BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Premier League/ News, risultati e classifica 33^ giornata: Chelsea batte United, Mourinho in fuga. Il City riparte

Premier League: risultati e classifica dopo le partite della 33^ giornata. Il big-match Chelsea-Manchester United lancia Mourinho verso il titolo. Vince il City, Arsenal fermo per la Fa Cup

Eden Hazard (Infophoto) Eden Hazard (Infophoto)

PREMIER LEAGUE NEWS: RISULTATI E CLASSIFICA DOPO LA 33^ GIORNATA - La 33^ giornata della Premier League ha visto una partita giocata in anticipo lo scorso 7 aprile e vedrà due recuperi a fine aprile ed in maggio, a causa della concomitanza con le semifinali della FA Cup, ma ha comunque visto un big-match di grande importanza.

La vittoria del Chelsea a Stamford Bridge contro un Manchester United che era in piena rimonta e proveniva da sei vittorie consecutive lancia la formazione di Mourinho, che sembra aver blindato il successo nella Premier. Decisivo il gol di Hazard. La sfida dello Stramford Bridge è andata in scena senza molti attori importanti da entrambe le parti; se infatti il Chelsea doveva rinuncia a Remy e Diego Costa, due pedine fondamentali in attacco, i Red Devils avevano fuori Carrick, Jones, Evans, Blind e Rojo, una moria che colpiva praticamente tutti i reparti della formazione di Van Gaal. Nelle scelte iniziali di Mourinho l’inserimento di Zouma, un difensore, nella linea di centrocampo, con l’intento di bloccare le iniziative di Fellaini. Questa mossa porta in panchina Willian, mentre la linea dei trequartisti del blues è composta da Fabregas, Hazard ed Oscar, linea che opera dietro a Drogba, che dimostra la sua età, ma in campo dà sempre l’anima. Van Gaal entra in campo con una sorpresa clamorosa affidando la posizione di punta centrale a Falcao, da tempo ai margini delle rotazioni dell’allenatore olandese, ed arretra Rooney. L’inizio della gara è nettamente favorevole agli ospiti, che prendono in mano la gara per i primi 15 minuti; nelle file dello United si mette in luce Shaw, che mette in crisi Ivanovic, mentre Herrera dirige la squadra in regia. In rapida sequenza vanno al tiro Shaw, Herrera e McNair, ma i loro tiri non sortiscono effetto. Mourinho ha disposto il suo Chelsea con una grande protezione dell’area, cercando di sfruttare al meglio le ripartenze, e proprio su una di queste arriva il gol di Hazard. Il pallone che Terry riconquista su Falcao, con la solita maestria ed anche grande irruenza, viaggia veloce sull’asse Fabregas–Oscar ed arriva ad Hazard, che dopo aver puntato il portiere avversario De Gea, lo beffa con un tunnel che regala il vantaggio al Chelsea. Grandi proteste di Van Gaal con il quarto uomo per un presunto fallo di Terry che ha viziato l’azione. Si va alla ripresa che viene aperta da una iniziativa di Drogba con tiro che viene deviato ancora da Hazard e pallone che finisce sul palo della porta del Manchester. Da parte sua la formazione di Van Gaal si rende pericolosa con un potente tiro di McNair, sul quale si disimpegna bene Courtois, e con uno di Rooney che termina fuori. Poco dopo i due allenatori iniziano con le sostituzioni e l’ingresso dell’argentino Di Maria nello United complica ancora di più la vita di Ivanovic che viene aiutato da Mourinho con l’ingresso in campo di Ramires, che prende il posto del connazionale Oscar. L’ultima occasione degli ospiti arriva al 77esimo, ma il tiro di Falcao colpisce il palo e così Mourinho può godersi la vittoria e guardare più da vicino il titolo della Premier quando mancano sei giornate alla fine. Una vittoria alla fine meritata per la maggiore determinazione messa in campo, anche se il Manchester United ha dominato nel possesso palla, con il 70%.

E’ tornato alla vittoria anche il Manchester City di Pellegrini, in uno dei due incontri disputati nella giornata di domenica. Con il successo sul West Ham, il City ha messo fine ad una settimana travagliata, dimenticato la sconfitta nel derby e confermato la sua posizione nella zona Champions League, con obiettivo il terzo posto che significherebbe evitare i playoff. Nella partita con gli Hammers, il Manchester City ha colto un prezioso 2-0, maturato tutto nella prima frazione di gioco, con una autorete di Collins dopo 18 minuti ed il raddoppio segnato dopo altri 18 minuti da Aguero, bravo a mettere in rete con un guizzo il suo 20esimo sigillo personale. L’argentino con questa rete è il capocannoniere della Premier League. Nella ripresa invece la formazione di Pellegrini ha controllato la gara, mancando anche il tris in alcune occasioni sia con Lampard, in campo dal primo minuto, che con Yaya Tourè, che con lo stesso Aguero. Brutto episodio per Silva che si è preso una gomitata in viso da Kouyatè ed ha lasciato il campo in barella, andando in ospedale per una visita di controllo.

Doverosa una parentesi sulla FA Cup: vittorie di Aston Villa ed Arsenal che si ritroveranno in finale a Wembley il 30 maggio per l’ennesimo derby londinese. In Aston Villa-Liverpool anche un gol annullato a Balotelli. Tornando alla Premier, nella gara del Newcastle con il Tottenham protesta dei tifosi locali prima dell’inizio della gara, con i tifosi che accusano il presidente di non aver fatto adeguati investimenti per rafforzare la loro squadra. Sul campo, poi, sono stati gli Spurs ad avere la meglio per 3–1. Le reti del successo degli Spurs di Chadli, Eriksen e Kane, mentre per il Newcastle aveva momentaneamente pareggiato Colback. Per quanto riguarda le altre gare che si sono disputate nella giornata di sabato, si complica la vita del Southampton, che viene battuto dallo Stoke City, che ha rimontato grazie alle reti di Diouf ed Adam il vantaggio iniziale degli avversari con Schneiderlin, chiudendo sul 2–1. L’Everton festeggia il suo quinto risultato utile consecutivo battendo il Burnley con il minimo scarto, 1–0, con una rete di Mirallas, dopo che Barkley aveva fallito un calcio di rigore a favore della formazione di Liverpool. Striscia positiva interrotta invece per il Crystal Palace, che in casa vede passare il West Bromwich che sfrutta le reti messe a segno da Morrison e Gardner. La formazione londinese arrivava da 4 successi in fila. Piccolo passo avanti verso la salvezza da parte del Leicester che sigla un 2–0 nei confronti dei gallesi dello Swansea, grazie ai goal realizzati da Ulloa e King. Per il Leicester è la terza vittoria consecutiva e con questo successo riesce a togliersi dall’ultimo posto in classifica, lasciandolo a Queens Park Rangers e Burnley.

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER I RISULTATI DELLA 33ESIMA GIORNATA E LA CLASSIFICA DI PREMIER LEAGUE 2014-2015