BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Juventus-Sassuolo (1-0): Fantacalcio, i voti della partita (Serie A 2014-2015 26^ giornata)

Pagelle Juventus-Sassuolo: i voti della partita di Serie A, valida per la ventiseiesima giornata. I protagonisti, i migliori e i peggiori allo Stadium: tutti i giudizi per il Fantacalcio

Paul Pogba, settimo gol in campionato (Infophoto) Paul Pogba, settimo gol in campionato (Infophoto)

La Juventus supera il Sassuolo per 1-0 grazie a un super gol di Pogba, decisamente migliore in campo. Tra i bianconeri deludono Pereyra e Morata. Nelle file ospiti buona prestazione di Acerbi e Consigli: malissimo Berardi. In una partita di facile gestione non commette errori particolari. Giusti i cartellini estratti: poco altro da aggiungere sul suo conto.

Juventus-Sassuolo è 0-0 alla fine del primo tempo. Nel posticipo serale della 26^giornata di Serie A la Juventus ospita il Sassuolo. Per i bianconeri l'occasione è ghiotta perché in caso di vittoria gli uomini di Allegri si porterebbero a +11 dalla Roma e di fatto chiuderebbero definitivamente il discorso Scudetto. I bianconeri si schierano con il 4-3-1-2. In porta, al posto dell'acciaccato Buffon, va Storari; difesa a quattro con Lichsteiner, Bonucci, Chiellini ed Evra. Pogba è il faro di centrocampo mentre Marchisio è il vice Pirlo; Pereyra fa il trequartista alle spalle della coppia d'attacco formata da Morata e Tevez. Il Sassuolo risponde con un offensivo 4-3-3. Il fiore all'occhiello degli emiliani è il reparto offensivo in cui troviamo il tridente composto da Berardi, Zaza e Sansone. In avvio la Juventus si complica subito la vita complice un retropassaggio insidioso a Storari che, per evitare guai sul pressing di Zaza (6), è costretto agli straordinari. I ritmi sono bassi, le due squadre commettono molte imprecisioni con passaggi sbagliati e lanci imprecisi. La prima occasione del match arriva al 12' in seguito a un calcio d'angolo per i padroni di casa: Tevez (6,5) tocca corto per Pereyra (5,5) che vede e serve l'accorrente Marchisio (6). La conclusione del centrocampista da posizione defilata non trova però lo specchio della porta difesa da Consigli (6). Poco dopo altro tentativo bianconero con un tiraccio di Vidal (6)terminato lontano dai pali emiliani. Al 20' Tevez prova a dare la scossa ai suoi: sponda di Pereyra per l'Apache che dal limite effettua una sterzata e cerca la porta. Sventola alta dell'argentino. Il Sassuolo non rischia quasi niente ma, allo stesso tempo, non crea pericoli particolari a Storari (sv). Al 23' Brighi trova Vrsaljko (6) sulla destra il quale mette in area un traversone teso: Bonucci (5,5) ostacola Zaza, il pallone arriva a Berardi (5,5) che prova la battuta al volo. Ennesimo tiro alto in una partita ricca di errori. Intorno alla mezzora la Juventus costruisce una nitida palla gol: su un calcio d'angolo dalla sinistra Chiellini (6) stacca a centro area ma il suo colpo di testa finisce di poco oltre la traversa.  Passano i minuti e i bianconeri crescono: al 32' Tevez impegna Consigli nella prima vera parata dell'incontro con un siluro dalla distanza respinto in qualche modo dall'estremo difensore neroverde. Nel finale occasione per Vidal che sull'appoggio di Tevez calcia in porta ma trova la provvidenziale deviazione della difesa neroverde. Allo Juventus Stadium finisce a reti inviolate un bruttissimo primo tempo tra Juventus e Sassuolo. Gara piatta e noiosa. I ritmi sono bassi e il gioco delle due squadre non è fluido. Se la Juventus accelera le cose cambiano ma i bianconeri, fin qui, non sono molto lucidi. I bianconeri commettono troppi errori e non riescono a scardinare la difesa del Sassuolo. Gli uomini di Allegri si svegliano soltanto dopo la mezzora di gioco ma non basta per mettere sotto gli avversari. E' l'unico che in qualche modo cerca di svegliare i suoi. Il più pericoloso tra i bianconeri. Gara abulica dell'attaccante spagnolo, mai nel vivo della manovra. Vista la differenza di potenziale tra gli emiliani e la Juventus, la prestazione della squadra neroverde è da considerarsi sufficiente. Buona l'organizzazione mostrata dagli uomini di Di Franesco in questo primo tempo. Attaccante a tutto campo. Spesso si sacrifica per aiutare i suoi compagni. Subito ammonito, rischia il doppio giallo dopo un fallo su Vidal. Commette troppi errori e non appare brillante. Gara di facile gestione. Gusti i due cartellini estratti all'indirizzo di Missiroli e Tevez. (Federico Giuliani)