BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Diretta/ Francia-Brasile (risultato finale 1-3) info streaming video Sky Go: trionfo verdeoro! (26 marzo 2015, amichevole)

Diretta Francia Brasile, info streaming video Sky Go: risultato live e cronaca della partita amichevole che si gioca questa sera allo Stade de France di Saint Denis, alle ore 20:30

Foto Infophoto Foto Infophoto

Risultato finale Francia 1 Brasile 3. Finisce con tanta delusione tra i tifosi dello Stade de France, ma la partita è stata molto molto bella. Un'amichevole di lusso con un risultato roboante anche se i Galletti non hanno cosiì demeritato.

Risultato che diventa pesante per i padroni di casa. Ora Francia Brasile è ferma sull'1=3 grazie al gol, ancora con un perentorio colpo di testa, di Luiz Gustavo su un bello schema (bello e riuscitissimo) su calcio d'angolo. La palla battuta dalla sinistra della porta difesa da Mandanda arriva in una zona scoperta in cui si inserisce in maniera perentoria Luiz Gustavo che schiaccia in rete il pallone. Ora doppio cambio nella Francia, dentro Fekir e Kondogbia. L'ingresso di Fekir è salutato con un'ovazione dallo stadio. 

Partita splendida questa Francia-Brasile con il risultato ora ribaltato dal gran gol di Neymar che spara il pallone sotto la traversa dopo un bell'assist di Willian e soprattutto dopo una dormita generale del pacchetto arretrato transalpino. Replica Benzema un minuto dopo ma la sua conclusione termina alta 

Risultato di Francia-Brasile che torna in parità grazie a un gol di rapina di Oscar (alla sua seconda rete contro la Francia in carriera) su assist un po' fortunoso di punta di Firmino. Lampo del Brasile che raddrizza la barca, ma il primo tempo della gara rimane aperto a qualsiasi risultato. Partita molto interessante 

Risultato che cambia in Francia-Brasile grazie al super gol di Varane che fa esplodere di gioia lo Stade de France. Un perfetto stacco di testa a coronamento di un altrettanto perfetto inserimento e con grande irruenza su assist di Valbuena spedisce il pallone alle spalle di Jefferson che stavolta non può nulla. Pochi minuti prima Neymar aveva impegnato severamente Mandanda su assist di Oscar con un bel rasoterra. Bravo il portiere transalpino 

La partita tra Francia e Brasile allo Stade de France (gremitissimo) è ancora ferma sul risultato di 0-0. In avvio sono i sudamericani a fare possesso palla, anche se giocano con un baricentro piuttosto basso e soffrono in particolare sulle fasce le ripartenze dei Galletti. La prima occasione arriva al sesto minuto su calcio piazzato per la Francia che mette in mezzo e Danilo colpisce e mette in angolo. Un minuto dopo maxi occasione per Benzema proprio sugli sviluppi del corner che da metri zero frusta di testa verso la porta, miracolo di Jefferson che si schianta sul palo per salvare tutto 

Diretta Francia-Brasile: le formazioni ufficiali della prestigiosa partita amichevole che sta per cominciare allo Stade de France di Saint-Denis. I transalpini schierano Schneiderlin a centrocampo e Valbuena nel tridente d'attacco, tra i carioca partono titolari Jefferson in porta, Elias a centrocampo e Firmino sulla trequarti. : 16 Mandanda; 15 Sagna, 4 Varane, 5 Sakho, 3 Evra; 18 M.Sissoko, 22 Schneiderlin, 14 Matuidi; 8 Valbuena, 10 Benzema, 11 Griezmann In panchina: 1 Costil, 23 Ruffier, 21 Koscielny, 13 Zouma, 2 Jallet, 17 Tremoulinas, 6 Guilavogui, 19 Kondogbia, 7 Fekir, 12 Payet, 20 Lacazette, 9 Giroud Allenatore: Didier Deschamps : 1 Jefferson; 2 Danilo, 3 Miranda, 14 Thiago Silva, 6 Filipe Luis; 8 Elias, 17 Luiz Gustavo; 11 Oscar, 18 Firmino, 19 Willian; 10 Neymar In panchina: 12 Diego Alves, 23 Grohe, 13 Gabriel F., 4 Gil, 16 Fabinho, 15 Marcelo, 5 Fernandinho, 22 Souza, 21 Coutinho, 20 Robinho, 9 Luiz Adriano Allenatore: Carlos Dunga Arbitro: Nicola Rizzoli (Italia) 

Il terzo episodio ufficiale recente tra queste due nazionali è un’altra volta una vittoria della Francia e una tremenda delusione per il Brasile. Mondiali del 2006, quarti di finale: il primo luglio si gioca al FIFA WM-Stadion di Francoforte. Il Brasile è una squadra pazzesca: ha quello che viene comunemente chiamato “il Quadrilatero”, composto da Ronaldinho fresco campione di Spagna e d’Europa con il Barcellona e all’epoca il più forte giocatore al mondo; Kakà, pronto all’esplosione nel Milan e già fattore determinante in campo; Adriano, sulla via della rinascita dopo un periodo difficile; e Ronaldo, il Fenomeno tornato a grandi livelli dopo tanti infortuni gravi. La Francia, dopo il tremendo flop del 2002, non era troppo considerata; e invece quel pomeriggio vinceva, e sarebbe poi arrivata in finale perdendo ai rigori, come ben sappiamo, contro l’Italia. A decidere contro il Brasile un tocco sotto porta di Thierry Henry, lasciato colpevolmente solo dalla difesa verdeoro su un calcio di punizione. Ancora una volta il Brasile non superava la Francia: una sorta di maledizione. 

