BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Video/ Juventus-Genoa (1-0): il gol di Tevez e il rigore parato da Lamanna (domenica 22 marzo 2015, Serie A 28^giornata)

Video Juventus Genoa, i gol e gli highlights della partita valida per la ventottesima giornata del campionato di Serie A 2014-2015. Si gioca domenica 22 marzo 2015 alle ore 15, allo Stadium

Foto Infophoto Foto Infophoto

Al 62' minuto di gioco la Juventus ha avuto la grande occasione per saldare il risultato: calcio di rigore decretato dall'arbitro Di Bello per fallo di Roncaglia ai danni di Pereyra. Dal dischetto si è presentato Carlos Tevez: destro incrociato a mezz'altezza ma bravissimo il portiere genoano Eugenio Lamanna, che era subentrato a Perin (problema alla spalla destra) poco prima, ad azzeccare l'angolo giusto riuscendo a respingere il tiro; De Maio ha poi pensato a spazzare l'area anticipando lo stesso Tevez.

La Juventus si porta in vantaggio al 26’ minuto grazie al sedicesimo gol in campionato di Carlos Tevez, il numero 24 in stagione. Splendida rete per l’Apache, che prende palla al limite dell’area e sfrutta la presenza di Marchisio davanti a lui come una sorta di blocco per la difesa; De Maio viene superato, la conclusione con il destro, da posizione defilata - a destra - è una sassata che colpisce la parte interna della traversa ed entra in porta, lasciando di stucco Perin.

Si gioca oggi pomeriggio alle ore 15 ed è valida per la ventottesima giornata del campionato di Serie A 2014-2015. Nella gara di andata, ricorderete bene, era successo l’impensabile: la Juventus aveva provato in tutti i modi a vincere la partita, ma i suoi tentativi erano andati a sbattere contro un grande Perin e la traversa. Poi, quando sembrava che la Juventus si dovesse accontentare di un pareggio, come un fulmine a ciel sereno era arrivato il gol vittoria da parte del Genoa: un pallone in apparenza innocuo era stato letto male dalla difesa bianconera, Matri (che all’epoca giocava ancora nel Genoa) aveva controllato mandando la sfera in mezzo all’area di rigore dove Luca Antonini, lasciato solo, aveva battuto Buffon facendo esplodere la gradinata Nord e tutto il Ferraris. Per Gian Piero Gasperini, un grande ex della partita, uno splendido trionfo segnato anche dall’esordio in Serie A del diciottenne Mandragora; per la Juventus una salata battuta d’arresto che aveva fatto infuriare Massimiliano Allegri. Da allora però la capolista non ha più perso; chissà, sarà ancora il Genoa a fermare la striscia oppure questa volta la Juventus saprà prendersi la rivincita continuando la sua corsa verso il quarto scudetto consecutiuvo? Lo scopriremo insieme tra poco, a partire dalle ore 15.