BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Golf/ News, Open de Espana 2015: risultati e classifica finale. Vince James Morrison, secondo Francesco Molinari

Pubblicazione:lunedì 18 maggio 2015

Foto Infophoto Foto Infophoto

OPEN DI SPAGNA GOLF: VINCE JAMES MORRISON - In Spagna il golf, per quest'anno, parla inglese. Ultima giornata di grande golf: il quarto e ultimo giorno all'Open de Espana 2015, ospitato dal Real Club de Golf El Prat (par 72), a Terrassa, Barcellona è il grande giorno dell'inglese James Morrison. Il golfista di sua maestà dipinge con le sue mazze un quarto giorno praticamente perfetto, dopo che al terzo giorno si trovava già in prima posizione, ma in compagnia del connazionale David Howell con un meno 7 che li metteva in grandissimo vantaggio sugli avversari. Oggi Howell ha sbagliato (+1 di giornata e meno 6 finale) mentre Morrison no: colpi precisi sia sul lungo che sul putt, con tre birdies consecutivi ha ottenuto un incredibile meno 10, che lo spinge alla vittoria meritatissima conseguita grazie a una condotta sempre constante e di altissimo livello durante tutte le quattro giornate ottenuta con 278 colpi e quattro di margine.

Nessuno dei suoi avversari è riuscito a mantenere livelli così precisi e di alto profilo. James Morrison é nato a Chertsey, Inghilterra, il 24 gennaio 1985. Ha iniziato con il cricket, poi l'amore per il golf ha preso il sopravvento a 16 anni. La carriera da golfista, in cui ha già vinto un'altra gara dell'European Tour (al Madeira Island Open nel 2010), ha poi preso una piega da campione negli anni del college in America, nel North Carolina. Però, cinque anni senza vittorie sono stati pesanti, e dopo la vittoria si é detto felicissimo, specie ripensando al lungo tempo in cui guardava i leaderborad da molto lontano. La vittoria, oltre che fondamentale per la sua immagine sportiva, gli porta in cassa la cifra di 284.000€ euro: questa rappresenta la più grande vittoria nelle sua carriera. La prima posizione inoltre acquisisce ancor più valore se consideriamo che in seconda posizione troviamo il grande sconfitto dell'open: l'idolo spagnolo e campione uscente della gara spagnola dell'European Tour, Miguel Angel Jimènez. Il golfista spagnolo paga i primi tre giorni pessimi, ma grazie al suo grandissimo talento ha sfoderato un day four da meno 5, che però non gli é bastato per raggiungere la vittoria finale, con un meno 6 totale dal Par che sa molto di beffa.

Beffa però che gli é valsa circa 100.000 € per la seconda posizione, che ha condiviso con ben altri 3 giocatori. Infatti, in seconda posizione e con 100.000 € è tornato a casa anche il francese Edouard Espana, mattatore del secondo giorno che ottiene un ottimo meno 3 oggi, ma paga la brutta gara di ieri. Come il francese, anche l'inglese Howell coglie la seconda posizione, ma per lui é una piccola sconfitta perché ieri condivideva la prima posizione con il vincitore Morrison. Secondo anche il nostro idolo nazionale Francesco "Chicco" Molinari. Il golfista torinese é brillante, ma non brillantissimo: il meno 1 dell'ultimo giorno lascia l'amaro in bocca, quantomeno perché avrebbe potuto fare qualcosa in più e rimanere secondo in solitaria, e magari riuscire a mettere pressione al vincitore. Anche perché pure la fortuna non ha girato per il nostro golfista. Infatti, quando Morrison era piuttosto vicino, l'orlo della buca gli ha fatto dei torti: un birdie ed un Par quasi certi sono diventati purtroppo Par ed un bogey spegnendo qualsiasi velleità. Delusione per gli altri italiani in gara: Matteo Manassero ha terminato con un Par generale, frutto nell'ultima giornata di tre birdie e tre bogey mentre sono andati a braccetto Tardini e Crespi (+1).

Tagliati gli scorsi giorni Edoardo Molinari, Pavan e Paratore. La sesta posizione viene occupata dall'argentino Grillo, che ha mantenuto un discreto passo con un meno 5 finale e circa 50.000 euro vinti. Settimi lo spagnolo José Manuel Lara, 284 (-4)e il connazionale Jorge Campillo. Invece hanno occupato la nona piazza con 285 (-3) l'australiano Wade Ormsby, il tedesco Maximilian Kieffer, lo svedese Pelle Edberg, l'iberico Eduardo De La Riva, il danese Soren Kjeldsen e il sudafricano Darren Fichardt. Tra i big che maggiormente hanno deluso, sicuramente da annoverare l'idolo di casa Sergio Garcia: per lo spagnolo pesa probabilmente la gara a cui ha preso parte la scorsa settimana (Players Championship negli Stati Uniti in cui é arrivato secondo dopo playoff con Rickie Fowler) con inclusi viaggio e cambio di fuso orario. Prossima tappa dell'European tour in al Wentworth Club, Virgina Water, a Surrey (Inghilterra). Il BMW PGA Championship, uno dei tornei più ricchi e prestigiosi, si terrà la prossima settimana dal 21 al 24 maggio: prepariamoci ad un'altra grande rassegna di golf. Sulla strada per Dubai.



© Riproduzione Riservata.