BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Premier League/ News, risultati e classifica 34^ giornata: Arsenal-Chelsea 0-0, crolla il Manchester United

Premier League risultati e classifica dopo le partite della trentaquattresima giornata. Arsenal-Chelsea 0-0, Mourinho sempre più vicino al titolo. Crolla il Manchester United, vince il City

José Mourinho (Infophoto) José Mourinho (Infophoto)

La 34^ giornata di Premier League ha trovato il suo culmine in Arsenal-Chelsea. Il match è finito però con uno scialbo 0-0. La partita non ha offerto lo spettacolo che i tifosi si aspettavano, con la squadra di casa incapace di mettere in difficoltà i Blues. I giocatori di Mourinho non avevano nessuna intenzione di forzare il gioco è ne è uscita una partita noiosa. In classifica restano 10 i punti di vantaggio dei giocatori del Chelsea sugli inseguitori e il titolo appare ormai quasi certo.

In Everton-Manchester United si è vista invece una bellissima partita, con nettissima vittoria dei padroni di casa. L'Everton ha iniziato la partita in "attesa" e la scelta ha dato ragione ai suoi giocatori, essi hanno trovato il primo goal su una ripartenza e hanno sfruttato successivamente i contropiedi che i giocatori dello United hanno concesso.

Nelle partite giocate il 25 aprile spicca per spettacolarità il 2-2 tra Southampton e Tottenham. Un match senza esclusione di colpi in cui è spiccata la prestazione dell’italiano Graziano Pellè, il leccese nonostante una doppietta non è riuscito a portare però alla vittoria la sua squadra. Il Tottenham è riuscito a raggiungere l’obiettivo giornaliero: respingere l’attacco dei rivali per un posto in Europa League. Gli Spurs, infatti, restano a + 1 dal Southampton, e ritrovano l’ex romanista Lamela, che ha firmato il momentaneo 1 a 1 al 43° del primo tempo. Mezzo passo falso del Liverpool, che sembra incapace di vincere in trasferta in casa delle piccole. Punto pesante invece per il West Bromwich che ha pensato solamente a difendere contro i Reds, ennesima prestazione incolore di Balotelli che visti i fischi potrebbe aver definitivamente finito l’avventura inglese. Torna alla vittoria il Manchester City, rifilando un 3-2 all’Aston Villa in virtù di una migliore organizzazione di gioco e ai colpi dei suoi campioni (Aguero e Kolarov su tutti), da segnalare la bellissima punizione del numero 11 di Pellegrini, autore del 2 a 0.

Altre emozioni nella zona retrocessione, punti pesanti per il Leicester che in casa del Burnley riesce ad acciuffare una vittoria pesantissima, l’1 a 0 firmato da Jamie Vardy al 60° ha portato la squadra di Pearson momentaneamente fuori dal pantano retrocessione, la vittoria riveste ancora più importanza per il fatto che un minuto prima del goal la squadra di casa ha fallito un calcio di rigore con Taylor. Punti pesanti anche per l’Hull City in casa del Crystal Palace, un 2-0 pesantissimo soprattutto perché porta l’Hull a + 1 dalla linea rossa che decide chi permarrà in Premier.

Bella partita è stata sicuramente Newcastle-Swansea, gli ospiti sono riusciti con un’organizzazione di gioco veramente perfetta a legittimare una stagione che li ha visti protagonisti e che li ha portati ai piani alti della classifica. I 50 punti racimolati sin qui dalla squadra all’allenata dall’ottimo Monk, sono un buon punto d’inizio per un team che vuole entrare a pieno titolo nel calcio europeo che conta. Anche Stoke City–Sunderland ha offerto un bello spettacolo di sport, lo Stoke aveva poco da chiedere, mentre il Sunderland doveva necessariamente vincere, le due squadre si sono affrontate senza esclusione di colpi e il pareggio alla fine dei 90 minuti è stato sostanzialmente giusto.

Qpr–West Ham invece è stata una partita incolore, in cui l’unico attimo di spettacolo è stato il rigore concesso ai padroni di casa per un fallo di mano plateale, il penalty è stato però sciupato dal giocatore più rappresentativo del QPR (Austin). Il punto guadagnato in casa dai Rangers, probabilmente non servirà a salvarli da quella che ormai sembra una retrocessione acquisita.