BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NUOVO PRESIDENTE FIFA/ Platini contro Blatter: l’Uefa potrebbe uscire dalla Federazione

Pubblicazione:sabato 30 maggio 2015 - Ultimo aggiornamento:sabato 30 maggio 2015, 15.01

Blatter, presidente Fifa (Infophoto) Blatter, presidente Fifa (Infophoto)

NUOVO PRESIDENTE FIFA PLATINI CONTRO BLATTER: L’UEFA POTREBBE USCIRE DALLA FEDERAZIONE – Sono clamorose le dichiarazioni rilasciate dal presidente dell’Uefa, Michel Platini. A margine di una riunione dell’Esecutivo l’ex numero 10 della Juventus ha “minacciato” la scissione dalla FIFA dopo l’elezione di Blatter a presidente, in seguito al clamoroso scandalo che ha colpito la Federazione negli scorsi giorni. Così il manager transalpino: «Uscire dalla FIFA? Vedremo, ne discuteremo già a Berlino, in occasione della finale di Champions League». Blatter ha battuto il Principe Alì, il candidato appoggiato da Platini e dalla frangia che voleva "il nuovo" in seno alla Federazione, ma è andata male: «Il suo è comunque un bel risultato – aggiunge il tre volte Pallone d’Oro - essendo partito da zero e avendo alla fine ottenuto 73 voti».

NUOVO PRESIDENTE FIFA BLATTER CONTRO PLATINI: LA UEFA MI ODIA, MICHEL NON DIMENTICO… - Forse un po’ a sorpresa, o forse come era ampiamente previsto, il presidente eletto ieri dalla Fifa è nuovamente Sepp Blatter. Confermato così il suo ruolo nella federazione calcistica, nonostante gli scandali degli scorsi giorni che hanno portato all’arresto di diversi dirigenti. Stamane Blatter ha parlato ai microfoni degli svizzeri di RTS, puntando il dito contro l’UEFA e Michel Platini, numero uno dell’organizzazione europea, che aveva attaccato Blatter a sua volta pochi giorni fa: «C'è un odio che non viene soltanto da una persona, ma da un'organizzazione l'Uefa – dice il presidente della Fifa - che non ha capito che nel 1998 sono diventato presidente. Platini? Perdono tutto il mondo, ma non dimentico». Blatter, alle ore 12.00, ha tenuto anche la conferenza di chiusura del congresso di Zurigo, dicendo nuovamente la sua sui fattacci degli scorsi giorni: «Non so entrare nello specifico di queste accuse, non mi riguardano. Lasciamo che le indagini vadano avanti... i soldi a Warner li avrei dati io? Non rispondo a questo genere di domande. Chi fa le indagini ha diritto di farle, anche su di me. Ma io non ho nessuna preoccupazione: non ho mai avuto paura di essere arrestato. Arrestato per cosa, poi? Io posso parlare solo della mia persona. I membri del comitato non sono eletti da me o dall'organo che ha eletto me. Ci sono responsabilità personali che non mi toccano...». Infine smentisce la possibilità di una scissione dall’Uefa: «Uefa fa parte della Fifa. Abbiamo bisogno gli uni degli altri. Ed entrambi abbiamo a cuore l'immagine della coppa del Mondo».



© Riproduzione Riservata.