BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Livorno-Avellino (0-1): i voti della partita (Serie B 2014-2015 27^giornata)

(dalla pagina Facebook ufficiale As Livorno Calcio) (dalla pagina Facebook ufficiale As Livorno Calcio)

AVELLINO
Gomis 8: pronti via sta per farsi sorprendere da un tiro violento su punizione da lontano di Emerson, ma alla fine è bravo. Tutti tiri centrali sui quali dimostra però grande concentrazione. Nel finale compie un vero miracolo col piede su Biagianti;
Pisacane 6: buona gara in fase di proposizione, dietro soffre un pò ma riesce a giocare una buona partita;
Ely 5.5: In grande difficoltà nel primo tempo quando spesso viene aggredito dall'azione e costretto al fallo in uscita. Viene ammonito a inizio della ripresa e poi è costretto a uscire per un problema fisico; (53', Fabbro 6): entra e fa il suo;
Chiosa 6.5: uno dei migliori della serie cadetta nel suo ruolo, gioca con attenzione e tiene sempre stretto il reparto;
Regoli 6: sulla corsia si muove bene, cercando sempre spazio e muovendosi in diagonale. Davanti punge poco;
Arini 5.5: rischia grosso nella ripresa quando avrebbe meritato il rosso. Già ammonito fa fallo di mano, ma l'arbitro sorvola. Prestazione da rivedere;
Kone 6.5: in cabina di regia è intelligente, fa girare palla e fa crescere sempre la prestazione della squadra muovendosi in velocità. Ottimo interprete;
Sbaffo 6: partita di buona qualità, si muove bene e tocca molti palloni collegando centrocampo e attacco. Non gli riesce però l'imbeccata decisiva e un giallo preso nel primo tempo gli pesa fino a che Rastelli non decide di cambiarlo; (62' Zito 6): entra e si applica soprattutto in copertura;
Bittante 6: sulla corsia affonda sempre il colpo e dietro ha grande attenzione;
Castaldo 5.5: si fa vedere poco e tocca pochi palloni, non una grande prestazione;
Trotta 6.5: si vede poco durante la partita, chiuso dall'ottima difesa amaranto. Però a pochi minuti dalla fine da la zampata decisiva e regala una grande gioia agli irpini; (88' Comi sv)

All.Rastelli 7: la squadra gestisce, tiene il ritmo e sa anche soffrire. Alla fine vince e ha ragione lui.

© Riproduzione Riservata.