornata del campionato di Serie A 2015-2016

Foto InfophotoFoto Infophoto

Roberto Mancini, allenatore dell’Inter, deve sciogliere gli ultimi dubbi circa la formazione da mandare in campo questa sera, nell’anticipo di San Siro contro il Genoa. Secondo le indiscrezioni circolanti, il tecnico jesino potrebbe accantonare il suo classico 4-3-3 per lasciare spazio ad un maggiormente compatto 4-4-2. In questo modo stazioneranno in attacco Stevan Jovetic e Mauro Icardi, con Adem Ljajic, che nonostante il buon periodo di forma, si accomoderebbe di conseguenza in panchina. A centrocampo, invece, potremmo vedere Brozovic e Perisic larghi sugli esterni, con in mezzo la coppia Gary Medel-Felipe Melo a “fare legna” e a proteggere la difesa

Leggendo le probabili formazioni di Inter-Genoa è chiaro che i due allenatori sono ancora alle prese con i dubbi che li hanno tormentati nei giorni precedenti alla sfida. Per quanto riguarda la formazione nerazzurra, mister Roberto Mancini deve ancora sciogliere alcune riserve: in difesa sfida tra Telles e Juan Jesus, con il brasiliano che parte come favorito. A centrocampo Medel sembra in netto vantaggio su Guarin e dovrebbe partire dal primo minuto nello schieramento dei titolari. In casa rossoblu, il tecnico Gianpiero Gasperini sembra orientato a schierare Izzo al posto di De Maio in difesa; lottano per una maglia da titolare sulla corsia laterale Cissokho e Figueiras, con il francese in vantaggio. In attacco sfida tra Pandev e Gakpè, per il macedone si preannuncia un'altra sfida dalla panchina.

Il sabato della quindicesima giornata del campionato di Serie A si chiuderà alle ore 20.45 con la sfida fra l’Inter e il Genoa, gara in programma in quel dello stadio Meazza. Andiamo a vedere insieme l’elenco dei diffidati prima di vedere nel dettaglio le probabili formazioni della partita di San Siro. Si tratta ovviamente di quei giocatori che in caso di nuova ammonizione verranno squalificati. Partiamo dall’Inter, dove Roberto Mancini dovrà fare attenzione al trio composto da Felipe Melo, Kondogbia e Medel: tre centrocampisti che dovranno di conseguenza contenersi, per evitare una squalifica che sarebbe senza dubbio dannosa. Situazione positiva invece fra le fila del Grifone, con Gian Piero Gasperini che non registra diffidati.

Inter-Genoa costituisce l'anticipo delle ore 20:45 della 15^ giornata di Serie A. Secondo le statistiche pubblicate dalla Lega Calcio, i 3 giocatori migliori per reparto della compagine nerazzurra tra difesa, centrocampo e attacco sono rispettivamente Murillo, Perisic e Icardi. Il difensore colombiano nel suo primo anno in nerazzurro ha già realizzato un gol e un assist, presentandosi fin da subito come un elemento solido da affiancare all'esperto Miranda. Perisic ha invece totalizzato 2 gol a fronte di 15 tiri, rendendosi protagonista di 62 attacchi e di 12 occasioni da gol. Mauro Icardi è l'attaccante più in vista della rosa a disposizione di Mancini: l'argentino nelle prime 14 partite ha messo a segno 4 tiri e 2 assist, impreziositi da 18 attacchi e 13 occasioni da gol. Dall'altra parte i 3 migliori per reparto del Grifone sono il difensore Diogo Figueiras, andato a segno nell'ultima gara interna contro il Carpi, il centrocampista Diego Laxalt, bravo a mettere a rendersi protagonista di 2 gol e 2 assist, ma soprattutto a portare 40 attacchi verso la porta avversaria, e infine Leonardo Pavoletti, autore di 5 gol a fronte di 14 tiri, ma assente a San Siro a causa dei 3 turni di squalifica comminati dal Giudice Sportivo dopo la gomitata rifilata al difensore del Carpi Gagliolo.

