BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Tennis juniores/ Tereza Mihalikova: dalla piscina alla racchetta, ecco come ho vinto gli Australian Open (esclusiva)

Pubblicazione:

Tereza Mihalikova, 16 anni (dall'account facebook.com/Tereza-Mihalikova)  Tereza Mihalikova, 16 anni (dall'account facebook.com/Tereza-Mihalikova)

Sei appena stata in Egitto per giocare due tornei ITF: com’è andata? Sono andata in Egitto con un obiettivo: superare le qualificazioni e vincere il primo turno in entrambi i tornei, così da entrare nel ranking la settimana seguente. Ce l’ho fatta, ma ho perso due volte dalla stessa ragazza (Julia Terziyska, ndr) prima in semifinale e poi al secondo turno, e sempre in tre set. Questo mi spingerà a lavorare ancor più duramente per battere questa avversaria la prossima volta. E’ tennis pro… ci sono i premi in denaro! (ride, ndr)

Quali sono i tuoi punti di forza e quali invece le tue debolezze sul campo? Beh, posso dire di avere un buon servizio. In più, cerco sempre di andare su ogni palla, quindi sì, forse mi muovo bene. Il punto debole? Il dropshot. I miei dropshot sono terribili, ma continuo a giocarli con la speranza che il prossimo sarà migliore!

Hai già una superficie preferita? No, ancora no. Penso che la terra mi piaccia tanto quanto la superficie dura. 

Quest’anno giocherai gli altri tre Slam: se dovessi dire qual è il tuo preferito? Non sono mai stata a Wimbledon, quindi sono ansiosa di scoprire come sarà giocare sull’erba. Ma al momento ogni Slam è speciale, e il mio preferito, l’Australian Open, è appena passato; perciò proverò a fare il meglio possibile in ognuno dei Major. 

Ultima domanda: la Slovacchia giocherà in aprile i playoff di Fed Cup per il Secondo Gruppo Mondiale, contro la Svezia. Non pensi a una possibile convocazione? Beh, a essere sincera non credo che mi chiameranno per la Fed Cup, nè ora nè il prossimo anno. La Slovacchia in questo momento ha tante giocatrici giovani che sono molto forti: Anna Karolina Schmiedlova, Jana Cepelova… ma io spero di avere la possibilità, un giorno, di giocare per la Slovacchia; anzi, non vedo già l’ora. 

(Claudio Franceschini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.