BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Quarti di Finale Champions 2015 / La Juventus c’è, la Spagna domina, inglesi in crisi

Pubblicazione:venerdì 20 marzo 2015

Carlitos Tevez, attaccante della Juventus (INFOPHOTO) Carlitos Tevez, attaccante della Juventus (INFOPHOTO)

QUARTI DI FINALE CHAMPIONS 2015: LA JUVENTUS C’È, LA SPAGNA DOMINA, INGLESI IN CRISI – Siamo arrivati ai quarti di finale della Champions League 2015. Le squadre sono passate da 16 a 8, riducendo di conseguenza il numero di pretendenti alla vittoria finale. Protagonista assoluta della fase è l’unica squadra italiana ancora in corsa per il successo, la Juventus. Il club bianconero, dopo la vittoria interna per due reti a uno, ha letteralmente strapazzato i tedeschi del Borussia Dortmund con il rotondo risultato di tre reti a zero, ammutolendo il Muro Giallo del Westfalenstadion. Troppo forte la compagine bianconera per i tedeschi, quest’anno decisamente in crisi, non soltanto in Champions League. La Vecchia Signora si qualifica così ai quarti di finale, cosa che non succedeva dalla stagione 2012-2013, quando la stessa Juventus superò il Celtic agli ottavi per poi incontrare il Bayern Monaco (squadra che vinse la Coppa), e venire eliminata seppur con due pareggi: 2 a 2 a Torino e 0 a 0 in Baviera. Disastrosa invece la Champions della scorsa stagione per i bianconeri, che vennero eliminati addirittura al girone, dopo la famosa sconfitta contro il Galatasaray su un campo a dir poco impraticabile. Per il Borussia Dortmund, invece, si tratta del primo anno dalla stagione 2011-2012 in cui non riesce a raggiungere il "G8". Altre grandi protagoniste dei quarti di Champions sono naturalmente le spagnole, nazione maggiormente rappresentata. Come l’anno scorso sono tre le formazioni iberiche a qualificarsi fra le migliori 8 d’Europa e precisamente i campioni in carica del Real Madrid, i vice-campioni d’Europa dell’Atletico e il Barcellona. Le Merengues hanno passato il turno superando lo Schalke 04, seppur con ampie polemiche dopo la sconfitta del Bernabeu per 4 a 3. Doppia vittoria di misura invece per il Barcellona, che ha battuto il City all’Etihad Stadium per due a uno, per poi vincere al Camp Nou per uno a zero. All’Atletico Madrid sono invece serviti i rigori per avere la meglio sui tedeschi del Bayer Leverkusen, sconfitti per 4 a 2 ai penalty. Salta subito all’occhio rispetto ad un anno fa, l’assenza delle squadre inglesi. 12 mesi or sono Chelsea e Manchester United riuscirono a qualificarsi agli ottavi, mentre quest’anno i Blues si sono fermati agli ottavi, sconfitti dal PSG, mentre i Red Devils non sono nemmeno riusciti a qualificarsi dopo una stagione 2013-2014 fallimentare. L'altra britannica in corsa, l'Arsenal, è invece capitolata sotto i colpi del Monaco. A completare il quadro dei quarti le due francesi Monaco e Paris Saint Germain, e i portoghesi del Porto. I parigini di Ibrahimovic & Co. bissano il successo dello scorso anno, mentre i monegaschi sono la vera novità della Champions di quest’anno, visto che non si qualificano ai quarti di finale da più di dieci anni, e precisamente dalla stagione 2003-2004, quando raggiunsero la clamorosa finale, poi persa contro il Porto di Mourinho. Infine i Dragoes, altra sorpresa di questo G8: la squadra lusitana non raggiunge questo piazzamento dal 2008-2009, quando venne eliminata dal Manchester United, tenendo comunque testa ai futuri vice-campioni d’Europa.



© Riproduzione Riservata.