BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Probabili formazioni/ Atalanta-Lazio: orario diretta tv, quote, le ultime novità. I diffidati (oggi domenica 3 maggio 2015, Serie A 34^ giornata)

Probabili formazioni Atalanta Lazio: orario diretta tv, quote, le ultime novità sulla partita di Bergamo, valida per la trentaquattresima giornata del campionato di Serie A 2014-2015

Foto Infophoto Foto Infophoto

Diamo uno sguardo ai giocatori diffidati delle due squadre, a rischio squalifica in caso di cartellino giallo in questa partita della trentaquattresima giornata di Serie A. Nell'Atalanta sono diffidati Boakye, Sportiello, Zappacosta, Moralez, Biava, Dramé, Carmona, Pinilla e Migliaccio: questi dunque sono i ben nove giocatori che se ammoniti dovranno saltare il prossimo impegno di campionato che sarà contro il Palermo per i nerazzurri. Nella Lazio ci sono De Vrij, Keita, Ledesma e Radu in questa condizione, potenzialmente a rischio per l'impegno contro l'Inter nel prossimo turno di campionato.

Si gioca alle ore 15 di oggi pomeriggio la partita dell’Atleti Azzurri d’Italia di Bergamo, valida per la trentaquattresima giornata del campionato di Serie A 2014-2015. Atalanta-Lazio sarà diretta dall'arbitro Daniele Orsato della sezione di Schio. L’Atalanta vuole chiudere al più presto il discorso salvezza che è ottimamente avviato, la Lazio cerca invece di blindare e confermare il suo secondo posto in classifica in attesa del derby, che arrivando alla penultima giornata sarà probabilmente decisivo. Andiamo allora a dare uno sguardo più approfondito alle probabili formazioni di Atalanta-Lazio.

La diretta tv di Atalanta-Lazio, alle ore 15, sarà trasmessa da Sky Calcio 2 (numero 252) sui canali del satellite; su Premium Calcio 2 (numero 372) su quelli del digitale terrestre.

Le quote Snai per la partita Atalanta-Lazio (ore 15) ci forniscono le seguenti informazioni: segno 1 (vittoria Atalanta) a 5,00; segno X (pareggio) a 3,60; segno 2 (vittoria Lazio) a 1,70.

Il pareggio di Cesena ha probabilmente messo in ghiaccio la salvezza; l’Atalanta deve difendere 9 punti di vantaggio sui romagnoli e sul Cagliari, avendo con entrambe il vantaggio nel doppio confronto. E’ sempre ai box Raimondi ed è squalificato Benalouane, ma potrebbe vedersi in panchina Cherubin; ad ogni modo per quanto riguarda la difesa il favorito per prendere il posto di Benalouane è Andrea Masiello, con Bellini che si allarga sulla destra (si gioca il posto con Zappacosta) e la conferma di Stendardo favorito su Biava. A sinistra c’è Dramé; per il resto la formazione potrebbe cambiare per l’inserimento in campo di D’Alessandro, un fattore quando è stato messo dentro a Cesena e dunque probabile ala destra nel centrocampo a quattro, mentre dall’altra parte è titolare Alejandro Gomez e in mezzo Migliaccio potrebbe prendere il posto di Carmona con la conferma di Cigarini a impostare la manovra. Davanti Reja gioca sul sicuro: Maxi Moralez è il trequartista in appoggio a Pinilla, sempre più decisivo in questo periodo. Denis è ancora squalificato, secondo dei cinque turni di stop per il pugno rifilato a Tonelli. 

Pioli si gioca tutto in queste cinque giornate: spera di recuperare De Vrij e Lucas Biglia per l’Inter, ma oggi deve ancora farne a meno e non avrà nemmeno Klose che è squalificato. Come prima punta dunque agirà ancora Keita Balde Diao, che mercoledì sera ha trovato il primo gol in campionato; l’alternativa è utilizzare Stefano Mauri come finto attaccante, ma il capitano non è ancora al meglio e potrebbe partire dalla panchina. Lo schema sarà il 4-3-3: Candreva e Felipe Anderson le frecce che partono dall’esterno, e che avranno sulla loro catena di riferimento Basta e Radu (il cui ginocchio sta bene). Per sostituire De Vrij la prima soluzione è Ciani, già in campo contro il Parma; a centrocampo conferma per Cataldi (che si gioca il posto con Parolo) e Ledesma, mentre Onazi rientra dalla squalifica ma dovrebbe cedere il posto a Lulic. Potrebbe anche essere utilizzato il 4-2-3-1, nel qual caso Lulic può tornare utile per giocare come esterno nella linea di mezzepunte, portando al centro Felipe Anderson (come si era già visto contro la Juventus, a dire il vero senza particolare costrutto).