BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Torino-Empoli (1-0): i voti della partita (Torneo di Viareggio 2015, girone 8)

Le pagelle di Torino-Empoli 1-0, partita valida per la seconda giornata del girone 8 del Torneo di Viareggio 2015: i voti del match disputato giovedì 5 febbraio allo stadio Bresciani

(dall'account Twitter ufficiale @CGCViareggioCup) (dall'account Twitter ufficiale @CGCViareggioCup)

Con una prestazione decisa e molto pratica il Torino Primavera di Moreno Longo strappa all'Empoli 3 punti decisivi per gli equilibri del girone, che con il pari in extremis della Rappresentativa Serie D contro il Santos Laguna è ormai segnato. A decidere il match allo Stadio dei Pini di Viareggio è stato Lescano, attaccante classe 1996 del Torino, con un gol a chiudere un contropiede rapido e perfetto in avvio di ripresa. Toscani eliminati.

Era la caratteristica principale anche del suo Toro finalista alle Final 8 di Rimini nella scorsa stagione: Longo ha "ricreato" una squadra granitica che sfrutta bene le proprie qualità e può dire la sua in questo Viareggio.

Sotto le attese il primo tempo e deludente il secondo, pur con le giuste attenuanti di aver perso praticamente tutti i centrali a disposizione in difesa. Le individualità ci sono e Piu & co potevano fare molto meglio di così.

Partita di ordinaria amministrazione, ammonisce a pioggia nel finale quando il livello agonistico rischia di alzarsi a dismisura. Nessun episodio dubbio

Finisce senza reti all'attivo il primo tempo (voto 5,5) di Torino-Empoli, frenetico e in generale poco divertente. Era lecito chiedere di più sotto il profilo del gioco a due squadre tra le migliori – come organizzazione e singoli – dell'intero panorama giovanile italiano. L'Empoli di Cecchi (voto 5,5) punta molto su Piu (voto 6), attaccante esterno classe 1996 di grande avvenire, bravo palla al piede e in inserimento negli spazi ma che trova Troiani (voto 6,5) sulla sua strada. Uno che l'anno scorso, con il Chievo, ha vinto lo Scudetto Primavera. Bene (benino) Tchanturia (voto 6), che tra alcuni errori in appoggio e movimenti appesantiti trova anche un lampo che rappresenta per ora l'occasione più nitida della partita. Grintosi e determinati nell'ostacolare il gioco avversario i due mediani granata Proia e Graziano (voto 6), schierati da Longo (voto 6) come "mastini" tra i trequartisti empolesi. Nota di merito tra i toscani, in difesa, per Diousse (voto 6,5), centrocampisti prestato alla difesa con ottimi risultati. Gioca con consapevolezza della propria solidità e con 2 risultati su 3 a disposizione. Con punte di buon livello quali quelle schierate da Longo, però, si potrebbe fare di più anche in avanti Mezzo voto più della media sufficienti dei suoi perchè si trova contro il più pericoloso tra gli avversari (Piu) e lo soffre poco Ha qualità fisiche e tecniche – che l'hanno già portato a debuttare in Serie A – per mettersi in mostra. Invece è troppo sottotono Dà la sensazione di poter far male agli avversari ma non ci mette la concretezza necessaria. Urge cambio di ritmo Impressiona per capacità tecniche e sicurezza nel ruolo. Mai in difficoltà anche quando viene pressato dalle punte granata Si vede a intermittenza, deve aiutare con più continuità il compagno Picchi in mezzo al campo e nel creare gioco. (Luca Brivio)