Il precedente più prestigioso tra queste due grandi nazionali si è giocato proprio qui, allo Stade de France. Che era stato costruito per i Mondiali del 1998 e ha ospitato la finale; la Francia ha vissuto il 12 luglio di quell’anno la sua giornata più gloriosa, vincendo la Coppa davanti al suo pubblico grazie al 3-0 sul Brasile. Una doppietta di Zinedine Zidane aveva spianato la strada: due gol di testa nel primo tempo, entrambi da calcio d’angolo, che sarebbero poi valsi a Zizou il Pallone d’Oro. Al 93’ la Francia trovava il gol dell’apoteosi con un contropiede letale: assist di Vieira e rete di Emmanuel Petit. I Bleus chiudevano in dieci (espulso Desailly al 68’) ma non lo sentivano; quella sera erano in missione. Tanta delusione per il Brasile, e il dramma di Ronaldo: solo qualche giorno dopo si sarebbe venuto a sapere che il Fenomeno aveva accusato una crisi epilettica a poche ore dalla partita, e che a stento era in condizione di reggersi in piedi (figuriamoci di giocare). Ma aveva giocato, e ovviamente era stato irriconoscibile. 

Uno degli episodi più celebri tra queste due nazionali risale al 21 giugno 1986. Primo quarto di finale dei Mondiali 1986, stadio Jalisco di Guadalajara: una partita splendida, forse una delle più belle in tutta la storia dei Mondiali. Ad aprire le danze era un gol di Careca al 17’ minuto, al termine di un’azione meravigliosa sviluppatasi a metacampo; il pareggio al 40’ di Michel Platini, un tocco sotto porta a sfruttare un errore di portiere e difensore (ma anche qui la preparazione era stata degna di nota). Poi tante, tantissime occasioni: palo di Luis Muller, Bats stendeva Branco in area di rigore ma Zico sbagliava dagli undici metri, alla Francia non veniva assegnato un penalty solare. Si andava alla lotteria dei calci di rigore: sbagliava subito Socrates, ma Platini calciava alto e rimetteva tutto in parità. Prima, l’arbitro rumeno Ioan Igna aveva erroneamente convalidato il rigore di Bruno Bellone, terminato in rete dopo aver sbattuto sul palo e sulla schiena del portiere. Julio Cesar calciava malissimo, Luis Fernandez (in seguito allenatore di successo) mandava in estasi la Francia ed eliminava il Brasile, che fino a quel punto non aveva mai perso e aveva subito un solo gol. Quello di Platini. 

Sfida di lusso allo Stade de France di Parigi, questa sera alle ore 21. Si tratta solo di un’amichevole, ma certamente l’intensità in campo sarà da partita ufficiale: Francia-Brasile racchiude sempre tanto fascino ed è una di quelle partite che anche con posta in palio minima sono “vere”. Anche perchè per il Brasile è diventato quasi un punto d’onore: nei tre precedenti più importanti ai Mondiali, almeno in epoca recente, la Francia ha sempre avuto la meglio. 1-1 e vittoria ai rigori nei quarti del 1986 (andate a rivedere l’azione del gol di Careca), 3-0 nella finale del 1998 (con il caso Ronaldo) e 1-0 nei quarti del 2006, quando il Brasile schierava il fantastico quadrilatero Kakà-Ronaldinho-Ronaldo-Adriano ed era super favorito per la vittoria ma fu eliminato da un gol di Thierry Henry. Il Brasile insomma non festeggia dalla semifinale del 1958, con nu diciottenne Pelé che fece tre gol e permise ai verdeoro di vincere 5-2 per il primo di tre titoli mondiali in quattro anni. 

Nessuna delle due nazionali è attualmente impegnata in partite ufficiali: la Francia organizzerà la fase finali degli Europei 2016 e quindi non prende parte alle qualificazioni, mentre il Brasile sta aspettando la Copa America (in Cile dall’11 giugno al 4 luglio) dove cercherà di vincere il terzo titolo nelle ultime quattro stagioni. Per la nazionale tornata in mano a Dunga c’è l’obbligo di riprendersi dopo il cataclisma del Mondiale casalingo: il subito dalla Germania non potrà mai essere cancellato ma mettere le mani su un trofeo un anno dopo potrebbe già essere un buon viatico. La Francia ha iniziato la scorsa estate un progetto che, iniziato con Didier Deschamps, deve portare i Bleus ad essere seriamente competitivi per vincere gli Europei. Al Mondiale non si è fatto male e ora nuova linfa potrebbe arrivare dall’Under 21, che a leggere i nomi non sfigurerebbe in una competizione per “grandi”. La diretta tv di Francia-Brasile sarà trasmessa da Sky Sport 1, con la telecronaca di Federico Zancan e il commento tecnico di Beppe Bergomi: prima e dopo la partita studio di approfondimento condotto da Anna Billò con la presenza in studio di Leonardo e Alessandro Costacurta. Tutti gli abbonati avranno la possibilità di seguire la partita in diretta streaming video grazie all’applicazione Sky Go, che è gratuita e riservata a tutti gli abbonati. Ovviamente i canali ufficiali delle due federazioni terranno aggiornati sull’esito della partita attraverso le proprie pagine dei social network, in particolare Facebook e Twitter: per la Francia abbiamo facebook.com/equipedefrance e @equipedefrance, per il Brasile invece ci sono facebook.com/CBF e @CBF_Futebol. Disponibili anche le quote Snai per scommettere su questa partita: il segno 1 (vittoria Francia) vale 2,50 volte la somma giocata, il segno X (pareggio) è da 3,15 mentre il segno 2 (vittoria Brasile) vale 2,80.