BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Rbc Heritage 2015/ Golf, risultati e classifica: il vincitore è Furyk

Rbc Heritage 2015 golf: risultati e classifica finale del torneo. Il vincitore è l'americano Jim Furyk, che precede i connazionali Kevin Kisner e Troy Merritt. L'ultima giornata

Infophoto Infophoto

GOLF RBC HERITAGE 2015: RISULTATI E CLASSIFICA, IL VINCITORE - Sorpresa finale al torneo RBC Heritage: a vincere non è il favorito Troy Merritt, bensì il suo connazionale Jim Furyk, che ha messo in atto una giornata perfetta e priva di errori, che gli ha consegnato nelle mani il titolo di campione in una classifica dominata da sei statunitensi.

Si è concluso dunque il torneo RBC Heritage, il quale si è dimostrato ricchissimo di sorprese, di sorpassi e soprattutto caratterizzato dalla grinta che i giocatori hanno messo in pratica, dimostrando la voglia di voler vincere a tutti i costi. A trionfare è stato un golfista che ha sorpreso tutti, ed ha dimostrato come la costanza e l'impegno risultano essere fondamentali: il nome del trionfatore corrisponde a quello di Jim Furyk che nella finale ha avuto il classico sprint che gli ha permesso di imporsi suoi suoi avversari. Il nome di Furyk è stato uno dei meno discussi nel corso del torneo: le sue prestazioni infatti non sono state eccellenti, in quanto non è mai riuscito ad avvicinarsi molto alla vetta della classifica. Il giocatore degli Stati Uniti dunque ha effettuato il classico passo lento, nell'ombra, riuscendo però a superare piano piano i suoi diretti avversari. L'ultima giornata del torneo è stata quella decisiva, dove Furyk ha deciso di dare il cento per cento delle sue energie nella partita. Il golfista infatti è riuscito nella storica impresa di non sbagliare quasi nulla, ed al termine della giornata si è classificato primo con meno diciotto punti. Grande emozione per lui, che non pensava affatto di riuscire ad ottenere un grande risultato come il suddetto. La gioia incontenibile ha messo in mostra come la voglia del giocatore di trionfare sia stata determinante in questo frangente, ovvero gli abbia permesso di esprimersi al meglio durante la gare stessa.

Il secondo classificato è stato invece Kevin Kisner, il quale è riuscito ad ottenere lo stesso punteggio del leader e vincitore, ovvero meno diciotto punti, ma avendo sbagliato diversi colpi nell'ultima gara, non ha potuto portarsi a casa il titolo di campione. Soddisfazione personale mischiata a delusione per lo statunitense Kisner, che sicuramente non ha ben preso la vittoria finale dell'avversario, seppur i complimenti a suo riguardo non sono venuti a mancare, così come gli applausi del pubblico. A chiudere il trio del podio è Merritt, il grande sconfitto di questo particolare torneo: due punti infatti gli sono costati la vittoria finale, che non gli ha dato la possibilità di poter portare a casa l'ambito premio ed il titolo di campione. Merritt infatti ha dominato nelle ultime due giornate del torneo, ma la tensione, mischiata sicuramente all'agitazione, non gli hanno dato la possibilità di poter essere il vincitore finale. Qualche errore di troppo infatti nell'ultima giornata del RBC Heritage, che lo ha visto arrendersi ed accontentarsi di un terzo posto che gli sta stretto, e che potrebbe spronarlo a dare il meglio di sé durante i prossimi tornei di golf. Importante sottolineare come Merritt alla vigilia della finale veniva dato come favorito, viste le ottime prestazioni recenti, e di come invece abbia dovuto arrendersi contro un avversario molto determinato, che gli ha rubato punti su punti al termine della giornata.

Jordan Spieth invece non riesce nella tanto attesa rimonta, quella che era riuscito a mettere in atto durante la seconda giornata del torneo, dopo una prima gara da dimenticare assolutamente. Il vincitore dell'Augusta infatti, nell'ultima giornata del torneo, non ha brillato particolarmente, sentendo la pressione della gara e delle aspettative sulle sue spalle. Meno dieci punti totalizzati da Spieth, che sicuramente nei prossimi tornei cercherà di ritornare immediatamente in cima al mondo. McDowell invece continua, come nelle altre giornate, la sua parabola discendente, visto che era riuscito a ottenere otto punti negativi, concludendo invece con sette, il ché vuol dire che nella finale non ha brillato affatto, ottenendo un punto sopra lo zero. CLICCA QUI PER LA CLASSIFICA DEL RBC HERITAGE DI GOLF

© Riproduzione Riservata.