BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Giochi Europei Baku 2015/ Medagliere finale, Italia sesta. Il commento di Malagò

Pubblicazione:lunedì 29 giugno 2015

Lo stadio di Baku (da Facebook Baku 2015 European Games) Lo stadio di Baku (da Facebook Baku 2015 European Games)

GIOCHI EUROPEI BAKU 2015: MEDAGLIERE FINALE – Si sono conclusi ieri i Giochi Europei Baku 2015, prima edizione di questa manifestazione multidisciplinare, una sorta di Olimpiade riservata però solo ai Paesi europei, sul modello di simili eventi già presenti in altre parti del mondo. Dunque è il momento dei bilanci: a livello generale luci ed ombre, perché il livello è stato ottimo in alcuni sport (in particolare quelli dove c'erano in ballo qualificazioni per Rio 2016), buono in altri, ad esempio il nuoto che ha deciso di dedicarli alla categoria juniores aprendoci una finestra sul futuro, deludente in altri come ad esempio l'atletica, senza contare i compromessi come quelli che hanno visto il beach soccer e il 3 contro 3 in rappresentanza di calcio e basket. Restano le incognite sul futuro, dal momento che l'Olanda ha rinunciato ad organizzare l'edizione del 2019 e quindi c'è il rischio che questa prima volta - in un Azerbaigian che si è molto impegnato per lanciare la sua candidatura per le vere Olimpiadi - resti isolata. In ottica azzurra, l'Italia ha chiuso al sesto posto nel medagliere con 10 medaglie d'oro, 26 argenti e 11 bronzi: in totale 47 medaglie, un numero più che soddisfacente, anche se qualche oro in più al posto di una marea di argenti avrebbe fatto piacere. Nei bilanci naturalmente va tenuto del fatto che solo Russia e Azerbaigian hanno approntato per Baku una spedizione di alto livello: ecco così spiegato il dominio totale dei russi, 164 medaglie di cui 79 d'oro, ma anche il secondo posto dei padroni di casa, non di certo una potenza ma capaci di ottenere 56 medaglie di cui 21 d'oro, precedendo Gran Bretagna, Germania, Francia e appunto Italia. I nostri punti di forza si sono confermati ancora una volta il tiro con l'arco, il tiro a segno e il tiro a volo, dove schieravamo anche i nostri atleti di punta, oltre alla scherma dove non erano presenti i big ma comunque siamo andati sul podio con regolarità. Bene anche il nuoto, dove abbiamo conosciuto alcuni interessanti talenti azzurri, e la boxe pur con il rammarico di cinque argenti su altrettante finali raggiunte. Splendido anche il podio del beach soccer, mentre le delusioni sono state senza dubbio il judo (dove Baku valeva come vero e proprio Europeo) e la pallavolo. Questa l'analisi di Giovanni Malagò, presidente del Coni: “Il bilancio della prima edizione dei Giochi Europei disputati a Baku è sicuramente positivo. Sono molto soddisfatto. Si trattava di una nuova esperienza ed è stata vissuta con l'atteggiamento giusto e con la volontà di soddisfare la curiosità e le attese che avevano caratterizzato la vigilia della manifestazione. E' stata un'occasione di confronto dove abbiamo verificato ancora una volta che la concorrenza sta crescendo e non solo tra le storiche grandi potenze dello sport internazionale. Credo che i risultati ottenuti dall'Italia abbiano confermato il nostro ruolo preminente nel contesto europeo e nello stesso tempo abbiamo ottenuto quelle indicazioni giuste per cercare di superare le criticità, migliorandoci e ottimizzando il percorso di avvicinamento a Rio 2016. Baku è stata una tappa importante verso le prossime Olimpiadi. In questo senso bisogna dare atto ai COE, al suo presidente Patrick Hickey, e al Comitato Organizzatore di aver allestito una manifestazione dagli interessanti contenuti tecnici, che ha costituito una prova generale in vista dei Giochi Olimpici”. (Mauro Mantegazza) CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER IL MEDAGLIERE FINALE DEI GIOCHI EUROPEI BAKU 2015


  PAG. SUCC. >