BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ PSG-Auxerre: i voti della partita (finale Coppa di Francia 2015)

Laurent Blanc, 49 anni, allenatore del PSG (INFOPHOTO)Laurent Blanc, 49 anni, allenatore del PSG (INFOPHOTO)

LE PAGELLE DI AUXERRE-PSG: I VOTI DELL' A.J.A.

LEON 6,5: Si dimostra un ottimo portiere compiendo numerose parate sui tiri del Psg e infonde sicurezza ai suoi compagni con uscite sempre perfette. In occasione del gol di Cavani non può far nulla.

AGUILAR 6: E' attento e concentrato per tutta la partita e non lascia spazi a Maxwell dalle sue parti.

PUYGRENIER 6,5: Ottima prova in difesa del capitano dell'Auxerre. Sventa numerosi pericoli nella propria area e a parte qualche sbavatura gioca una buonissima partita. 

FONTAINE 6: E' attento e concentrato per tutta la gara, ma si perde Cavani in occasione del gol.

DJELLABI 5,5: I pericoli maggiori per l'Auxerre arrivano dalle sue parti.

MULUMBA 6: Prestazione sufficiente. Conquista numerosi palloni in mezzo al campo e sbaglia pochissimo.

DALL'86° VINCENT: S.V.

BEN IDIR 5: Incide poco in mezzo al campo e fatica molto contro i centrocampisti parigini.

BABY 6: Parte in sordina, ma con il passare dei minuti acquista fiducia e si conquista la sufficienza con una prestazione sufficiente.

DALL'82' VIALE: S.V.

BERTHIER 5,5: Crea qualche problema alla difesa del Psg nei momenti migliori della sua squadra, mentre per lunghi tratti della partita esce dal gioco.

DALL'80' NABAB: S.V.

SAMMARITANO 6,5: Il fantasista francese nei primi minuti di gioco si rivela una spina nel fianco per la difesa del Psg. Per il resto del match non riesce a incidere più di tanto, ma gioca con qualità e da suoi piedi nascono le occasioni migliori per l'Auxerre.

DIARRA 6: Lotta contro i due centrali della nazionale brasiliana e riesce anche ad andare al tiro in più occasioni, ma senza successo. Prestazione comunque sufficiente.

VANNUCHI 6,5: La sua squadra si dimostra un avversario ostico per i campioni di Francia e i suoi giocatori possono uscire a testa alta da una finale combattuta fino all'ultimo minuto.

 

(Paolo Zaza)

© Riproduzione Riservata.