BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Palermo-Juventus: Fantacalcio, i voti della partita (Serie A, 27ma giornata)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Massimiliano Allegri (Infophoto)  Massimiliano Allegri (Infophoto)

LE PAGELLE DI PALERMO-JUVENTUS: I VOTI DEI ROSANERO

SORRENTINO 6: Viene impegnato pochissimo e sul gol di Morata non può nulla.

VITIELLO 6,5: Buona prova del difensore del Palermo che contiene bene gli attacchi juventini dalle sue parti e non sbaglia praticamente nulla.

TERZI 7: Sbroglia molte situazioni complesse nell’area rosanero e si fa sempre trovare attento e concentrato.

ANDELKOVIC 5,5: Ha il demerito di concedere troppo spazio all’avanzata di Morata in occasione del gol, ma per il resto gioca una gara sufficiente.

RISPOLI 6: Ingaggia un bel duello ad armi pari con l’ex compagno di squadra De Ceglie in fascia e mette k.o. Sturaro con un pestone nel primo tempo. Prestazione sufficiente in entrambe le fasi di gioco.

RIGONI 6,5: Gioca bene e sbaglia pochissimo. Si rende sempre pericoloso con i suoi inserimenti in area  ed è un cattivo cliente per gli attaccanti bianconeri.

MARESCA 5,5: Questa sera non è ispirato e suo apporto manca a tutta la squadra. Compie comunque qualche buon intervento in difesa.

DAL 63’ JAJALO 6: Entra bene in partita e dà il suo prezioso contributo ai compagni.

BARRETO 5: Sbaglia troppo in fase di impostazione e appare a corto di idee quando ha il pallone fra i piedi.

DAL 76’ BARRETO: S.V.

DAPRELA 6: Contiene abbastanza bene Lichtsteiner dalle sue parti, concentrandosi per la maggior parte del tempo sulla fase difensiva.

DALL’83° EMERSON: S.V.

VAZQUEZ 5,5: Partita discreta. Non riesce a servire palloni buoni per i suoi compagni e non riesce a crearsi occasioni da gol.

DYBALA 6: Illumina la sua squadra con qualche lampo di genio, ma non riesce mai ad impensierire seriamente la solida difesa bianconera.

IACHINI 6: Buona prova del gruppo nonostante la sconfitta. La sua squadra tiene testa alla capolista, giocandosi la partita a viso aperto e senza paura.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >