BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Probabili Formazioni / Argentina-Paraguay: quote, le ultime novità. I protagonisti attesi (semifinale Coppa America 2015, 1 luglio)

Probabili formazioni Argentina-Paraguay: le quote e le ultime novità sulla seconda semifinale di Coppa America 2015. Si gioca all'Estadio Municipal de Concepcion alle ore 1.30 italiane

Foto Infophoto Foto Infophoto

Vediamo i possibili protagonisti della partita di Coppa America. E’ una semifinale e quindi c’è tanta tensione in campo, ma ci sono calciatori che hanno vissuto tante partite di questo genere e dunque non tremeranno. Come sempre abbiamo scelto un giocatore per squadra. Sarà banale, ma adesso la Pulce non si può nascondere. Che in nazionale abbia sempre faticato di più è assodato, le prestazioni le ha sempre garantite ma il suo popolo gli chiede di prendere per mano l’Albiceleste e farle vincere qualcosa di importante. Finora è fermo a un solo gol su rigore in questa edizione: arriverà la svolta in semifinale? Classe ’94 ma già grande protagonista: può diventare il leader della nazionale del futuro. E’ esploso nel Basilea, come sempre molto attento nello scoprire talenti da tutto il mondo; un esterno offensivo veloce e con tanta qualità, che vede la porta e ha già fatto un’importante esperienza in Champions League. Stasera non sarà facile, ma con l’aiuto dei veterani può incidere sulla semifinale e proseguire il sogno del Paraguay in questa Coppa America 2015.

Andiamo a scoprire quali sono i calciatori diffidati entrando in questa partita. Per entrambe le squadre c’è la possibilità di arrivare in finale ma un’ammonizione potrebbe privare i Commissari Tecnici di elementi importanti. Per l’Argentina si tratta di giocatori addirittura vitali: d’accordo che la rosa dell’Albiceleste è profondissima ma non avere a disposizione Javier Mascherano, Leo Messi e Sergio Aguero per la finale sarebbe un duro colpo. Soprattutto il centrocampista, vero metronomo del gioco dell’Argentina e giocatore unico e imprescindibile. Nel Paraguay sono diffidati invece Oscar Martinez, Bruno Valdez e Pablo Aguilar; due di loro sono titolari ed elementi importanti per la difesa, e ovviamente stasera saranno più esposti a cartellini gialli dovendo confrontarsi con i veloci e talentuosi attaccanti argentini.

All’Estadio Municipal di Concepcion si gioca questa sera la partita valida per la seconda semifinale di Coppa America 2015. Il Cile aspetta già in finale, ora si tratta di capire se la partita per il titolo sarà quella più attesa contro la Seleccion o se il Paraguay per la seconda edizione consecutiva sarà in grado di sovvertire i pronostici e volare in finale. Si sfidano altri due allenatori argentini, con la particolarità che Gerardo Martino ha allenato il Paraguay ed è stato proprio lui a portarlo alla finale di Coppa America quattro anni fa, oltre che ai quarti del Mondiale 2010; ora siede sulla panchina dell’Albiceleste. Arbitra la partita il brasiliano Sandro Ricci; andiamo dunque a dare uno sguardo più approfondito alle probabili formazioni di Argentina-Paraguay.

La diretta tv di Argentina-Paraguay delle 1.30 della mattina italiana sarà trasmessa da Gazzetta Tv, canale che trovate al numero 59 del vostro televisore.

Le quote Snai per la partita Argentina-Paraguay (ore 1.30 della mattina italiana) ci forniscono le seguenti informazioni: segno 1 (vittoria Argentina) a 1,45; segno X (pareggio) a 4,25; segno 2 (vittoria Paraguay) a 7,50.

Il Tata Martino non ha giocatori indisponibili ma deve stare attento per l’eventuale finale: ha infatti sotto diffida Mascherano, Messi e Aguero che sono forse i tre calciatori più importanti di questa Argentina. Che gioca con il 4-3-3, riprendendo dunque il modulo con cui è arrivata in finale al Mondiale; sono cambiati poco anche gli interpreti, Messi gioca largo a destra come nell’ultima versione del Barcellona, lasciando il posto di punta centrale ad Aguero. A sinistra c’è Di Maria, forse ancora più letale quando può partire dall’altra parte ma giocatore fondamentale per gli equilibri e le accelerazioni. Un super attacco deve essere coperto da un centrocampo che sappia faticare: Mascherano in questo è un maestro, Lucas Biglia arriva da una grande stagione con la Lazio e sa adattarsi all’interdizione abbandonando parzialmente la regia. Per le incursioni in zona gol e i fraseggi c’è la qualità di Javier Pastore, che ha conquistato una maglia da titolare a scapito di Fernando Gago. La difesa è quasi in toto quella del Mondiale: ha perso il posto Demichelis perchè ora gioca Otamendi, l’altro centrale è Ezequiel Garay mentre sulle corsie sono stati confermati sia Zabaleta che Marcos Rojo, nonostante quest’ultimo abbia avuto qualche problema nella sua prima stagione al Manchester United. In porta c’è sempre Sergio Romero, preferito ad Andujar.

Il Paraguay di Ramon Diaz gioca con il 4-2-3-1, schema che ha mutuato dalle sue precedenti versioni. Il punto focale della formazione sta in mezzo, dove il veterano Victor Caceres e il giovane Ortiz sono bravissimi a fare schermo alla difesa ma anche creare gioco e all’occorrenza (più il primo del secondo) lanciarsi negli spazi aperti dai trequartisti. Che hanno talento e fiuto del gol, soprattutto Nelson Valdez il quale si è formato a lungo in Europa e adesso sogna un titolo con la sua nazionale. L’attaccante dell’Eintracht Francoforte parte centralmente, avendo a destra il ventunenne Derlis Gonzalez che si è affermato nel Basilea e a sinistra Edgar Benitez. Per il ruolo di punta centrale è ballottaggio tra gli esperti Roque Santa Cruz (che sembra favorito) e Lucas Barrios, ma non va sottovalutato il contributo che eventualmente potrà dare Raul Bobadilla; dalla panchina si può alzare anche Eduardo Aranda, che per un breve periodo ha giocato nel Vasco da Gama. Per la difesa i centrali sono Pablo Aguilar e Paulo Da Silva; non è stato convocato Antolin Alcaraz, che ci segnò al Mondiale di cinque anni fa. Sulle corsie agiscono Bruno Valdez e Ivan Piris, che nell’Udinese ha giocato spesso sulla corsia sinistra sapendosi adattare piuttosto bene.