BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Real Madrid-Atletico Madrid (1-0): i voti della partita (Champions League 2014-2015 ritorno quarti)

(INFOPHOTO)(INFOPHOTO)

Non viene mai impegnato seriamente dagli avversari.

Gioca una buona partita. Si concentra principalmente sulla fase difensiva e non concede nulla agli avversari.

Partita senza sbavature per il portoghese. E’ sempre pulito negli interventi e recupera tanti palloni preziosi.

Conquista molti contrasti aerei in entrambe le fasi e rimane concentrato per tutta la partita.

Dà una buona spinta in fascia e rimedia in difesa a un paio di errori dei centrocampisti. (DAL 90’ ARBELOA: S.V.)

Morde le caviglie degli avversari e provoca nella ripresa l’espulsione di Arda Turan. Si fa notare con qualche inserimento in attacco dove usa la sua stazza fisica per fare male.

Nel primo tempo gioca una partita opaca, condita da un intervento sanguinoso al limite della propria area di rigore, ma per sua fortuna l’Atletico non sfrutta l’occasione. Nella ripresa si riprende e torna l’Isco di sempre giocando una buona gara. (DAL 92’ ILLARRAMENDI: S.V.)

Non sbaglia praticamente un passaggio in mezzo al campo e si limita a fare bene il suo compitino.

Il colombiano è il migliore fra i suoi. Inventa numerose occasioni che i suoi compagni non sfruttano a dovere. Il gol finale nasce da un’altra sua splendida intuizione.

E’ il più pericoloso quando ha il pallone fra i piedi e svaria su tutto il fronte offensivo alla ricerca di spazi nella ragnatela difensiva creata dall’Atletico. Nel finale di primo tempo si divora una grande occasione, ma si rifà nell’azione del gol quando manda in tilt la difesa avversaria, servendo al Chicharito un pallone d’oro, proprio come lui.

Ci prova per tutta la partita e lotta come un dannato contro un colosso come Godin . All’80° minuto Oblak con un grande intervento gli impedisce di festeggiare, ma 7 minuti dopo si fa trovare al posto giusto al momento giusto e consegna al Real la semifinale. (DAL 90’ JESE’: S.V.)

I campioni d’Europa mantengono il match in mano per tutto il tempo e non concedono nulla agli avversari giocando una partita perfetta sotto tutti i punti di vista.