BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Chelsea-PSG (2-2 dts): i voti della partita (Champions League 2014-2015, ritorno ottavi)

Le pagelle di Chelsea-PSG 2-2 dts, gara di ritorno degli ottavi di finale di Champions League: i voti della partita disputata a Stamford Bridge mercoledì 11 marzo 2015

(dall'account Twitter ufficiale @ChampionsLeague)(dall'account Twitter ufficiale @ChampionsLeague)

C'è tutto il bello e il brutto del calcio in Chelsea-Psg, nonostante gli errori arbitrali, il nervosismo e tutti gli aspetti meno "nobili" il risultato è una partita epica che giustamente premia la squadra che ha voluto e meritato il passaggio del turno, quella di Blanc. 1-1 il punteggio al 90°, con gol nel finale di Cahill e David Luiz. 2-2 invece al 122°, con rigore di Hazard e gol decisivo di Thiago Silva. Psg che strappa il pass avendo giocato per quasi 100 minuti in inferiorità numerica per espulsione di Ibrahimovic. 

Il passaggio ai quarti sfuma prima a 4 minuti dal 90°, poi (all'incirca) ad altrettanti dal 120°. Ma stavolta quel che è giusto accade, come tante altre volte non era successo a Mourinho, che perde la sua fortuna nel momento peggiore. Partita troppo speculativa, i rimpianti per la superiorità numerica sprecata sono enormi.

Che grinta e che cuore. Più forte del Chelsea e per questo qualificata, la squadra di Blanc regala ai suoi tifosi una delle pagine più belle della propria storia.

Non andiamo sotto l'insufficienza (abbastanza) grave perchè la partita è ugualmente bellissima fino all'ultimo respiro. Cacciare Ibra per quel fallo, per restare solo alla decisione meno condivisibile, è fuori dal mondo.

Finisce senza gol ma con emozioni e colpi di scena il primo tempo (voto 6,5) di Chelsea-Psg. Una sufficienza ampia che è motivata dal copione stracciato (seppur per via di quello che riteniamo un errore dell'arbitro Kuipers) e dalle relative implicazione tecnico-tattiche-agonistiche seguenti. Pochissime le occasioni da gol, sia in 11 contro 11, sia dopo l'uscita di Ibrahimovic (voto 5 e non per il fallo) per l'entrata a centrocampo su Oscar (voto 5,5). Qualcosina di più hanno fatto vedere Matuidi e Cavani (voto 6 per entrambi), pur senza arrivare mai al tiro in porta. Grande personalità, condita da qualche errore che poteva rivelarsi pesante, per Verratti (voto 5,5). Se Blanc (voto 6) dovrà ora riorganizzarsi completamente nella ripresa, Mourinho (voto 6) si è limitato ad aspettare gli avversari, alzando con il passare dei minuti il pressing, nella speranza di far partire già dagli ultimi 30 metri il possesso palla, completamente monopolizzato da Hazard (voto 6,5) in contropiede. Nervoso e testardo nelle incursioni Diego Costa (voto 6), sul quale manca forse un calcio di rigore. Regia di qualità per Fabregas (voto 6), con pochi spunti "magici" però a trequarti. Classica partita "alla Mourinho", cucita sugli avversari e tesa a massimizzarne gli errori. Cosa per ora non avvenuta nonostante i palloni persi in zona pericolosa da Verrati, di tanto in tanto. Ma ora cambia tutto, in superiorità numerica... o no? Marcia sconosciuta alla maggior parte degli altri giocatori, a livello mondiale, per il belga. Quando la innesta è come Beep-Beep con Wile Coyote, imbarazzante per velocità e tecnica associata " Un'uscita in 45 minuti, non ce ne vorrà, ci impedisce di sbilanciarci su un voto differente. Mai chiamato in causa VOTO PSG 5,5 – Poteva fare qualcosa in più, con Ibra in campo. L'espulsione, seppur non condivisibile, costringe Blanc ad architettare un secondo tempo diverso e da "caccia all'impresa" Lui e l'altro Thiago, Silva, sono due colonne difensive. L'ex interista però, forse con più lucidità di Verratti, si fa notare anche in impostazione, con la consueta lentezza Bocciato non per il fallo, che non era da rosso, ma per il nulla totale della mezzora precedente. Ancora una volta il feeling con la Champions vera non arriva. (Luca Brivio)