BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Video, Chievo-Cagliari (risultato finale 1-0)/ Highlights, gol e statistiche (29 aprile 2015, Serie A 33^giornata)

Video, Chievo-Cagliari (risultato finale 1-0); highlights, gol e statistiche della partita di Serie A disputata mercoledì 29 aprile 2015 allo stadio Bentegodi e valida per la 33^giornata

(INFOPHOTO)(INFOPHOTO)

Altra vittoria del Chievo, la quarta nelle ultime sette giornate: la formazione allenata da Rolando Maran supera il Cagliari per 1-0 e si porta a 40 punti in classifica, ufficializzando così l'ennesima salvezza. I sardi invece rimangono a quota 24 e rischiano sempre di più la retrocessione in Serie B: a cinque giornate dal termine la distanza dal quartultimo posto dell'Atalanta è di 8 lunghezze. Nella prossima giornata che si terrà nel week-end il Chievo giocherà a San Siro contro l'Inter (domenica 3 maggio ore 15:00), il Cagliari affronterà il Parma al Sant'Elia (lunedì 4 alle 20:45)

Il possesso palla è a favore del Cagliari, arrivato sino al 51% contro il 49% del Chievo. I gialloblù sono stati più precisi al tiro centrando la porta in 5 conclusioni su 10; il Cagliari invece ha peccato d'imprecisione indirizzando all'interno dei pali avversari solamente 2 tentativi su 11. Questo ha vanificato la maggiore supremazia territoriale ovvero i minuti spesi all'attacco: 11'22'' per i sardi contro gli 8'44' del Chievo, che quindi ha attaccato meno ma meglio durante la partita. Non a caso l'indice di pericolosità della squadra veronese è più alto: 41,5% mentre il Cagliari si è fermato al 29,8%. Statistiche individuali: lo svedese del Cagliari Albin Ekdal ha effettuato più passaggi positivi di tutti, toccando quota 49; dietro di lui il compagno Nicola Murru (espulso all'84') con 43 appoggi a buon fine, poi il serbo Ivan Radovanovic del Chievo con 41. Alberto Paloschi del Chievo e Diego Farias del Cagliari hanno provato più di tutti il tiro in porta: 3 tentativi per entrambi, Paloschi tra l'altro ha servito l'assist per il gol decisivo di Riccardo Maggiorini.