BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINALE CHAMPIONS LEAGUE 2015/ News, Nedved: il Barcellona va aggredito, la nostra difesa come il loro attacco

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Luis Suarez (infophoto)  Luis Suarez (infophoto)

FINALE CHAMPIONS LEAGUE 2015 NEWS, PARLA NEDVED – In vista della finale di Champions League 2015, in programma fra la Juventus e il Barcellona il prossimo 6 giugno a Berlino, ha parlato Pavel Nedved, ex calciatore bianconero nonché membro del cda juventino. Interpellato dai microfoni di Tuttosport la Furia Ceca ha svelato la sua ricetta per battere i catalani: «Aspettarli dietro sarebbe significherebbe prendere un gol prima o poi, loro sono abituati a quella situazione e la sanno gestire molto bene. Dobbiamo cercare di dare loro fastidio con i nostri attaccanti: dobbiamo aggredirli e giocarci le nostre chance. E' una partita secca e la forma fisica giocherà un ruolo determinante nella partita». Secondo Nedved, la retroguardia juventina è al pari dell’attacco blaugrana: «Una squadra che può schierare Messi, Neymar e Suarez parte da 2-0 ogni partita. Loro hanno un attacco fenomenale, ma la nostra difesa non è da meno. E comunque tutti possono essere fermati, anche Messi che è di un altro pianeta. Non andremo a Berlino solo per partecipare».

FINALE CHAMPIONS LEAGUE 2015 NEWS, LUIS SUAREZ CI SARÀ – Corre verso il recupero totale il bomber del Barcellona e della nazionale uruguagia Luis Suarez. Stando alle ultime indiscrezioni sottolineate in particolare dal Corriere dello Sport, il Pistolero sembrai ormai vicino al pieno recupero e di conseguenza dovrebbe esservi per la finalissima di Champions League del prossimo 6 giugno contro la Juventus. Qualche dubbio ancora permane, ma il tutto sarà più chiaro sabato prossimo, quando ci sarà la finale della Copa del Rey, e quando l’ex Liverpool sarà probabilmente fra i convocati del match. Da ieri Luis Suarez è infatti tornato ad allenarsi con regolarità al Sant Joan Despi dopo due settimane di lavoro a parte, e di conseguenza le sensazioni sono estremamente positive.



© Riproduzione Riservata.