BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Video/ Juventus-Borussia Dortmund (2-1), i gol di Tevez, Reus e Morata (oggi 24 febbraio 2015)

Video Juventus Borussia Dortmund: i gol e gli highlights della partita valida per l'andata degli ottavi di finale di Champions League 2014-2015. Martedi 24 febbraio 2015, ore 20:45

Foto Infophoto Foto Infophoto

La Juventus soffre, ma torna in vantaggio al 43’ minuto con un gol fondamentale che adesso può nuovamente cambiare l’inerzia della partita. Ancora una volta il grande merito è di Tevez, che prende palla sulla trequarti e lascia sul posto Gundogan; poi allarga sulla sinistra dove Pogba di prima intenzione mette dentro basso avendo visto che la difesa del Borussia Dortmund è piazzata male, fin troppo facile il tocco con il piatto di Alvaro Morata che batte Weidenfeller e segna il primo gol europeo con la maglia della Juventus, il nono in questa stagione.

Arriva immediato il pareggio del Borussia Dortmund: arriva al 18’ minuto grazie a Marco Reus. Sfortunata però la Juventus nella circostanza: un pallone innocuo che Chiellini stava controllando vicino all’area di rigore si trasforma in una trappola perchè il numero 3 bianconero scivola lasciando tutto lo spazio a disposizione di Reus, che avanza verso Buffon e non ha problemi a batterlo con il destro. Per la Juventus dunque è tutto da rifare.

La Juventus si porta in vantaggio al 13’ minuto. Da verificare la paternità del gol: forse di Carlos Tevez, forse un’autorete di Schmelzer. Fatto sta che c’è una bellissima combinazione a centrocampo, Tevez per Morata che controlla di testa e taglia fuori il marcatore scappando verso la porta, poi rallenta e cerca il sinistro a incrociare. Weidenfeller para male: il pallone resta lì, Tevez rapace vi si avventa e Schmelzer in scivolata è forse l’ultimo a toccare nel tentativo di anticipare l’Apache.

Va in scena questa sera alle ore 20:45 ed è valida per l’andata degli ottavi di finale di Champions League 2014-2015. Una sfida che si gioca per l’ottava volta in termini ufficiali; l’ultima è stata particolarmente dolorosa per la Juventus. Olympiastadion di Monaco di Baviera, 28 maggio 1997: finale di Champions League, la seconda consecutiva per i bianconeri che avevano trionfato l’anno precedente. Successo annunciato, pensavano in molti: una squadra con Boksic e Del Piero, Vieri e Zidane, Deschamps e Antonio Conte, non avrebbe potuto perdere. E invece aveva perso: il Borussia Dortmund aveva giocato il ruolo della tigre nel primo tempo e per due volte Karl-Heinz Riedle, vecchia conoscenza del calcio italiano, aveva battuto Peruzzi sfruttando le disattenzioni della difesa della Juventus. Nel secondo tempo Marcello Lippi rompeva gli indugi e mandava in campo Alessandro Del Piero: cross di Boksic, tacco del numero 10 e partita riaperta. Ma durava poco: Ottmar Hitzfeld faceva entrare Lars Ricken, all’epoca 20 anni, prodotto del settore giovanile. Uno scatto, il pallone ricevuto, un pallonetto da 30 metri a beffare Peruzzi: 3-1 Borussia Dortmund, una squadra che  aveva in campo, come titolari, quattro ex giocatori della Juventus. Da allora sono passati quasi 18 anni, e le due squadre non si sono più affrontate: arriverà la rivincita bianconera? Lo scopriremo insieme tra poco, a partire dalle ore 20:45.