BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

ZEMAN/ Il boemo accusa il Pescara, la replica di Sebastiani: una cosa vergognosa

Zeman, il boemo accusa il Pescara, la replica di Sebastiani: una cosa vergognosa. Botta e risposta fra il neo tecnico del Lugano e il numero uno della società abruzzese

Zeman, allenatore Lugano (Infophoto)Zeman, allenatore Lugano (Infophoto)

Polemica a distanza fra Zdenek Zeman e il Pescara. Il tecnico boemo è da poche ore ufficialmente il nuovo allenatore del Lugano, e in occasione dello sbarco in Svizzera lo stesso ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport, in cui ha svelato la richiesta della società abruzzese, che voleva farlo allenare ma a titolo gratuito. Poco fa è arrivata la replica del numero uno dei Delfini, Sebastiani, che a margine della premiazione della squadra alla Camera di Commercio della città, ha dichiarato: «Io eviterei anche di rispondere a Zeman perché, evidentemente, purtroppo sono stato io a non capire in questi anni questo allenatore e soprattutto questa persona. Quello che ha detto è una cosa vergognosa e grave perché io, come presidente del Pescara, non ho fatto nessuna proposta indecente a Zeman, sapendo anche come il mister tiene ai fatti suoi». Poi Sebastiani aggiunge: «Ribadisco che nessuno lo avrebbe mai chiamato, ci mancherebbe per venire gratis a Pescara. Se c'è qualcuno che non ha mantenuto la parola che aveva dato al Pescara non è certo il Delfino Pescara, ma Zeman, che tre anni fa disse che sarebbe stato un pazzo ad andare via e il giorno dopo invece ha lasciato Pescara. Il mister però è così e, forse, più passa il tempo più capisco quelle persone che lo avevano catalogato in un certo modo». Dure parole quindi da parte del presidente del Pescara, ed ora si attende la probabile replica di Zeman, che nonostante sia andato via dall’Italia continua ad essere al centro delle polemiche.

© Riproduzione Riservata.