BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Zenit San Pietroburgo-Torino (2-0): i voti della partita (Europa League 2014-2015 ottavi andata)

Il Petrovski Stadion di San Pietroburgo, casa dello Zenit (INFOPHOTO)Il Petrovski Stadion di San Pietroburgo, casa dello Zenit (INFOPHOTO)

Giusto un paio di uscite alte, sui cross che spiovono quasi innocui dalla trequarti. Troppo facile

Il suo tiro apre le danze, permettendo a Witsel di ribadire in gol la respinta corta di Padelli. Non soffre mai Molinaro, anzi, lo attacca spesso

Quasi da senza voto. Le uniche volte in cui Quagliarella o Maxi Lopez prendono palla (2 o 3 in tutto), ci pensa Garay a chiudere. Lui trotterella e poco altro

Lavoro agevole, il Toro non riesce a sorprenderlo mai con lanci "a scavalcare" e lui ringrazia sentitamente

Si trova al momento giusto nel posto giusto, quando il palo ricaccia in campo il colpo di punta di Hulk. La partita pessima di Darmian, in generale, è un boccone già ben confenzionato per una serata tranquilla

Non convince, nonostante i suoi dominino in mezzo al campo. L'ammonizione è gratuita e gli farà saltare il return-match

Migliore in campo per autorità tecnico-tattica. Sempre nel vivo del gioco, non rischia mai nulla e calamita quasi tutti i palloni in uscita dalla difesa

Corsa e intensità pazzesca, non si ferma praticamente mai. E' ovunque, in tutte le posizioni ricopribili da centrocampo in su. Trovasse anche un briciolo di pericolosità offensiva sarebbe un prospetto di campione

Classico giocatore di esperienza, capitano e leader del gruppo. Ideale per far circolare il pallone con intelligenza ed innescare Hulk

Tantissimo fumo, finte, accelerazioni e quant'altro. Il suo repertorio, insomma. Non altrettanto arrosto, anche perchè ci sarebbe da far indigestione, in caso contrario... Il 2-0 per metà è suo, però

Solo un paio di fiammate, ci aspettavamo di più dal bomber di Villas-Boas. Evidentemente non serviva tutto il suo "veleno" stasera

()

()

La squadra è ben allenata e si trova a meraviglia, forse poteva chiudere con un pò di cattiveria in più sul 3-0 e stroncare completamente l'avversario. Ma è parso talmente in controllo della contesa da non inficiare, con il mancato KO tecnico, il giudizio positivo