BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Serie A 2014-2015/ Gli Oscar del campionato: premio alla miglior scenografia

Serie A 2014-2015, gli Oscar del campionato: il premio alla miglior scenografia. Prima di interpreti e registi c'è l'allestimento: se la giocano Juventus, Lazio, Empoli, Genoa, Chievo…

Igli Tare (sinistra), 41 anni e Claudio Lotito, 58 (INFOPHOTO) Igli Tare (sinistra), 41 anni e Claudio Lotito, 58 (INFOPHOTO)

SERIE A 2014-2015, GLI OSCAR DEL CAMPIONATO: PREMIO ALLA MIGLIOR SCENOGRAFIA - Onore anche a presidenti, direttori sportivi ed osservatori, coloro ai quali spetta la scenografia delle varie squadre ovvero l'allestimento delle rose, da affidare poi alle mani dei registi. L'Oscar in questione non si pone come una classifica dal valore assoluto, più che altro indica gli investimenti e le operazioni di mercato che hanno dato i migliori frutti nell'ultimo torneo. Il lavoro di tecnici e dirigenti non si può etichettare in base alla singola stagione, troppi fattori concorrono alla riuscita o al temporaneo fallimento di una scelta. E' comunque giusto segnalare le squadre in cui gli acquisti hanno pesato in maniera rilevante, se non decisiva.

THE OSCAR GOES TO… Claudio Lotito-Igli Tare. In estate la dirigenza biancoceleste ha scelto un regista stimato ma non ancora del tutto affermato come Pioli. Quanto agli acquisti si è deciso di alzare il livello: anzitutto Basta e Parolo, giocatori nel pieno degli anni ed ormai amici della Serie A, che conoscono a memoria. Prima ancora in realtà il colpo Filip Djordjevic, rivelatosi buona alternativa a Klose e costato niente a livello di cartellino. Infine De Vrij, vero e proprio barbatrucco del mercato estivo: il miglior difensore dell'ultimo mondiale convinto a venire in Italia. L'argentino Gentiletti ha lasciato intravedere buone cose, il brasiliano Mauricio un pò meno mentre l'olandese Braafheid è un rincalzo discreto. Infine il colpo fatto in casa ovvero Felipe Anderson (il prossimo sarà Keita?): risultato, 13 punti in più rispetto al 2013-2014 e terzo posto a spese del più quotato Napoli.

ALTRE NOMINATION - Migliorare i 102 punti dell'ultimo Conte era impresa impossibile, tuttavia la Juventus si è confermata in Italia e migliorata in Europa confermando la straordinaria qualità del suo cuore pulsante, ma anche delle ultime aggiunte. Morata su tutti, tanto che diventa sempre più difficile rimpiangere Immobile. Pereyra sta studiando da Vidal ed imparando in fretta, oggi è praticamente un titolare in più. Evra si è inserito bene, Coman ha mostrato colpi non ordinari, Matri è stato decisivo in Coppa Italia, Sturaro utile anche in Champions League, manca giusto Romulo che ha subito infortuni ed operazioni. Insomma il Gatto e la Volpe, la premiata ditta Marotta&Paratici, ha colpito ancora. E ha già 'abbindolato' Dybala e Khedira… Giusto anche soffermarsi su Genoa e Sassuolo, le squadre che più hanno scalato la classifica rispetto all'anno scorso (15 punti in più). Se le rispettive copertine sono tutte per Gasperini e Di Francesco, va sottolineato anche...