BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Roma-Napoli (1-0): Fantacalcio, i voti della partita (Serie A 2014-2015 29a giornata)

Pagelle Roma-Napoli, i voti della partita della ventinovesima giornata di Serie A: i protagonisti, i migliori e i peggiori all'Olimpico. Tutti i giudizi per il Fantacalcio

(dall'account Twitter @officialASRoma)(dall'account Twitter @officialASRoma)

Nell'anticipo di Pasqua la Roma trova un'importante vittoria battendo all'Olimpico il Napoli per 1 a 0. La squadra di casa inizia bene la partita costruendo un possesso palla prolungato ad imporre il proprio ritmo e gli ospiti patiscono questo atteggiamento, faticando a costruire la ripartenza. I Giallorossi mettono in guardia gli avversari al 20' quando la punizione di Pjanic attraversa tutta l'area di rigore a sfiorare il palo di Andujar e, cinque minuti più tardi, proprio il bosniaco trova la rete della vittoria al 25': Pjanic fa scattare Iturbe che, attraendo su di se ben 4 avversari, serve lo smarcato Florenzi a destra, pronto al cross basso a centro area per la finalizzazione del numero 15 ed è 1 a 0. La reazione della squadra di Benitez si fa sentire con il tentativo di De Guzman al 39', fermato forse con la mano dal difensore di casa, e con la giocata fuori misura di Higuain. Nella ripresa, i numeri di Mertens e i tiri di Gabbiadini al 67' e al 78' non sono precisi e De Sanctis salva la propria rete, bloccando anche l'ultima giocata del Napoli al 94', dopo che Ibarbo aveva provato a colpire senza fortuna all'88'.

Match mai banale con le due squadre che si allungano in diversi tratti della partita lasciando spazio a poche ma buone giocate d'impatto. Una volta in vantaggio, contiene l'avversario imponendo la propria idea di gioco accontentandosi di un solo goal come Garci aveva preannunciato alla vigilia. Tanti e troppi errori sia tecnici che nell'intesa tra i singoli. La prova evidente è la rete di Pjanic, facilmente evitabile.  Prende molte decisioni dubbie, come per esempio nella possibile mancata ammonizione di De Rossi o il tocco di mano sul tiro di De Guzman. Condivide sicuramente il voto con i suoi assistenti, colpevoli di un paio di chiamate più che sospette, ed il quarto uomo, non da meno nel non perdere occasione per far innervosire i giocatori.

Primo tempo: Nell'anticipo delle 12.30 la Roma si trova in vantaggio per 1 a 0 sul Napoli dopo la prima frazione di gioco. I Giallorossi impostano da subito il proprio ritmo alla partita attraverso un possesso palla prolungato e finalizzato alla giocata in profondità per gli esterni o per Iturbe, oggi in posizione centrale. Gli ospiti invece faticano a costruire con i due mediani, poco presenti nella manovra, e al 25' la squadra paga una disattenzione difensiva quando Iturbe, attraendo su di se 4 giocatori partenopei, apre per Florenzi a destra che di prima serve nel mezzo il liberissimo Pjanic per portare in vantaggio i suoi con un tiro basso e potente. La reazione dell'undici di Benitez non manca, anche se i giocatori azzurri commettono troppi errori tecnici e nell'ultimo passaggio.  Gioca bene e senza fretta per colpire al momento giusto grazie ad una bell'azione corale.  Mette in mostra tutta la sua voglia di fare lottando su ogni pallone e propiziando la rete del vantaggio.  Si fa prendere dal nervosismo sin dai primi minuti rimediando una prematura ammonizione già all'11'. Il centrocampo non fa il dovere supportando male i 4 giocatori offensivi che comunque faticano anche a trovarsi fra di loro.  I suoi movimenti alle spalle di Higuain sono buoni ma viene marcato bene dagli avversari che lo costringono a sbagliare la giocata.  Si nasconde per il campo senza riuscire a rendersi utile e si fa attrarre da Iturbe sull'1 a 0, favorendo infatti l'inserimento vincente di Pjanic. (Alessandro Rinoldi)