L’Inter cercherà di tornare a vincere dopo la sconfitta contro il Napoli di domenica scorsa e lo farà approfittando del pubblico di casa che giungerà in massa al Meazza per la gara contro il Genoa. Prima di addentrarci nel vivo delle probabili formazioni dei due schieramenti, diamo uno sguardo ai calciatori indisponibili. Partiamo con i nerazzurri, dove Roberto Mancini dovrà rinunciare ai due infortunati soliti Santon e Kondogbia, con l’aggiunta di Nagatomo, squalificato dopo lunedì sera. In casa Grifone, pesante assenza Pavoletti, squalificato per tre turni. In infermeria, invece, Marchese, Munoz e Dzemaili, quattro assenze senza dubbio non da poco per Gasperini.

L’Inter tornerà in campo questa sera dopo la sconfitta di lunedì scorso contro il Napoli. Anche oggi l’allenatore nerazzurro, Roberto Mancini, dovrà decidere se schierare o meno dal primo minuto Mauro Icardi, e la sensazione circolante è che alla fine l’argentino sarà in campo fra i titolari. Ieri lo jesino ha mandato degli sms all’ex Sampdoria, sottolineando come lo stesso dovrebbe giocare più per la squadra, soprattutto in fase di copertura, cosa non fatta al San Paolo. Ma a meno di cataclismi ,Icardi stazionerà al centro dell’attacco, spalleggiato dai soliti esterni dell’est Europa, leggasi Stevan Jovetic e Adem Ljajic.

Si gioca alle ore 20:45 di questa sera ed è il terzo anticipo della quindicesima giornata di questo campionato di Serie A 2015-2016. Entrambe le squadre arrivano da una sconfitta e vanno a caccia di riscatto; per i nerazzurri si tratta anche di riprendersi la vetta del campionato, persa nella sfida del San Paolo contro il Napoli. Arbitra la partita il signor Piero Giacomelli della sezione di Trieste; andiamo dunque a dare uno sguardo più approfondito alle probabili formazioni di Inter-Genoa.

Le quote Snai per Inter-Genoa, valida per la quindicesima giornata del campionato di Serie A 2015-2016, ci forniscono le seguenti informazioni: vittoria Inter (segno 1) a 1,57; pareggio (segno X) a 4,00; vittoria Genoa (segno 2) a 5,75.

Squalificato Nagatomo dopo l’espulsione di lunedì sera, Mancini punta ancora su Alex Telles che ultimamente aveva trovato poco spazio. Il colombiano completa una difesa ormai classica nella quale D’Ambrosio fa il terzino destro e i due sudamericani Miranda e Murillo formano una coppia affiatata e solida (l’Inter ha la miglior difesa del campionato, insieme al Napoli). A centrocampo dovrebbe essere tutto confermato: ancora panchina per Felipe Melo che era già rimasto fuori a Napoli perchè diffidato, potrebbe giocare allora Medel come perno centrale schierando invece Guarin e Brozovic sulle mezzali. Da valutare la condizione di Kondogbia che quantomeno potrebbe sedersi in panchina; davanti invece è possibile l’esclusione di Icardi, che non ha dato buone risposte lunedì, la squadra ha giocato meglio senza di lui e dunque almeno per questa partita Mancini potrebbe decidere di affidarsi a Jovetic come finto attaccante, con Ljajic che va verso la conferma e Perisic che giocherà dall’altra parte a completamento del tridente. C’è anche la possibilità di 4-2-3-1, mandando Biabiany sull’esterno destro e Ljajic a giocare da trequartista alle spalle di Icardi.

Gasperini ha perso Pavoletti per tre giornate (squalifica): duro colpo per il Genoa che ora si dovrà affidare a uno tra Pandev e Gakpé, ballottaggio non facile da sciogliere anche se potrebbero vincere le motivazioni di un ex che peraltro ha l’esperienza giusta per queste partite. Torna invece Diego Perotti, e va a giocare sulla corsia destra del tridente con Lazovic che ormai è il titolare designato a sinistra, avendo soffiato il posto a un Diego Capel ancora non del tutto in condizione. A centrocampo si torna a giocare a quattro: Rincon e Tino Costa sono i centrali, in ascesa le quotazioni di Diogo Figueiras che ancora una volta è favorito su Issa Cissokho mentre dall’altra parte è confermatissimo Diego Laxalt, che gioca contro la squadra proprietaria del suo cartellino. Per quanto riguarda la linea difensiva davanti a Perin, Gasperini si affida ai soliti: dovrebbe andare ancora in panchina De Maio, in questo momento Ansaldi dà maggiori garanzie e il giovane Izzo è comunque favorito per essere il titolare sul centrodestra, in mezzo invece è il solito Burdisso a comandare.