BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Napoli-Lazio (0-1): i voti della partita (Coppa Italia 2014-2015 semifinale ritorno)

Pubblicazione:mercoledì 8 aprile 2015 - Ultimo aggiornamento:mercoledì 8 aprile 2015, 23.31

(dall'account Twitter ufficiale @sscnapoli) (dall'account Twitter ufficiale @sscnapoli)

NAPOLI-LAZIO: I VOTI DEI BIANCOCELESTI

BERISHA 7: Dopo un primo tempo normale, si supera con alcuni grandi interventi nella ripresa. La parata su Hamsik, che Orsato e i suoi assistenti non vedono, è da ovazione

BASTA 7: Uno dei migliori, dal primo al 90°. Chiusure determinanti e pochissimo spazio concesso ai trequartisti avversari

DE VRIJ 6: Graziato da Higuain in ogni occasione nella quale poteva invece capitolare. Non la sua migliore prova

MAURICIO 5,5: Discorso simile a quello di de Vrij, con la differenza che sembra più impacciato del collega. E deve ancor di più alla cattiva forma, in fase conclusiva, di Higuain

BRAAFHEID 5: Non fa male in avvio, al rientro dal primo minuto dopo uno stop prolungato. Con il passare del tempo però "crolla", costringendo Pioli al cambio prima che sia troppo tardi

CATALDI 6: Meno impattante del solito, ma la fiducia di Pioli, che tiene inizialmente fuori Mauri (non uno qualsiasi) è l'attestato più importante

LUCAS BIGLIA 6,5: E' diventato un punto di riferimento, per la squadra, di valore assoluto. Anche quando non è da 8 in pagella – e spesso ultimamente gli capita – risulta l'ago della bilancia per la Lazio

PAROLO 6,5: Meno incursore e più mediano del solito. Il suo valore tattico è inestimabile

CANDREVA 6: Poche fiammate, non riesce a determinare. Partita appena sufficiente, anche perchè il suo sostituto spacca invece la partita

KLOSE 6: Non ha la consueta capacità di avvelenare l'area di rigore ma riesce ad essere comunque utile, anche con volate palla al piede inusuali

FELIPE ANDERSON 7,5: Gioca al 40% delle sue possibilità e del suo valore. Eppure decide di fatto anche questa partita, assieme a Lulic. Lo ripetiamo, da prima di tutti (leggetevi le cronache e le pagelle, se ne avete voglia), fin da dicembre: se trova continuità è un top player che non c'entra nulla con la Serie A attuale

(S. MAURI 6: Niente di trascendentale, ma sa essere – come Biglia – un punto di riferimento per il gruppo, tattico e di carattere. Il suo ingresso suona la carica)

(LULIC 8: Entra, sfiora il gol di testa, segna quello decisivo per la qualificazione e poi salva tutto su Insigne, sulla linea. Serve altro?)

(CAVANDA SV)

ALL. PIOLI 7,5: Illuminato e fortunato, si merita questa finale perchè la Lazio, con la Juve, è la migliore squadra in questo momento e probabilmente della stagione. Per questo, visto che abbiamo buona memoria, ricordiamo con fastidio le sue dichiarazioni – dopo l'ultima sconfitta prima della serie positiva che prosegue tra campionato e Coppa – circa presunti complotti contro la Lazio 

(Luca Brivio)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.