BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Giro d'Italia 2015/ Video highlights decima tappa Civitanova Marche-Forlì: la vittoria di Nicola Boem, i guai di Richie Porte

Pubblicazione:mercoledì 20 maggio 2015

Nicola Boem sul traguardo di Forlì (da Facebook Giro d'Italia) Nicola Boem sul traguardo di Forlì (da Facebook Giro d'Italia)

VIDEO GIRO D'ITALIA 2015, DECIMA TAPPA CIVITANOVA MARCHE-FORLI' (200 KM): GLI HIGHLIGHTS (MARTEDI' 19 MAGGIO) - Dopo la prima giornata di riposo, il Giro d'Italia ha ripreso il suo cammino con la decima tappa Civitanova Marche-Forlì di 200 km. Il trionfatore di giornata è stato Nicola Boem (Bardiani–CSF) che ha preceduto allo sprint Matteo Busato (Southeast) e Alessandro Malaguti (Nippo–Fantini). Alle loro spalle al quarto posto si è piazzato Alan Marangoni (Cannondale–Garmin), mentre la volata del gruppo per il quinto posto è stata vinta da Giacomo Nizzolo (Trek).

Il corridore 25enne di San Donà di Piave si è aggiudicato la tappa dopo una fuga di quasi 200 km e ora Boem è la nuova maglia rossa del 98° Giro d'Italia. Sfortunato il leader di Sky Richie Porte, vittima di una foratura quando mancavano circa 7 km alla conclusione della tappa e costretto a cedere 47'' in classifica generale ma soprattutto ha poi subito una penalizzazione di due minuti perché ha ricevuto la ruota da Simon Clarke della Orica-GreenEdge ed invece è consentito solo dai compagni di squadra. Dopo una settimana decisamente impegnativa, in nove tappe 20.300 metri di dislivello, i corridori hanno affrontato una tappa quasi completamente pianeggiante, una frazione dedicata ai velocisti che però si sono fatti sorprendere. Pronti via ed è subito fuga, con cinque atleti che lasciano subito il gruppo: Oscar Gatto, Alessandro Malaguti, Matteo Busato, Alan Marangoni e Nicola Boem. Il gruppo non si danna l'anima per andare a riprendere i fuggitivi, che in 90 km accumulano un vantaggio massimo di 4'30''. Il GPM di Monte di Bartolo dopo 107 km circa non crea particolari problemi, con Malaguti che transita davanti a Marangoni. La notizia del giorno è il ritiro di Matteo Pelucchi (Iam), costretto a lasciare la corsa rosa a meno di 50 km da Forlì a causa delle conseguenze della caduta nel corso della seconda tappa Albenga–Genova. Al traguardo volante di Cesena quando mancano 19 km all'arrivo Gatto precede Boem e Malaguti, con il gruppo che passa con un ritardo di 2'. A 13 dall'arrivo gli attaccanti restano in quattro perché una foratura frena Oscar Gatto. Stesso destino per Richie Porte a circa 7 km dall'arrivo, con la Sky costretta a un lavoro supplementare per inseguire il gruppo lanciato ai 60 orari. Intanto i fuggitivi reggono e sul traguardo di Forlì si giocano la vittoria finale conservando un vantaggio di meno di 1' sul gruppo. Marangoni prova l'allungo, ma è Nicola Boem a regolare in volata i tre compagni di fuga.

Al termine della tappa Nicola Boem non ha nascosto la sua gioia: "E' il sogno che avevo fin da bambino". Nelle dichiarazioni del vincitore non sono mancate le dediche ai compagni di squadra e alla fidanzata. Malaguti, arrivato terzo, ha dichiarato: "Ero a tutta e ho provato a giocarmela d'astuzia. I migliori erano Alan Marangoni e Boem". La grande novità in classifica generale è che Richie Porte tra la foratura e la penalizzazione perde ben 2'47'' da Alberto Contador, che resta sempre in maglia rosa, così ora si ritrova al dodicesimo posto a 3'09" dal leader. Magari ciò renderà ancora più vivace la Forlì–Imola di oggi, 153 km e ben 3 Gpm, due di 3^ e uno di 4^ categoria. Un percorso praticamente privo di pianura e molto mosso che sicuramente regalerà tante emozioni, con i leader pronti a difendere le loro posizioni e gli avversari fortemente intenzionati a dare battaglia. CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER IL VIDEO GIRO D'ITALIA 2015, DECIMA TAPPA CIVITANOVA MARCHE-FORLI' (200 KM): GLI HIGHLIGHTS


  PAG. SUCC. >