BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Bayer Leverkusen-Atletico Madrid (1-0): i voti della partita (Champions League 2014-2015, andata ottavi)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Hakan Calhanoglu, 21 anni, ha appena scoccato il tiro decisivo (dall'account Twitter ufficiale @ChampionsLeague)  Hakan Calhanoglu, 21 anni, ha appena scoccato il tiro decisivo (dall'account Twitter ufficiale @ChampionsLeague)

Atletico Madrid

MOYA 6: Come spesso gli accade – e come non accadeva a Courtois – non è impeccabile, anche stilisitcamente. Il gol però, pur passando centrale, non è responsabilità sua

JUANFRAN 5: Il calcio totale dei trequartisti del Leverkusen è veramente da mal di testa. Lui, come la maggior parte dei suoi compagni, ne soffrirà almeno fino a domani

MIRANDA 6: I centrali di retroguardia per i 'Colchoneros' sono tra i pochi a salvarsi, con esperienza e quel briciolo di cattiveria che "spaventa" Drmic

GODIN 6: Non si può bocciarlo, nonostante sul gol sia preso in mezzo tra Bellarabi e Hakan. Resta un gradino sopra ai compagni per leadership e affidabilità

SIQUEIRA 4,5: Arriva una volta sul fondo, quasi per disperazione e per allontanarsi dall'ala avversaria. Bellarabi lo fa uscire dalla partita, come mismatch e portandolo all'infortunio (presumibilmente muscolare)

SAUL 5,5: Fin quando non si infortuna al fianco, appesantendo la sua corsa, non male. Non ritrova il tocco magico dell'ingresso-show nel derby di inizio mese ma promette bene

GABI 4: Il capitano esce con le ossa rotte dal confronto con i mediani di Schmidt. Non sembra lui, una serata così può capitare ma lascia il segno

TIAGO 5: Il più vicino per l'Atletico al gol, evitato solo dal miracolo di Leno. Perde poi lucidità in maniera imperdonabile per uno della sua esperienza e merita il rosso

ARDA TURAN 4,5: Fa la figura del maestro portato a scuola dall'allievo. Hakan Çalhanoğlu gli ruba scena e ruolo. Anche per lui, serata da dimenticare

GRIEZMANN 5: Per due volte ha l'opportunità di metterci la testa e insaccare, evidentemente non ha l'ispirazione ed il tempismo che invece di solito sono la sua arma principale

MANDZUKIC 5,5: Non difetta mai quanto a lotta e voglia di emergere tra i centrali avversari. Stavolta però Spahic lo sovrasta.

 

(GAMEZ 5: L'hanno visto con la mano tra fronte ed occhi, intento a guardare da lontano la scia lasciata da Bellarabi...)

(RAUL GARCIA 5: Prova la consueta puntata da metà campo e per poco non sorprende Leno. Per il resto troppa aggressività e poca pericolosità)

(TORRES 6: Rischia di far male agli avversari nella pur breve porzione di match a disposizione. Con un briciolo di convinzione in più avrebbe insaccato l'immeritato – per i suoi – 1-1)

All.SIMEONE 5: Il Leverkusen mette in campo un match esattamente pari e contrario come intensità ed armi, tattiche e fisiche, a quello programmato dal Cholo. Il fatto che cerchi di intimorire con le vie di fatto, spalleggiato da Burgos, il collega, non gli fa grande onore. E risulta un tentativo fallace.

 

(Luca Brivio)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.