BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DOYEN SPORTS / Cos’è il fondo di investimento di Nelio Lucas all’ombra di Mr. Bee

Pubblicazione:giovedì 30 aprile 2015

Falcao, attaccante colombiano (Infophoto) Falcao, attaccante colombiano (Infophoto)

DOYEN SPORTS COS’È IL FONDO DI INVESTIMENTO DI NELIO LUCAS ALL’OMBRA DI MR. BEE – Il principale candidato per divenire il prossimo proprietario del Milan è Bee Taechuabol. Il broker thailandese ha organizzato una cordata per acquisire la maggioranza del club rossonero, al cui interno vi sarebbe anche la Doyen Sports Investment. I più attenti di voi avranno già sentito nominare questa sigla, già perché in Italia ha fatto “ufficialmente” il suo ingresso nell’estate del 2013. Durante il luglio di quell’anno il massimo rappresentante della Doyen, Nelio Lucas, trascorse diversi giorni in Italia, a Taormina, per trattare di affari con l’ad del Milan Adriano Galliani. In poche parole la DSI è un fondo di investimento che detiene la proprietà di parte di cartellini di giocatori attraverso il modello della Third Party Ownership, ovvero, la possibilità appunto che altre parti oltre alle società, siano detentrici della proprietà dei cartellini. Nata in Brasile e con sedi anche a Londra e Istanbul, la Doyen è cresciuta molto negli anni, ed oggi vanta il controllo di alcuni top player del calibro di Falcao, Kondogbia e Felipe Anderson, giusto per citare i casi più noti, ma anche i diritti di immagine di sua maestà Neymar. Obiettivo della DSI è quello di aiutare i club all’acquisizione di giocatori di assoluto livello che altrimenti non potrebbero mai mettere piede in quella determinata squadra. Lo scopo è infatti quello di «garantire una fonte alternativa per il finanziamento dei club calcistici», come si legge sul sito web della stessa società brasiliana. In Italia i fondi di investimento sono banditi, e anche Platini si sta muovendo per abolirli, ma è logico pensare che se realmente dietro a Mr Bee vi fosse il signor Lucas la potenza della Doyen si espanderebbe a dismisura divenendo di fatto co-proprietaria del Milan, uno dei club più vincenti e prestigiosi al mondo. Inoltre, non è un delitto pensare alla possibilità che alcune delle stelle gestite dalla Doyen, magari Falcao e Kondogbia, possano mettere piede a Milanello per iniziare un interessante percorso di rinascita che ha l’obiettivo di riportare il Diavolo sulle vette italiane ed europee.



© Riproduzione Riservata.